social-tristezza

Che i social network abbiano un ruolo cruciale sia su Internet che nella nostra vita è più che noto. Ci consentono di comunicare, informarci, ridurre le distanze, incontrarci di nuovo con persone che non incontravamo da molto tempo e molto di più. A prima vista, sono l’invenzione perfetta. Ma il problema, come nella maggior parte delle cose, non è la piattaforma sociale, ma l’uso che diamo loro.

Cosa sono i social network? Fondamentalmente sono strumenti digitali che consentono agli utenti di creare un profilo con tutti i loro dati e condividerlo con altri utenti. Ma soprattutto, sono il modo in cui le relazioni personali sono attualmente strutturate in tutto il mondo.

Sfortunatamente, se non sei presente in almeno un social network, sei lasciato fuori da molte cose e, in un certo senso, ti senti escluso. Anche se hai Facebook ma non lo usi troppo (cioè non condividi tutta la tua vita quotidianamente), sarai tagliato fuori allo stesso modo. E’ quasi come non esistere per il mondo virtuale da cui ora dipendiamo così tanto.

 

Il lato oscuro dei social network

Esistere per essere nei social network. Sembra illogico che una serie di applicazioni possa determinare la nostra vita. E non solo. Usando ciascuna di queste reti, costruiamo una vita, una personalità che, se smettiamo di pensare, a volte è lontano dalla realtà.

Hanno così tanto peso, che questa realtà virtuale e la nostra vera vita sono intrecciate e confuse in modo tale che ci sono momenti in cui facciamo certe cose semplicemente per mostrarle attraverso il nostro profilo Facebook. Con i loro strumenti siamo in grado di “creare” a nostro capriccio, eliminando ciò che non ci piace e aggiungendo tutto ciò che consideriamo ben visto per mostrarlo a tutti.

È possibile che da una foto di Instagram, uno stato di Facebook e un video di Snapchat, le persone ci conoscano? O sanno solo cosa vogliamo che sappiano? Nel mondo dei social network, siamo chi vorremmo essere. Condividiamo frasi sulla felicità quando siamo molto tristi, tecniche di esercizio che non applichiamo mai, ricette di cibi sani che non mangiamo veramente e migliaia di cose, solo per apparire. E, fondamentalmente, è un’illusione, una costruzione che ciascuno di noi elabora deliberatamente per mostrare agli altri.

Il lato oscuro dei social network ha a che fare con la nostra percezione della perfezione e averla su una specie di piedistallo, come obiettivo che cerchiamo costantemente di raggiungere attraverso strumenti virtuali. Essere felici non è qualcosa a cui aspirare, ma un requisito. Ecco perché non è un caso che, sfogliando semplicemente il nostro feed di Facebook, quasi tutto ciò che vediamo sia una buona notizia, foto di momenti felici o video di feste esilaranti.

Il grosso problema è che la falsa immagine della felicità supera la verità e il danno che ci fa è qualcosa di cui non siamo a conoscenza.

La parte più triste è che mostriamo solo una parte della storia, nascondiamo i nostri problemi e vogliamo che gli altri vedano il bene, il positivo, facendo pensare ai nostri amici “Che bella vita hai! Sembra così felice!”. Ci sforziamo così tanto di mostrare quella realtà immaginaria, che finiamo per credere di essere felici. Ma lo siamo davvero? Non è che ci stiamo lasciando divorare da quella competizione, dove ognuno deve dimostrare di avere una vita migliore dell’altro?

Non dovremmo prendere troppo sul serio le foto che vediamo dei nostri amici su Instagram o Facebook e nemmeno loro dovrebbero credere così tanto nelle nostre. Perché ciò che vediamo non è altro che una costruzione, un piccolo taglio, spesso alterato, di una realtà molto più ampia.

Dovremmo essere in grado di mostrarci come siamo, con il buono e anche il cattivo lato di noi stessi. O meglio ancora, smettere di vivere in attesa di quello che gli altri potrebbero pensare della nostra vita e iniziare a viverla al 100%. Perché, altrimenti, a cosa serve avere 2.000 amici su Facebook, se quando la giornata finisce e spegniamo il telefono, siamo completamente soli? Il tempo passa troppo rapidamente ed è importante che ci godiamo ogni momento e non lo perdiamo creando un ideale che non esiste e che non ci darà mai soddisfazione se non ci occupiamo della nostra vita di carne e sangue.

 

Una fuga dalla realtà

Molte volte usiamo i social network come un modo per sfuggire alla nostra realtà. Sono il nostro spazio di integrazione senza il quale ci troviamo in difficoltà, poiché significherebbe sentirsi isolati, e questo è qualcosa che più si teme.

Ci piace essere connessi, va bene. Questo non è qualcosa di negativo. Ma la situazione diventa complicata quando trascorriamo così tanto tempo a creare la nostra immagine, tanto da perdere completamente quello che dobbiamo dedicare alla nostra vita reale.

In fondo, non ci rendiamo conto di quanto questa percezione che abbiamo di tutto ciò che sembra perfetto ci debba far del male. La frustrazione e la depressione sono solo alcune delle conseguenze che devono farci comprendere che la nostra vita non è perfetta come la dipingiamo sui social network o non è migliore di quella dei nostri amici.

Uno studio condotto presso l’Università della California ha dimostrato che, quando vediamo l’attività dei nostri amici sulle reti social, siamo portati a credere che la loro vita sia molto migliore della nostra e stare male. Inoltre, è stato anche estratto dallo studio che, ogni volta che pubblichiamo qualcosa provoca un’interazione, il nostro cervello agisce come quando otteniamo un risultato, come se ci fosse data una ricompensa.

Qual è la necessità di mostrare qualcosa che non siamo? Nemmeno la vita stessa è sempre buona, esistono sia i periodi brutti che quelli buoni, e dobbiamo accettarlo. L’unica cosa che guadagniamo quando proviamo a mostrarci perfetti è l’ansia di sapere che non lo siamo davvero.

Questo non significa che dovremmo essere un libro aperto, con l’obbligo di dover dire tutto e parlare di tutto ciò che ci accade in modo che quelli dall’altra parte dello schermo lo vedano. Tuttavia, nessuno è obbligato a condividere tutto, questa non è la ricetta della felicità per nessuno di noi.

Non dovremmo vedere i social network come un’opportunità per avere una vita parallela e iniziare ad essere un po’ più autentici. Questo è l’unico modo per stare bene con noi stessi perché, dopotutto, dimostrando di essere felici quando non lo siamo, ci rende ancora più infelici e insoddisfatti.

Cercare di fingere di essere semplicemente accettati dagli altri non è quello che dovremmo fare sui social media. Smettiamo di essere esseri umani per essere un’immagine o solo una biografia, come la chiama Facebook, dove non vogliamo che nessuno approfondisca in modo da nascondere la verità.

Siamo di fronte allo schermo, ad occhi aperti, ma sembriamo addormentati, sottomessi di fronte alla società virtuale che ci domina. Questo ci rende sempre più soli, anche se pensiamo diversamente ed è per questo che abbiamo bisogno dell’accettazione del maggior numero di persone per sentirci bene.

Travestiamo i nostri veri sentimenti per mostrare solo il bene e il divertimento e ci sentiamo completi dopo aver visto la quantità di Mi piace che riceviamo per questo. È sicuramente una costruzione che non fa altro che isolarci e renderci un po’ più spaventosi ogni giorno.

Possiamo mai smettere di creare questa vita fantastica e mostrarci al mondo in modo più autentico? Lasciando da parte il telefono, ad esempio, e alzando la testa per vedere ciò che ci circonda e rendendoci conto che, sebbene ci siano momenti difficili, possiamo superarli. E, ancora, se passiamo un’intera giornata da soli a casa senza interagire con nessuno, va bene perchè la solitudine, a volte, non è così male come sembra. E sebbene la nostra realtà non sia ciò che abbiamo sognato, possiamo essere felici in una vita reale e imperfetta.