anonimato

L’anonimato è un costrutto relativamente nuovo e l’ascesa dei social network ha contribuito alla sua origine. Quindi, abbiamo trascorso molto più tempo a vivere senza di esso che a conviverci. “L’anonimato non esisteva nelle piccole città ai tempi passati“, affermano gli esperti, ovvero quando tutti conoscevano gli affari di tutti. “In una certa misura, la vita urbana ha creato l’anonimato. La differenza oggi è che anche in una grande città, ognuno di noi lascia le briciole che un investigatore può seguire“.

L’anonimato ha anche un lato oscuro. Nello stesso studio di Carnegie Mellon, il 53% degli intervistati ha ammesso attività malvagie, come l’hacking o molestare altri utenti di Internet, o impegnarsi in “attività socialmente indesiderabili“, come visitare siti che rappresentano violenza o pornografia o scaricare file illegalmente.

Ci possono essere segnali del fatto che, mentre la maggior parte delle persone desidera sicuramente proteggere informazioni sensibili come conti bancari e cartelle cliniche, altre potrebbero non preoccuparsi di sacrificare il vero anonimato per un bene percepito.

In uno studio del 2015, gli americani intervistati si sono sentiti combattuti tra il mantenimento dei diritti alla privacy e la garanzia della sicurezza nazionale: il 56% ha affermato di essere più preoccupato che le politiche antiterrorismo del governo non fossero andate abbastanza lontano per proteggere i cittadini, anche se significava sacrificare alcune libertà civili, come la privacy online.

Nel frattempo, YouGov, una società di ricerche di mercato su Internet, ha scoperto in un sondaggio l’anno scorso che circa la metà dei britannici contattati ha affermato che “si dovrebbe fare di più per aiutare le forze di sicurezza a combattere il terrorismo, anche se ciò significa che la privacy della gente comune soffre“.

In ogni caso, gli sforzi per anonimizzare completamente le nostre attività sono più o meno inutili: con l’ascesa di Internet delle cose, sempre più dispositivi che utilizziamo ogni giorno richiederanno il funzionamento delle nostre informazioni personali e più saranno integrato nelle nostre vite.

 

Le migliori pratiche da usare

All’inizio di quest’anno, si è scoperto che la maggior parte degli americani non si fida delle grandi istituzioni come il governo o i siti di social media per proteggere le proprie informazioni personali – e, ironia della sorte, la maggior parte degli americani non segue le migliori pratiche per proteggere le proprie identità online.

Quali sono alcune di queste migliori pratiche? Mantenere le password sotto chiave, crearne una diversa per ciascun servizio e renderle difficili da indovinare. Ma se sei più preoccupato per la tua reputazione rispetto agli hacker, un po’ di buon senso aiuta molto.

Ci vorrà un grande cambiamento sociale. Ci vorranno governi, inserzionisti e società tecnologiche in tutto il mondo per concordare un sistema etico di base. Non si tratta solo di rinunciare ai servizi digitali ai clienti, ma anche di scegliere di rinunciare temporaneamente alle loro identità rivolte al pubblico. Tutti noi abbiamo bisogno di mantenere uno spazio privato in cui i nostri sogni più profondi e le fantasie più oscure siano nascosti alle altre persone – ci dà spazio per svilupparci come esseri umani, per provare pensieri diversi e lati diversi di noi stessi. Questo non cambia a causa di Internet.