Archivio dei tag social network

Federica DiFederica

Cos’è l’orbiting, il nuovo fenomeno dei social network associato al mal d’amore

Oggi l’influenza dei social network è innegabile ed ha assunto una forma preponderante nella nostra esistenza. Qualche tempo fa siamo rimasti sorpresi dalla definizione di ghosting, un termine che riassume il momento in cui una persona che ha avuto un forte legame con un’altra, come un partner o un amico, ipso facto interrompe ogni comunicazione e diventa un fantasma, appunto.

Oggi, nel 2019, il nuovo termine creato dall’interazione in reti come Facebook, Twitter o Instagram è “orbiting”, orbitante, ovvero il comportamento per cui una persona interrompe tutte le comunicazioni, ma segue ancora gli account di chi ha preferito non sentire e/o frequentare più. Tutto resta molto social: ci si scrive, si parla o si risponde ai messaggi, ritwitta i post o aggiungere reazioni alle foto. Ma tutto chiuso nelle “mura” delimitate dai social network.

 

Incertezza e confusione

In questo modo è possibile essere nell’orbita di altre persone, andare in giro e generare una risorsa di manipolazione psicologica come la confusione, perché se una persona scompare dalla vita fisica di qualcuno e si rifiuta di avere contatti, dà messaggio completamente contraddittorio continuando ad interagire nei social network. A battezzare il termine è stata la editorialista Anna Lovine, che ha affermato come questo tipo di contatto, alla fine, “ti tiene abbastanza vicino da poter essere osservato e abbastanza lontano da non dover mai parlare.

Tutto è nato quando in un articolo Lovine ha dichiarato: “Ho iniziato a uscire con un uomo, chiamiamolo Tyler, alcuni mesi fa. Ci siamo incontrati su Tinder, ovviamente, e dopo il nostro primo appuntamento ci siamo aggiunti su Facebook, Snapchat e Instagram. Dopo il nostro secondo appuntamento, ha smesso di rispondere ai miei messaggi di testo. Presto ho capito che la storia era finita, ma nei giorni seguenti ho notato che ha guardato ciascuna delle mie storie su Instagram e Snapchat e che era una delle prime persone a farlo”. Lovine contattò di nuovo il cosiddetto Tyler, che la ignorò di nuovo. Lei, confusa, ha smesso di seguirlo sulle diverse piattaforme, tranne su Instagram. Convinta, ha detto: “Questo non è ghosting. Questo è orbiting“. E si è resa conto di non essere stata l’unica a soffrirne.

Gli esperti affermano che soffrire di orbitingè due volte più frustrante dell’essere una vittima del ghosting, il che non sembrava possibile“. La psicologa Persia Lawson sottolinea che questa azione nasce dalla speculazione. “È un modo per mostrarti, ‘Guarda, sono ancora qui’, senza dover avere una relazione. La comunicazione viene mantenuta aperta nel caso queste persone decidano di voler riprenderla di nuovo“.

Da parte sua, lo scrittore Taylor Lorenz, sottolinea che la pratica è semplicemente un calcolo perché “vuoi mantenere qualcuno nel tuo gioco e non vuoi eliminarlo del tutto“. Infine, è qualcosa che può essere fatto perché implica solo dare un like, un commento o semplicemente un’emoji. Ma Lawson sostiene che è debilitante per la parte che lo riceve. In ogni caso, questa pratica non si limita esclusivamente agli ex partner o agli interessi romantici, poiché è applicabile anche quando “gli amici e i parenti di coloro che si sono allontanati, ma continuano ad orbitarli“.

La psicologa Michelle Crimins sottolinea che è essenziale fissare dei limiti, perché una tale pratica può far prendere tempo a una persona per riprendersi da una crisi d’amore. “Dobbiamo prestare attenzione ai nostri sentimenti, in modo che quando gli effetti negativi iniziano a superare quelli positivi, siamo in tempo per fermarci“.

Federica DiFederica

Social network e vacanze, una combinazione perfetta

Quando pensiamo all’estate, sicuramente ci vengono in mente le vacanze, le spiagge, il sole, gli amici, ecc. Quando arriva il momento della vacanza, partiamo, ma i social network cui siamo iscritti continuano a funzionare e hanno bisogno di contenuti per tenere aggiornati i nostri follower con le ultime notizie sulla tua attività.

Durante la stagione estiva molti utenti continuano a connettersi ai social network. Con i nostri smartphone e molto tempo libero, abbiamo a disposizione tutte le novità che più ci interessano. E anche quelle di cui potremmo farne volentieri a meno.

 

I tuoi social network vengono in vacanza con te

E’ importante, dunque, continuare a lavorare come se fosse un’altra sezione della nostra vita. Non abbandonare i nostri social è fondamentale perchè i nostri contatti continuano ad aspettare le attività che ci riguardano. Analizzare le attività, osservare le fasce oraria in cui gli utenti si connettono più frequentemente: sono solo due step da non trascurare. È anche importante vagliare il tipo di contenuti da pubblicare, con uno sguardo a qualcosa che sia qualcosa sempre leggero, fresco e nuovo.

È normale che in questo periodo dell’anno le aziende traggano vantaggio dagli strumenti di automazione per programmare i contenuti. Non cadere in tentazione è fondamentale: la programmazione eccessiva è dannosa in quanto disumanizza il marchio – qualora siate un’azienda o abbiate un sito tutto vostro. E’ determinante monitorare quotidianamente i social network perché ci sarà sempre un commento a cui rispondere, una menzione che “piace” o meno, ecc.

Approfitta del fatto che la competizione è più rilassata e osserva cosa, come, quando e dove pubblica. Analizza i tuoi punti deboli e forti e usali a tuo vantaggio. Le lacune della tua concorrenza possono anche essere un buon insegnamento e qualcosa da cui trarre vantaggio. Ci sono migliaia di idee e modi per superare i nostri limiti.

Condividi i contenuti del blog o del sito poiché, con così tanto tempo libero, gli utenti adoreranno leggere un contenuto aggiornato, fresco e divertente.  Pubblica foto attraenti e “rinfrescanti”. Utilizza promozioni e contest per aumentare l’interazione. In questo modo, i follower possono interagire con la pubblicazione e aumentare la sua diffusione chiedendo di menzionare fare altrettanto con altre persone. Come questo esempio, ce ne sono molti altri. Pensa a qualcosa di divertente e fallo!

Come vedi, gestire i social network di un’azienda non è facile: richiede molta dedizione e disponibilità totale (24/7), anche in estate. Non abbandonare mai i tuoi social network. Se invece disponi di scarsa disponibilità, delegare questa attività a un’agenzia qualificata potrebbe essere uno strumento necessario.

Federica DiFederica

Internet ed elezioni: come i social network irrompono nella comunicazione politica

Vi siete mai chiesti perchè oggi la politica si fa sui social network? Un (non) luogo inappropriato, sebbene al passo con i tempi, che nella maggior parte dei casi fomenta discussioni spesso inutili fra utenti. Cercheremo, quindi, di dare una spiegazione quanto più reale sull’irruzione dei social network nella comunicazione politica e la formazione di partiti politici. O viceversa.

 

Alcuni dati

Partiamo dai numeri: le persone che utilizzano dispositivi con accesso a Internet e la quantità di traffico generato è in crescita esponenziale. Ad esempio, 37.669 GB sono condivisi ogni secondo e, secondo Cisco, nel 2022 verrà creato più traffico rispetto agli ultimi 32 anni dal 60% della popolazione mondiale che utilizzerà Internet; ci saranno più di 28 miliardi di dispositivi connessi e un traffico IP di 396 exabyte al mese.

Soffermandosi sul caso delle grandi aziende e sulla tecnologia, la loro crescita negli ultimi anni è dovuta alla “loro gratuità e all’offerta di servizi senza barriere economiche“. Un fatto che spicca è che la vita media delle grandi aziende è passata da 65 a 15 anni. Ci sono cinque elementi per comprendere il successo di piattaforme come Facebook o Google: esigenze eccezionali, semplificazione, centralizzazione, scalabilità e vendita di esperienze.

I nostri comportamenti digitali stanno lasciando una traccia, un’impronta digitale, sotto forma di dati che rappresentano la principale fonte di reddito per la grande tecnologia. Google, ad esempio, sa cosa stiamo cercando, a che ora lo cerchiamo, dove lo cerchiamo, ecc. E noi cerchiamo qualcosa solo quando siamo interessati. L’attività nelle reti (pubblicazioni, conversazioni, comunità) genera un’enorme quantità di informazioni su chi siamo, cosa pensiamo, con chi ci relazioniamo e altro.

Di conseguenza, i politici sfruttano la loro comunicazione attraverso Internet spiegando che le persone “vivono” in rete e siamo passati dalla società del codice postale alla società del codice IP, dei seguaci, dei contatti, della comunità dei vicini alla comunità di cose e argomenti di interesse.

Il potere passa di mano e cambia forma. La lotta per l’attenzione (e non per l’informazione) distrugge la base degli argomenti e della politica. I leader non si incontrano, parlano e governano via Facebook, Twitter e WhatsApp.

 

Distinzione tra potere civile e partiti politici

In un contesto in cui i partiti politici hanno una pessima immagine e i cittadini si aspettano poco o nulla in politica, il dibattito su quale modello di partito, che tipo di politica e di impegno politico ci si aspetti è in piena espansione. I movimenti civici sono utili a mobilitare, all’attivismo. La differenza fondamentale è che un partito ha lo scopo di ottenere la rappresentanza nel potere politico. D’altra parte, l’obiettivo di un movimento è lottare per determinati obiettivi sociali, cercando di convincere i cittadini.

E Internet è diventato un ecosistema dinamico e fertile per la partecipazione dei cittadini, non solo perché porta nuove possibilità alle metodologie tradizionali, ma perché genera le proprie dinamiche attraverso i suoi partecipanti.

Il concetto tecnopolitico allude all’uso tattico e strategico degli strumenti digitali nell’organizzazione, nella comunicazione e nell’azione collettiva.  È il paradigma che consente alla politica formale di rinnovare il suo rapporto con i cittadini e stabilire collegamenti diretti, senza intermediari, e adattare la comunicazione istituzionale ortodossa a nuove lingue e canali.

Un altro punto importante è il ruolo delle emozioni. La politica delle emozioni è capire che il nostro cervello pensa ciò che sente e il ricco mondo delle emozioni, delle sensazioni, delle percezioni contribuisce a molte informazioni cognitive, anche se non ne siamo coscienti. Il politico deve costruire una storia capace di mobilitare i cittadini e collegarli emotivamente con il progetto che guidano, le emozioni giocano un ruolo fondamentale, motivo per cui, nell’arena politica, queste stanno iniziando ad essere valutate e concepite come un veicolo decisivo nel generare sensazioni di maggiore impatto nella trasmissione di messaggi.

La comunicazione politica ed elettorale affronta una crescente sfida: l’umorismo sociale e l’infiammazione emotiva delle nostre società introducono serie sfide per comprendere gli elettori, poichè siamo in un momento altamente instabile e incerto. Comprendere le emozioni profonde, capire la paura, affrontare le sensibilità.

Federica DiFederica

Come la tecnologia (e i social network) stanno cambiando il modo in cui comunichiamo

In un mondo in cui la tecnologia sta penetrando in tutte le aree della nostra quotidianità, è innegabile che trascorriamo la maggior parte del nostro tempo a guardare lo schermo dei nostri smartphone o a stare seduti davanti ad un computer, che sia per lavoro che per gioco.

Anche se la tecnologia ci assorbe e ci porta ad essere più sedentari e pigri del necessario, siamo perennemente collegati con mezzi virtuali. Diversi sondaggi hanno determinato che, in quanto esseri umani, e contro ogni previsione, ancora cerchiamo un’interazione sociale. E questa è una buona notizia.

Nell’immediato futuro, l’irruzione della tecnologia nelle nostre vite continuerà. Non solo è cambiato e cambierà il modo in cui comunichiamo con le persone che conosciamo, ma anche con quelli che non conosciamo e, in una certa misura, possiamo dire che la tecnologia è diventata così onnipresente nella nostra esistenza che non ne siamo nemmeno consapevoli.

 

I social network

È un argomento controverso su come i social network stiano cambiando il modo in cui comunichiamo. Piattaforme come Facebook e YouTube superano un miliardo di utenti attivi mensilmente. E questo dà origine a un’idea del modo in cui abbiano completamente ridefinito la maniera in cui costruiamo e manteniamo le relazioni.

Questi social network si sono fatti strada nei nostri uffici, nei salotti e persino nelle sale da pranzo delle nostre case. Sono persino diventati il ​​nostro modo preferito di incontrare le persone per stabilire relazioni “intime”.

Si stima che gli adulti trascorrano dalle 20 alle 28 ore settimanali sui social network e abbiano in media 275 connessioni personali attraverso i loro canali social. In alcuni casi, dove questi dati vengono superati, la persona può finire per soffrire di una certa dipendenza da Facebook o dal social network che usa. Tuttavia, solo l’11% degli intervistati vede/incontra fisicamente le proprie connessioni social su base regolare. La comunicazione così come la conosciamo sta cambiando rapidamente.

I social network, gli smartphone e i cloud hanno cambiato le nostre vite, hanno cambiato il modo di comunicare e continueranno a rivoluzionare l’azienda e il nostro modo di vivere nei prossimi decenni. Lo si vede nel modo di relazionarsi su una pagina Facebook e nel linguaggio non sempre appropriato usato dagli utenti, giovani e meno giovani.

Ma una domanda che è più una riflessione è d’obbligo: così come l’hanno trasformata – al momento in negativo – è possibile che i social media e la tecnologia risolvano un problema di comunicazione che oggi non sempre è così cordiale e appropriata?

Federica DiFederica

Psicologia del “ghosting”: perché le persone scompaiono e non rispondono più su WhatsApp

Il “ghosting”, quel modo di scomparire dal rapporto con una persona, irrita molti a causa della mancanza di spiegazioni della persona che decide di chiudere definitivamente con il partner.

La parola è usata principalmente nelle relazioni sentimentali, che non si concludono faccia a faccia, ma semplicemente non rispondendo ai messaggi. Se vogliamo trovare una spiegazione, la scienza è dalla nostra parte.

 

Cosa dice la scienza

La spiegazione del perché il “ghosting” sia diventato così evidente e frequente è dovuto alla divulgazione delle nuove tecnologie: se stiamo inviando messaggi al nostro partner e, improvvisamente, la comunicazione viene interrotta dall’altra parte, capiamo chiaramente che non vuole parlarci. Questo rende la rottura molto più difficile di prima, ovvero di quando queste nuove tecnologie penetrassero nelle nostre vite.

Il ghosting ha anche a che fare con il modo in cui le relazioni sono cambiate, in un momento il cui l’essere presenti online è più facile che mai. Tara Collins, professore associato di psicologia presso Winthrop South Carolina University, ha spiegato che, in assenza di stretti legami (ad esempio, l’assenza di un legame sociale comune), è più facile andarsene e scomparire senza lasciare sequel. Collins dice anche che le persone a cui non piace avere una “vicinanza emotiva” hanno maggiori probabilità di sparire.

Ma cosa ne è delle persone che soffrono di ghosting?Alcune ricerche suggeriscono che questa forma di rigetto colpisca il cervello allo stesso modo del dolore fisico. Apparentemente, potrebbe essere perché queste persone considerano più offensivo interrompere una relazione tramite WhatsApp anziché faccia a faccia. Se qualcuno attua questo atteggiamento, la cosa migliore, secondo gli specialisti, è lasciare andare il fantasma, perché ha già dimostrato come gestisce le relazioni.

Inoltre, una buona difesa è non spiare i suoi profili sui social network e terminare con la comunicazione diretta. La salute mentale ringrazierà.

Uno studio dello scorso anno si è basato su un campione di 1.300 persone per approfondire la conoscenza che abbiamo del “ghosting”. Di questi, il 25% ha affermato di aver subito il “ghosting” di una coppia, mentre il 20% ha dichiarato di averlo fatto a qualcuno. Questa abitudine sembrava più comune tra gli amici che tra i partner. Un altro studio, anch’esso del 2018, ha dimostrato che le percentuali sono in aumento: quasi due – terzi dei partecipanti ha sostenuto di essere sparito dalla coppia e il 72% ha dichiarato di averlo subito.

Federica DiFederica

Influencer Marketing: chi sono i child influencer e quali sono le ragioni del loro successo

L’influencer marketing si sta espandendo rapidamente, diventando più professionale, e ha avuto un impatto praticamente su tutti i settori commerciali. Uno dei settori che ha sperimentato tale crescita in misura maggiore, grazie a queste nuove tecniche di marketing (e all’arrivo di “influencer parenting“), è il settore dei giocattoli.

 

Influencer Marketing nel settore dei giocattoli: origini e sviluppo

I giocattoli sono una parte importante dello sviluppo precoce di qualsiasi bambino e i genitori hanno un ruolo essenziale nella scelta e nell’acquisizione di questi prodotti. I social network e le nuove tecnologie offrono un modo alternativo per scoprire nuovi giocattoli che portano alla nascita di genitori e figli influenzatori all’interno di questo specifico settore.

Se analizziamo l’attuale panorama del marketing, possiamo vedere che i contenuti audiovisivi stanno avendo il maggiore impatto sul pubblico online, poiché i prodotti possono essere dimostrati al meglio delle loro capacità e gli influencer possono condividere le loro recensioni e raccomandazioni personali con i loro follower. Questo impatto è particolarmente accentuato nel settore dei giocattoli, in cui i contenuti audiovisivi sono estremamente ben accolti e percepiti dai bambini come un’altra forma di intrattenimento.

È importante sottolineare, tuttavia, che i genitori o i tutor dei bambini hanno il controllo completo dei loro profili sui social media, così come dei contenuti che creano e consumano. Pertanto, il marketing dei fattori influenzanti nel settore dei giocattoli non mira solo a colpire i bambini, ma anche i loro genitori.

 

Cosa sono gli influenzatori genitoriali?

Gli influencer genitoriali sono quelli che hanno una certa influenza sugli altri genitori, che si identificano con loro e li seguono sui social media. Condividono una vasta gamma di contenuti sui loro profili di social media, dai migliori consigli per i genitori per la prima volta, alle ricette e informazioni su prodotti o escursioni a misura di bambino. Di conseguenza, tendono a costruire una comunità estremamente leale, qualcosa che è estremamente prezioso per le aziende che desiderano rivolgersi a giovani famiglie.

 

Caratteristiche dell’influencer parenting

I genitori influenzatori creano blog e profili di social media per un motivo principale: condividere i loro stili di vita, esperienze e pensieri sull’essere genitori. Quindi, cosa caratterizza questi profili?

  • Tendono ad essere Millennials e quindi aggiornati con le nuove tecnologie;
  • Gestiscono il contenuto che i loro bambini consumano e si assicurano che sia sicuro e divertente;
  • La maggior parte del loro pubblico sono altri genitori che cercano consigli e supporto quando crescono e educano i propri figli;
  • Tutti promuovono l’idea di crescere i figli con amore e affetto, poiché questa è la chiave per una buona educazione;
  • Agli occhi di altri utenti, sono influenti affidabili, autentici e reali;
  • I genitori influenti hanno un grande successo sui social media perché, agli occhi degli altri utenti, sono affidabili, autentici e reali rispetto alle tradizionali strategie di marketing.

Bambini influencer

Gli influencer sono aggiornati con le ultime tendenze del giocattolo e le nuove uscite di prodotto; li vedono su YouTube o a scuola con i loro amici e riconoscono che il loro lavoro è richiedere e promuovere questi prodotti.

I bambini infuencer sono diventati un fenomeno tale che alcune delle star più grandi e influenti di YouTube in questo momento hanno 12 anni. Questi profili sono diventati famosi, grazie ai loro video divertenti e hanno contribuito a rafforzare il concetto di influencer orientati alla famiglia.

I bambini infuencer hanno gli stessi interessi di qualsiasi altro bambino; a loro piace essere parte di una comunità, condividere le loro esperienze, esplorare e divertirsi con i loro amici. Gli influenzatori dell’infanzia spesso percepiscono il loro status influente come un gioco in sé. Tuttavia, gli studi dimostrano che le campagne di maggior successo combinano sia i genitori che i bambini influenti e promuovono un ambiente idilliaco e quotidiano in cui i protagonisti sono facilmente identificabili.

 

Il ruolo dei marchi di giocattoli nell’influencer marketing

Quindi, ora sappiamo cosa caratterizza gli influenzatori di bambini e genitori. Cosa pensano i brand? Per le aziende di giocattoli, è essenziale che le loro azioni di influencer marketing riflettano i valori del loro marchio e li dipingano come marchi affidabili e trasparenti che sia i genitori che i bambini amano e sono suscettibili di raccomandare. Per raggiungere questo obiettivo, i marchi di giocattoli devono abbracciare il marketing di influencer per i seguenti motivi:

  • I giocattoli svolgono un ruolo importante nello sviluppo cognitivo di entrambi i bambini e della società nel suo complesso;
  • Anche i social network costituiscono una parte importante di questo sviluppo offrendo diverse e nuove alternative di intrattenimento.

Proprio come in qualsiasi altro settore, le campagne di influencer marketing mirano ad associare i marchi di giocattoli a valori specifici, oltre a dare loro maggiore visibilità e ad aiutarli a raggiungere determinati obiettivi commerciali. Quando si selezionano gli influenzatori genitoriali per rappresentare un marchio, i loro profili sui social media e i contenuti che condividono devono essere completamente in linea con i valori dell’azienda, così come l’idea che i giocattoli siano una parte importante dello sviluppo dei loro figli.

Federica DiFederica

Tutte le tendenze dei social network nel 2019

Strategie, nuove sfide e obiettivi fanno parte di tutto ciò che i brand propongono per raggiungere i propri clienti. E in questo 2019, l’ambiente digitale sarà più dinamico e stabilirà nuovi standard.

Queste previsioni sono state fatte da Hootsuite, la società che ha condotto un’indagine in cui ha delimitato una mappa di cinque tendenze nei social network per navigare e avere successo nel corso dei mesi di quest’anno. Il rapporto “si basa su un’indagine su oltre tremila clienti di Hootsuite – dalle grandi aziende alle piccole agenzie – eseguiti alla fine del 2018“, ha spiegato il responsabile dei contenuti.

Inoltre, aggiunge, il rapporto includeva informazioni rivelatrici su interviste avute con dozzine di analisti del settore. Secondo le nuove linee guida, i marchi dovrebbero essere più trasparenti e raccontare storie vere ed emozionanti.

La fiducia è il fattore più importante di tutti. Dopo il problema della diffusione dei dati di Facebook, le regole del gioco sono leggermente cambiate, lasciando un cattivo risultato: le persone si fidano di meno.

 

I punti chiave

Iniziare da zero. È tempo di ricostruire la fiducia. Le marche sono umanizzate, mentre il cerchio della fiducia nei social network si restringe.

Tornare al contenuto. Non si può lasciare da parte le storie. I team di contenuti si adattano ai nuovi formati offerti dalle storie da condividere.

Migliore pubblicità. Chiudere il vuoto pubblicitario. L’aumento della concorrenza negli annunci pagati su reti richiede ai marketer di migliorare la propria strategia.

Essere aggiornati. Presuppone decifrare il codice commerciale. I progressi nelle tecnologie di acquisto di rete stimolano (finalmente) gli acquisti.

Gli utenti non smettono di essere protagonisti. Le piattaforme di messaggistica sono padrone del settore. Gli utenti richiedono migliori esperienze personali faccia a faccia.

Federica DiFederica

Lasciare Facebook è inequivocabilmente positivo per la salute mentale

Molti di noi sono diventati così abituati ai social network che è difficile ricordare quando non esistevano nelle nostre vite. Nel corso dell’ultimo decennio, la quantità di tempo trascorso sui social network e davanti agli schermi di uno smartphone o di un PC è aumentata lentamente ma costantemente, il che ha destato l’interesse di molti professionisti della salute nel comprendere il suo impatto sulla salute umana.

 

Valutazione affidabile

Se sei una persona che trascorre molto tempo online, probabilmente hai anche sentito dire che i social network e controllare lo smartphone 128 volte al giorno può essere dannoso per la salute mentale, visto il frequente insorgere di ansia, depressione, diminuzione dell’autostima, alterazione del ritmo del sonno e dell’attenzione, tra gli altri effetti.

In questo senso, uno studio condotto da ricercatori della Stanford University e della New York University, considerata la più affidabile valutazione scientifica degli effetti dei social network, suggerisce che abbandonare Facebook sia inequivocabilmente positivo per la salute mentale.

Per raggiungere tale conclusione, il team di ricerca ha reclutato 2.844 utenti di Facebook che hanno utilizzato la piattaforma per più di 15 minuti ogni giorno. Inizialmente, a questi utenti è stato chiesto di completare numerosi questionari sul loro benessere generale, sulle loro opinioni politiche e sulla loro routine quotidiana. Quindi, a metà dei partecipanti è stato assegnato a caso di disattivare il proprio account Facebook per quattro settimane in cambio di un pagamento.

Dato che il social network è così avvincente e si può cadere in tentazione, i ricercatori hanno dovuto verificare regolarmente che i loro account di Facebook rimanessero disattivati. Durante tutto il mese è stato valutato l’umore dei partecipanti.

 

Miglioramenti nel benessere mentale

In generale, la disattivazione di Facebook tra i partecipanti ha ridotto l’attività online, incluso l’uso di altri social network, e ha aumentato l’attività offline, come guardare la televisione e socializzare di più con amici e familiari.

La ricerca suggerisce che i social network possono essere dannosi per la salute mentale. I ricercatori hanno anche scoperto che la disconnessione dal social network ha prodotto piccoli ma significativi miglioramenti nel benessere mentale dei partecipanti, in particolare in termini di felicità e soddisfazione della vita, oltre a una diminuzione dei livelli di depressione e ansia.

Tuttavia, era anche evidente che la disconnessione ha portato i partecipanti ad essere meno informati sugli eventi attuali.

Gli autori dello studio sottolineano che la ricerca offre le prove sperimentali su larga scala disponibili fino ad oggi su come Facebook influenzi una serie di misure di benessere sociale e individuale.

Pertanto, i risultati di questo studio aiutano a chiarire il dibattito incessante sull’influenza di Facebook sul comportamento, il pensiero e il benessere mentale dei suoi utenti attivi, che ammontano a 2,3 miliardi in tutto il mondo.

Federica DiFederica

Condividere una buona azione sui social network: egocentrismo o un modo per dare l’esempio?

Sebbene a volte non ne siamo testimoni, ogni giorno avvengono gesti di gentilezza che ammorbidiscono il cuore di chiunque. In questi casi, le persone tendono a comportarsi altruisticamente, lasciando da parte i propri interessi per aiutare qualcuno.

Tuttavia, vivendo nell’era della comunicazione, molte persone criticano quanti pubblicano le proprie opere sui social network. A questo proposito, gli atti di gentilezza dovrebbero essere fatti in modo disinteressato, quindi pubblicarli sui social network e far loro eco non è altro che uno spettacolo di egocentrismo e desiderio di attirare l’attenzione. In questo senso, aiutare gli altri attirando l’attenzione anziché perseguire l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore, rappresenta una strategia per dirigere il centro dell’attenzione su se stessi.

D’altra parte, c’è chi sostiene che pubblicare un’opera buona sui social network, indipendentemente dalle motivazioni alla base dell’atto, possa avere un effetto positivo sul comportamento del resto della società.

Come vediamo, la condivisione di un atto di gentilezza nei social network può essere interpretata in due modi che possono sembrare contrari. Tuttavia, se analizziamo i processi che mantengono il comportamento umano, possiamo sviluppare uno sguardo più approfondito al fenomeno e capire che, in alcuni casi, le cose non sono così dicotomiche come sembrano.

 

Condividere un atto di gentilezza sui social network è egocentrico?

L’egocentrismo può essere inteso come un tratto della personalità o una tendenza comportamentale per cui le persone agiscono, quasi esclusivamente, per i propri interessi, a scapito dei bisogni degli altri. Nel caso che ci riguarda, le persone che condividono i loro atti di gentilezza nei social network sono egoiste perché, invece di agire per il bene degli altri, lo fanno ricevendo attenzione e nutrendo il loro ego.

In altre parole, questo comportamento è criticabile sulla premessa che i loro atti di gentilezza, anziché perseguire l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore, sono stati progettati per ricevere il riconoscimento e l’approvazione degli altri, e ciò serve da nutrimento per l’ego. Si potrebbe dire allora che sarebbe un atto di propaganda personale.

Tuttavia, prima di rimproverare queste motivazioni, dobbiamo tenere a mente due fattori. In primo luogo, considerando che l’essere umano è una specie sociale, il riconoscimento dei loro coetanei è una fonte importante di motivazione per gran parte del nostro comportamento. D’altra parte, quando le persone fanno qualcosa che le fa sentire bene, tendono a ripetere quel comportamento in futuro. È ciò che è noto come principio del piacere. Analizziamo questi fattori.

 

Perché le persone condividono le loro buone opere sui social network?

Il comportamento umano può essere spiegato in termini di vari fattori. In particolare, si sostiene che le persone condividono le loro buone opere perché li fanno sentire bene con se stessi e con l’obiettivo di ricevere l’approvazione degli altri. Questo è ciò che la scienza dice a riguardo.

 

Principio di piacere

Molti teorici sostengono che il comportamento dell’essere umano è motivato dall’edonismo. Ciò implica agire su ciò che ci dà piacere ed evitare ciò che è spiacevole. In questo senso, ripeteremo i comportamenti che ci fanno sentire bene con noi stessi e, allo stesso tempo, evitiamo ogni forma di disagio.

Se prendiamo questi approcci per analizzare il comportamento di coloro che condividono i loro atti di gentilezza nei social network, potremmo dire che, invece di agire in modo altruistico, sono motivati ​​dal principio del piacere. Questo, secondo alcune correnti morali, distoglierebbe gli atti di gentilezza, poiché, piuttosto che voler aiutare gli altri, le persone cercano di sentirsi bene con se stessi. Tuttavia, lasciando da parte la morale, un campo di analisi rovinato dalla soggettività, è possibile comprendere questo comportamento dal punto di vista scientifico.

A questo proposito, gli esperti del comportamento umano affermano che il comportamento, umano e animale, è soggetto ai principi dell’apprendimento. In generale, questi principi stabiliscono che qualsiasi comportamento che si traduca in conseguenze piacevoli verrà mantenuto nel tempo e verrà ripetuto in futuro.

Inoltre, i comportamenti che implicano conseguenze spiacevoli smetteranno di ripetersi in futuro. Secondo questo principio, se una persona mostra un atto di gentilezza, la condivide nei social network e questo gli dà piacere, sarà più propenso a ripetere questo comportamento in occasioni future.

Ora, non si tratta di giustificare questo comportamento. Piuttosto, l’obiettivo è separare la spiegazione scientifica di questo comportamento dalla sua valutazione sulla base di criteri morali.

La condivisione delle buone opere nei social network, indipendentemente dalla loro valutazione morale, sarà ripetuta in futuro, questo genera un senso di benessere, poiché fa parte della natura umana. D’altra parte, come vedremo in seguito, rendere pubblico un buon lavoro, genera riconoscimento da parte degli altri, che rappresenta anche una grande fonte di motivazione per l’essere umano.

 

Riconoscimento sociale

È risaputo che l’essere umano è una specie biopsicosociale. Ciò significa che il comportamento umano è inteso in termini di interazione tra i loro processi biologici e psicologici, inquadrati nelle convenzioni sociali delimitate e accettate dalla comunità a cui appartengono.

Pertanto, un’importante fonte di motivazione per l’essere umano ruota attorno all’approvazione e al riconoscimento degli altri. In particolare, varie indagini hanno dimostrato che il riconoscimento degli altri è una forza potente che ci spinge a comportarci in modi diversi.

Nel caso di persone che condividono le loro buone opere nei social network, si potrebbe dire che stanno cercando il riconoscimento e l’approvazione degli altri. Tenendo conto di questo, oltre a qualificare l’evento come buono o cattivo, un compito che riguarda il campo della moralità, può essere spiegato scientificamente.

In questo modo, quando una persona pubblica i suoi atti di gentilezza e riceve interazioni positive dal gruppo sociale a cui appartengono, sarà più probabile che ripeterà questo comportamento in futuro.

In sintesi, si può affermare che il comportamento oggetto di analisi, oltre ad essere messo in discussione morale, può essere spiegato in termini di principi di apprendimento che determinano quali comportamenti sono parte del repertorio comportamentale degli individui.

D’altra parte, seguendo nel campo della scienza, la condivisione di atti di gentilezza nei social network può avere effetti positivi sulla società.

 

Quali effetti potrebbe avere la condivisione di buone opere sui social network?

Le nostre influenze comportamentali sono compromesse dall’ambiente, quindi ogni nostro comportamento ha un effetto sulle persone che ci circondano e il comportamento degli altri ha un effetto particolare sul patrimonio.

A questo proposito, molti sostengono che pubblicare atti di gentilezza nei social network e nei diversi media può servire da esempio per altre persone a comportarsi in modo simile. Vediamo cosa dice la scienza al riguardo.

 

Apprendimento sociale

Una delle teorie che sono state usate più ampiamente per comprendere e spiegare il comportamento umano è la teoria dell’apprendimento sociale di Albert Bandura. In generale, questa teoria afferma che le persone imparano e sviluppano comportamenti dall’osservazione di altri individui.

Nella nostra vita quotidiana, osserviamo costantemente il comportamento di chi ci circonda, che funge da modello. Questa esposizione al comportamento degli altri influenza il nostro stesso comportamento.

Per provarlo, Bandura ha progettato un esperimento. Due gruppi di bambini, inizialmente, sono stati esposti a una serie di video e poi sono stati osservati mentre giocavano liberamente in una stanza piena di vari tipi di giocattoli.

Nello specifico, mentre un gruppo di bambini è stato esposto a video di contenuto aggressivo, l’altro gruppo di bambini ha osservato produzioni con contenuti neutri. Successivamente, è stato osservato che i bambini che avevano guardato video violenti tendevano a giocare in modo molto più aggressivo nella seconda fase dell’esperimento.

Esempi come questo si verificano costantemente nelle nostre vite quotidiane. I bambini imparano osservando i loro genitori, gli adulti imparano osservando quelli che ammirano, ecc. Non per niente, i saggi invitano a insegnare con l’esempio.

Sulla base di ciò, la condivisione di atti di gentilezza nei social network potrebbe servire da esempio per le persone a imitare questo comportamento. Ecco perchè le persone esposte a questo tipo di contenuti nei social network potrebbero sentirsi più motivate a comportarsi nello stesso modo se la percepiscono come una buona azione e se ciò comporterà conseguenze piacevoli nell’immediato futuro.

Ora, una volta compreso il motivo per cui le persone condividono i loro atti di gentilezza e quali effetti ciò può avere sulla società, resta da stabilire se, in definitiva, si tratta di comportamenti egoistici o di un esempio.

 

Quindi, egocentrismo o esempio?

Come abbiamo visto, le persone condividono i loro atti di gentilezza nei social network perché li fanno sentire bene e questo gli fa ottenere riconoscimento dagli altri. In questo senso, si potrebbe dire che, essendo motivati ​​dal principio del piacere, questo è un atto di egocentrismo.

Allo stesso tempo, è stato osservato che questo può aumentare la probabilità che altre persone si comportino in modo simile e ripetere gli stessi atti di gentilezza in altri scenari. Tenendo presente questo, è anche possibile affermare che è un modo di dare l’esempio.

Tuttavia, quando ci riferiamo alle cause del comportamento, possiamo renderci conto che, indipendentemente dalle motivazioni intrinseche di ogni persona, questo tipo di comportamento è parte della natura umana, perché tendiamo a fare cose che ci fanno sentire bene e cercano il approvazione di chi ci circonda.

Così, ci saranno persone che fanno questo per attirare l’attenzione, mentre ci saranno altri che lo fanno per mostrare al resto della gente che, con le nostre azioni, possiamo rendere il mondo un posto migliore. Infine, ci saranno quelli che ne approfittano per ottenere particolari guadagni.

Tuttavia, poiché fa parte della natura umana, è possibile comprenderlo e spiegarlo da una prospettiva scientifica. Dipenderà dai principi morali di ognuno per decidere se questo è buono o cattivo.

Federica DiFederica

Come migliorare la strategia sui social media per Natale

Siamo circondati da luci di Natale. I negozi e i centri commerciali offrono un’atmosfera natalizia quasi stucchevole e la televisione “di Natale” è protagonista con film visti e rivisti e programmi a tema.

Pertanto, è anche il momento di incorporare i contenuti relativi a queste festività nella nostra strategia di marketing nei social media.


Natale nei tuoi contenuti

Tenete presente, dunque, i seguenti punti nella vostra strategia sui social media:

  • Inserite temi natalizi nelle intestazioni dei vostri profili Facebook, LinkedIn, Twitter o Google Plus. Per fare ciò, usate i colori del vostro logo e, se al momento avete una promozione o un servizio speciale attivi per Natale, allegateli ovunque. Questo vi farà risaltare e attirerà l’attenzione degli utenti che vi seguono.
  • Scattate qualche foto dei vostri prodotti accanto all’albero di Natale, decorato con luci natalizie o altre decorazioni legate a queste festività. Ci sono molti modi divertenti per fare foto da aggiungere ai vostri contenuti.
  • Se organizzate un evento natalizio per lo staff, scattate foto e condividetele. Gli utenti adorano questo approccio al brand. Condividete anche le foto dell’ufficio decorato per Natale.
  • Pubblicate contenuti originali che rispondano alle domande dei vostri utenti, come suggerimenti, tutorial e, in modo originale, per dare loro un tocco natalizio accompagnato da una ricetta natalizia o un’idea originale per celebrare una festa. Sappiamo tutti che, ponendo domande ai nostri follower, otteniamo un maggiore coinvolgimento.
  • Fate domande sul dove/come trascorreranno le festività i vostri followers o sul luogo di vacanza natalizio preferito, o su quale tradizione natalizia piace di più!
  • Approfittate della potenza dei video, pubblicando un saluto di Natale per tutti i vostri follower.

Send this to friend