Archivio per Categoria Approfondimenti

Federica DiFederica

Fake News: quali sono i miti sulla salute diffusi sui social network?

Fake news e “tutti dottori su Google”. Di solito in toni allarmistici, le false notizie portano con sé elementi inusuali e, sia in tempo reale che nel faccia a faccia, chiedono che il contenuto venga trasmesso. L’area della salute è la preferita. Dopotutto, è imperativo sapere come proteggersi da un attacco cardiaco da soli, quale ingrediente naturale potrebbe curare un cancro o quale tè può prevenire l’insorgenza dell’influenza, giusto? Peccato che sia tutta una bugia.

Le fake news viaggiano alla velocità della luce ovunque. Soprattutto tramite WhatsApp. Ma i social network son gli “ambienti” più esclusivi per questo genere di notizie. Ecco quelle più “popolari” e frequenti.

 

1 – Le cipolle affettate possono evitare l’influenza e altre malattie, attirando virus e batteri? 
No. La storia inventata arriva nel 1919, quando l’umanità ha subito gli effetti dell’influenza spagnola, che ha ucciso decine di milioni in tutto il mondo. Quando visitava gli agricoltori (non si sa dove), un medico (non è noto chi) avrebbe scoperto un metodo utilizzato da una famiglia in grado di prevenire l’influenza: tagliare le cipolle.
Assorbirebbero, infatti, i virus dall’aria. Il medico, nell’analizzare campioni di cipolle marcescenti sotto il microscopio, avrebbe osservato particelle virali. All’epoca, sebbene fosse nota l’esistenza dei virus, non era possibile osservarli. La prima immagine venne solo nel 1940 con l’aiuto di un microscopio elettronico.

Secondo le attuali conoscenze mediche, non è possibile affermare che le cipolle prevengono l’influenza o altre malattie infettive. Possono anche essere al centro della propagazione di funghi e batteri quando vengono lasciati marcire a temperatura ambiente nelle stanze della casa.

 

2 – La farina aiuta a trattare le ustioni? 
No. Il messaggio si diffonde con la storia di un veterinario vietnamita che avrebbe trattato un’emergenza in un modo insolito, spingendo la mano bruciata di un paziente in un sacco di farina. Dieci minuti dopo, il dolore sarebbe scomparso. Tutto ciò non ha alcun significato. Non c’è niente che provi che la farina aiuti, al contrario: se zona è liquida e gonfia, la farina si attaccherà e si trasformerà in una massa. Quando il medico deve pulire la lesione in ospedale, ci può essere dolore e sanguinamento. Meglio lasciare la farina per fare la pizza e la pasta.

Il trattamento migliore è quello di immergere la regione bruciata in acqua fredda o ghiacciata, che può anche prevenire l’insorgere di vesciche dolorose se fatto rapidamente, così come promuovere un sollievo immediato – e non solo dieci minuti dopo. È anche importante lasciare da parte altri prodotti come l’olio e il dentifricio.

 

3 – L’omeopatia e il fegato di bue possono prevenire l’influenza? 
No. C’è una voce che un particolare rimedio omeopatico sarebbe in grado di prevenire l’infezione da parte del virus dell’influenza. Ma, come è ricorrente nel campo dell’omeopatia, non ci sono studi scientifici affidabili che dimostrino il beneficio. Alcuni consigli per prevenire l’influenza sono evitare la folla, assumere vitamina C, consumare acerola e arancia e mangiare fegato di manzo.

Analizzando i fatti, dobbiamo: 1) evitare che la folla possa minimizzare la possibilità di imbattersi in qualche malato, ma il virus può comunque raggiungere chiunque attraverso l’aria, 2) non esiste una relazione comprovata tra l’assunzione di vitamina C e la prevenzione dell’influenza e 3) un buono stato nutrizionale, con o senza consumo di fegato, può aiutare l’organismo a far fronte alla malattia. Quello che può prevenire l’influenza, e ancora con alcune limitazioni, è il vaccino.

 

4 – Stiamo mangiando uova artificiali importate dalla Cina? 
No. Sono stati diffusi due video con le accuse di una presunta invasione di uova artificiali cinesi. Uno mostra una produzione di “uova sintetiche” da sostanze gelatinose. Un altro rumor del genere è la lattuga di plastica, usata per produrre cibo in Giappone. In un altro video delle uova, un brasiliano dice che un uovo che ha acquisito (aspetto normale, a giudicare dal video) avrebbe un guscio molto duro e, quindi, sarebbe cinese e artificiale. La società Perfa, il cui logo appare sulla confezione delle uova, si è espressa a giugno sulla sua pagina Facebook: “Sebbene crediamo che i consumatori siano in grado di percepire le falsità del video, il nome dell’azienda viene travisato e illegale“.
Infine, non ci sarebbe motivo di falsificare le uova, a causa dell’abbondanza del prodotto nel nostro mercato interno e del basso costo.

 

5 – È vero che i genitori che non vaccinano i propri figli possono essere multati? 
Sì. La vaccinazione dei bambini è l’obbligo dei genitori e, se non soddisfatta, la famiglia potrebbe essere obbligata a partecipare a programmi sociali, a comminare multe e persino a sospendere l’affidamento dei figli. Questo tipo di comportamento può essere considerato giuridicamente un crimine contro la salute pubblica, considerando che il bambino diventa un vettore di rischio.

 

6 – La tosse e la respirazione profonda possono aiutare durante un infarto? 
No. La voce suggerisce che sarebbe possibile sopravvivere a un attacco di cuore facendo esercizi di respirazione e tosse. Questo non ha senso. E, nella maggior parte dei casi, il paziente non avrebbe nemmeno il tempo o la coscienza per farlo. Le persone devono essere consapevoli del fatto che l’infarto è una delle condizioni più mortali oggi. Se c’è una mancanza d’aria, un dolore al petto, è necessario cercare il più presto possibile assistenza medica per ridurre la possibilità di avere un evento desolante.

 

Manuale per non diffondere false notizie

– sfogliare la fonte originale;
– cercare su Internet quante più notizie in merito all’argomento;
– controllare la data: una “nuova” notizia potrebbe essere vecchia;
– leggere l’intera notizia;
– controllare la storia pubblicata;
– se le notizie non hanno origine, non devono essere considerate come veritiere.

Federica DiFederica

Prima di spiare lo smartphone del proprio partner, leggi qui

Quella preoccupazione naturale di voler sapere di più sul comportamento del proprio partner è molto comune. Secondo gli psicologi, spiare lo smartphone del partner è “attività” ricorrente nelle coppie. Ed è un comportamento in cui entrambe le componenti di una relazione tendono ad incorrere. Le ragioni per farlo sono varie. Tuttavia, la più comune è la sfiducia.

L’insicurezza viene a braccetto con la sfiducia. Molte volte, le insicurezze stesse portano le persone a diffidare dei loro partner senza una ragione apparente. La storia della vita di ognuno influenza molto questo atteggiamento. La relazione che abbiamo visto tra i nostri genitori e amici più stretti durante la crescita o le brutte esperienze nelle relazioni precedenti influenzano le nostre convinzioni, i nostri pensieri e il nostro modo di relazionarci gli uni con gli altri. Ognuno porta il suo bagaglio. C’è chi dubita dell’onestà del proprio partner perché, appunto, lui o lei, non sono onesti.

Sebbene vi sia la tendenza a generalizzare i motivi per cui una persona invade la privacy del proprio partner attraverso il telefono cellulare, ogni caso è diverso. Ci sono coppie in cui tale comportamento si verifica su entrambi i lati ed è completamente supportato dalla mancanza di comunicazione.

Culturalmente, molti giustificano questo comportamento come una prova di fiducia e lasciano da parte il fatto che possa essere considerata una mancanza di rispetto e un’interferenza con la privacy. Anche l’infedeltà è un tema comune e, a sua volta, molti la vedono come “qualcosa” di normale.

 

Raccomandazioni dell’esperto

Scansionare il telefono e altri dispositivi mobili della coppia non è raccomandato e, se deve essere accettato o tollerato nella relazione, deve essere discusso e approvato dalla persona che viene spiata. Il partner attuale non paga quello che è stato un comportamento dell’ex. Parlare apertamente con il partner è il primo passo verso la comune fiducia. La comunicazione affermativa è la chiave. Cercare sempre di iniziare la conversazione in un momento di calma condivisa e non quando si riscaldano gli animi è anche un ottimo passo da considerare.

Se, nonostante il dialogo aperto, il comportamento continua, è necessario riesaminare se si è disposti a tollerare e continuare tale relazione. È importante stabilire dei limiti e comunicarli. Solo noi possiamo determinare cosa siamo disposti ad accettare e cosa no e/o fino a quando.

 

Valutare qual è la radice del problema

Gelosia senza motivo apparente, gelosia con fondamento, sfiducia dovuta a relazioni passate, insicurezza, disturbo della personalità, persona dominante, credenze errate. Chi incorre in questi atti di forma ripetuta o senza una ragione apparente può ricorrere a un processo di psicoterapia per identificare il motivo per cui si agisce così e riuscire a cambiare il proprio atteggiamento.

L’unica situazione in cui è giustificato indagare sul telefono della coppia è un’emergenza in cui è estremamente utile cercare un numero o un’informazione.

Federica DiFederica

L’evoluzione spiega perchè siamo diversi e agiamo diversamente online e offline

Il costante abuso di Internet e delle piattaforme online sta mettendo a tacere le persone, allontanandole le une dalle altre e riducendo ulteriormente la diversità delle voci e delle opinioni. E questo andamento non mostra alcun segno di diminuzione. Lo scorso anno, un sondaggio ha rilevato che il 40% degli adulti americani aveva subito abusi online, e quasi la metà di loro ha subito gravi forme di molestie, tra cui minacce fisiche e stalking. Il 70% delle donne ha descritto le molestie online come un “problema grave”.

Internet offre una promessa senza precedenti di cooperazione e comunicazione tra tutta l’umanità. Ma invece di abbracciare una massiccia estensione dei nostri ambienti sociali online, sembra che stiamo tornando al tribalismo e al conflitto. Se generalmente conduciamo le nostre interazioni con gli estranei nella vita reale in modo educato e rispettoso, online possiamo essere orribili. Ma c’è un modo per reimparare la cooperazione che ci ha permesso di trovare terreno comune e prosperare come specie?

 

“Non pensarci troppo, basta premere il pulsante!”

Faccio clic e passo rapidamente alla domanda successiva. Stiamo tutti giocando contro il tempo. I miei “compagni di viaggio” (lo chiamo viaggio questo percorso social) sono lontani e sconosciuti per me. Quindi, non ho idea se siamo tutti insieme sulla stessa barca o se sono pazza a considerarmi parte di un tutto. Ma so che gli altri dipendono da me. Come io da loro. Quello che dico, che faccio, che condivido. E poi quello che dicono, fanno, condividono.

Si tratta del cosiddetto “gioco dei beni pubblici”, ovvero un esperimento che è stato anche trattato presso il laboratorio di cooperazione umana dell’Università di Yale, che i ricercatori utilizzano come strumento per aiutare a capire come e perché collaboriamo.

Nel corso degli anni, gli scienziati hanno proposto varie teorie sul perché gli esseri umani cooperano abbastanza da formare società forti. Le radici evolutive della nostra gentilezza generale possono essere trovate nel vantaggio di sopravvivenza che gli umani sperimentano quando cooperiamo come gruppo. In questo gioco, in una squadra di quattro persone in luoghi diversi, ognuno di noi riceve la stessa quantità di denaro. Viene chiesto di scegliere il modo in cui contribuirà a creare un piatto di gruppo con la consapevolezza che questo piatto verrà raddoppiato e diviso in parti uguali. Come ogni cooperazione, ciò dipende da un certo livello di fiducia nel fatto che gli altri membri del gruppo saranno gentili. Se tutti nel gruppo contribuiscono con tutti i loro soldi, tutti i soldi vengono raddoppiati e ridistribuiti in quattro modi, quindi tutti raddoppiano i loro soldi. “Ma se pensi dal punto di vista di un individuo“, dice il direttore del laboratorio David Rand, “ogni dollaro con cui contribuisci, viene raddoppiato a due dollari e poi diviso in quattro modi – il che significa che ogni persona riceve solo 50 centesimi indietro per il dollaro con il quale hanno contribuito“.

In altre parole, anche se ognuno sta meglio collettivamente contribuendo a un progetto di gruppo che nessuno potrebbe gestire da solo (nella vita reale, questo potrebbe essere destinato a un edificio ospedaliero, ad esempio), c’è un costo a livello individuale. Finanziariamente, guadagni di più essendo più egoista.

Quelli di noi abbastanza fortunati da avere vite relativamente pacifiche raramente si trovano di fronte a comportamenti veramente oltraggiosi. Di conseguenza, raramente vediamo l‘indignazione morale espressa. Ma basta aprire Twitter o Facebook e ottieni un’immagine molto diversa. Recenti ricerche dimostrano che i messaggi contenenti parole morali ed emotive sono più soggetti ad essere diffusi sui social media – ogni parola morale o emotivo in un tweet aumenta la probabilità che sia retweettato del 20%.

Il contenuto che innesca indignazione e che esprime indignazione è molto più probabile che venga condiviso. Quello che abbiamo creato online è un ecosistema che seleziona il contenuto più oltraggioso, abbinato a una piattaforma in cui è più facile che mai esprimere offesa.

A differenza del mondo offline, c’è poco o nessun rischio personale nell’affrontare ed esporsi. Ma online, dove trasmettiamo all’intero social network, ciò amplifica drammaticamente i vantaggi personali dell’esprimere indignazione verso qualcosa o qualcuno. Questo è aggravato dal feedback positivo dei “Mi Piace”. Di conseguenza, le piattaforme aiutano le persone a formare abitudini. E abitudine è qualcosa che viene fatta senza riguardo alle sue conseguenze.

Lo sdegno morale online ha anche portato a cambiamenti sociali. L’indignazione morale online ha permesso ai gruppi emarginati e meno responsabilizzati di promuovere cause che tradizionalmente sono state più difficili da avanzare nella vita reale. Ha svolto un ruolo importante nel focalizzare l’attenzione sull’abuso sessuale delle donne da parte di uomini di potere.

La conclusione, quindi, è che dovrebbero esserci dei modi per mantenere i benefici del mondo online. Vale la pena ricordare che abbiamo avuto migliaia di anni per affinare le nostre interazioni da persona a persona, ma solo 20 anni di social media. Se non siamo online, comunichiamo con le espressioni facciali e il linguaggio del corpo. Online discutiamo solo attraverso il testo. Non dovremmo essere sorpresi dal fatto che stiamo avendo così tante difficoltà nel trovare il modo giusto per discutere e collaborare online.

Con lo sviluppo del nostro comportamento online, potremmo introdurre segnali sottili, equivalenti digitali di segnali facciali, per facilitare le discussioni online. Nel frattempo, il consiglio per affrontare gli abusi online è di stare calmi. Non vendicarsi. Bloccare e ignorare i bulli o, se vogliamo affrontarli, dire loro di smettere. Parlare con la famiglia o con gli amici di ciò che sta accadendo e chiedete loro di aiutarvi. Fare screenshot e segnalare molestie online al servizio del social media in cui ciò sta accadendo e, se ciò include minacce fisiche, segnalarle alla polizia.

Se i social media sopravviveranno, le aziende che gestiscono queste piattaforme dovranno continuare a governare i loro algoritmi, magari informati dalla scienza comportamentale, per incoraggiare la cooperazione e la gentilezza anziché la divisione e l’abuso. Come utenti, anche noi possiamo imparare ad adattarci a questo nuovo ambiente di comunicazione in modo che l’interazione civile e produttiva rimanga la norma online quanto offline.

Federica DiFederica

Screenshot e registrazione video e vocale: quando sono violazione della privacy

Vogliamo parlare di registrazioni e screenshot rubati al povero malcapitato ignaro di essere oggetto – spesso – di derisione e cattiveria e pubblico ludibrio?

Parliamone pure. Una cosa che non accetto e che mi viene da associare ad una vigliacca pugnalata alle spalle è la possibilità di essere fotografata o registrata nell’atto di svolgere un’attività lavorativa o, semplicemente, di starmene per i fatti miei.

Eppure, purtroppo, questo vile atto di codardia accade fin troppo spesso. E sento racconti di screenshot che diventano una sorta di buongiorno se accompagnati da un viso non molto fotogenico o altrettanti screenshot di conversazioni poi gentilmente condivise in cambio di un favore o un promettente “a buon rendere”. E sento di registrazioni (vocali o video non fa differenza) di colleghi in cerca di momenti di gloria nel condividere il malcapitato che parla sul posto di lavoro o di conversazioni letteralmente rubate per scopi la maggior parte delle volte molto discutibili.

Così mi sono informata e ho cercato delucidazioni per capire se tutto ciò costituisce violazione della privacy e se può essere punito penalmente. Ahimè, mi accorgo che non c’è tutela e vi riporto alcune righe che ho trovato interessanti: “l’atto di registrare o filmare, di nascosto, una conversazione tra privati, utilizzando un cellulare o un altro apparecchio di ultima generazione con lo scopo di prevenire illeciti come un’ingiuria o una minaccia, o per precostituirsi la prova di una confessione che consenta di esercitare un diritto, non costituisce né reato, né lesione della privacy.

Ma bisogna fare attenzione perché viene considerato lecito registrare le dichiarazioni di un’altra persona ignara, a condizione di non trovarsi all’interno della sua abitazione, residenza, dimora, ufficio, automobile o in qualsiasi altro luogo ove si svolge la sua vita privata.

In questo caso scatterebbe il reato di illecita interferenza nell’altrui vita privata mentre non scatta alcuna violazione della privacy nel caso di registrazione avvenuta su una pubblica via, su un mezzo pubblico, in una palestra o in altro luogo di ricreazione, all’interno di un ufficio pubblico.

Medesima considerazione vale nel caso di filmato video: la ripresa, effettuata con uno smartphone o altra telecamera, deve essere interdetta nei luoghi di privata dimora. Invece, potrà effettuare la registrazione il soggetto, che si trova in casa propria, nella propria automobile, nel proprio studio: così il professionista potrebbe registrare le dichiarazioni del cliente seduto al di là della scrivania o chi guida la propria vettura può registrare le dichiarazioni del trasportato.

Negli ambienti di lavoro, invece, esistono regole più ferree, posto il divieto di strumenti di controllo a distanza nei confronti dei dipendenti. Tuttavia la giurisprudenza ha considerato valida la sottrazione, da parte del lavoratore, di documenti riservati di azienda se utilizzati per far valere un proprio diritto in processo.

La registrazione anche se lecita non implica però il diritto di diffonderla o, peggio, di pubblicarla su un social network come Facebook : la registrazione serve alla tutela di diritti davanti ad un giudice e non per pettegolezzi o peggio diffamazione perché potrebbe scattare il reato di lesione dell’altrui privacy.

Letto ciò, non convinta, faccio le mie dovute considerazioni. Penso alle donne che si sono tolte la vita perché immagini o video privati con il proprio ex partner sono stati esposti al pubblico ludibrio su squallidi gruppi Whatsapp. È questo, spesso, il mezzo di comunicazione più utilizzato per deridere qualsiasi soggetto. Penso alle persone che hanno perso lavoro e posizione per aver espresso una propria opinione ed essere accoltellati alle spalle perché il loro punto di vista era stato condiviso proprio con chi “non doveva sapere”. Una volta erano le pettegole e poi i “mi raccomando, fra me e te”. Oggi, i moderni mezzi di comunicazione facilitano questo scambio di cattiverie, poiché altro non sono. Non c’è niente di professionale o leale nel non coinvolgere o deridere l’altrui persona. Anzi, lo trovo un modo frustrante e avvilente di sottolineare il proprio squallore e la constatazione di non avere argomenti se non sempre è solo quelli degli altri.

Dunque, non sarà lesione della privacy per la legge, ma per la persona sì. E non è questione di personaggi pubblici o privati, di luoghi pubblici o privati. È questione di offesa personale inscenata con la più ignobile e bassa codardia umana: il farlo alle spalle.

Federica DiFederica

Come rimuovere i tuoi post su Instagram

Continuiamo con il nostro tentativo di cancellare i nostri post dai più disparati social network. E, questa volta, cercheremo di capire come farlo sul social delle immagini per eccellenza: Instagram.

Come nelle piattaforme precedenti, sarà sempre possibile eliminare ciascuno dei post in maniera autonoma e manuale, semplicemente premendo l’opzione “Elimina” nel menu di ciascuna pubblicazione.

Nel caso di Instagram, sia dalla sua versione mobile che quella disponibile in Windows 10, sarà possibile eliminare le foto condivise in modo manuale. Ma se vuoi eliminarle contemporaneamente, un gruppo o tutte, puoi utilizzare uno strumento apposito per Android e desktop.

Per il momento, c’è da segnalare che non esiste un’applicazione che soddisfi veramente il compito di eliminare le foto in modo massivo. Quindi, per evitare problemi con app di dubbia provenienza, è meglio farlo manualmente.

Leggi anche: Come eliminare i tuoi post dai social network in modo massiccio

                          Come cancellare i miei post da Facebook

                          Come rimuovere i tuoi post da Twitter con un’app

Federica DiFederica

Anonimato sui social network: qual è la stretta separazione tra persona online e identità offline

Molti utenti dei social network scelgono di mascherare le loro identità reali. Questo può essere fatto attraverso l’anonimato (senza fornire alcun nome) o la pseudonimia (fornendo un nome falso).

Alcune persone che preferiscono un personaggio anonimo o pseudonimo includono, ma non sono limitati a:

  • Gli individui con condizioni mediche che vogliono discutere i sintomi e il trattamento senza creare una registrazione pubblica della loro condizione;
  • Blogger e attivisti impegnati in discussioni politiche, soprattutto su questioni controverse;
  • Insegnanti e operatori per l’infanzia;
  • Professionisti medici, compresi i professionisti della salute mentale;
  • Agenti delle forze dell’ordine, pubblici ministeri, ufficiali per la libertà vigilata e la libertà vigilata, giudici e altri dipendenti del tribunale;
  • Vittime di stalking, violenza sessuale e violenza domestica;
  • Bambini e giovani;
  • In cerca di lavoro.

In effetti, l’anonimato è uno strumento utile per chiunque preferisca mantenere una stretta separazione tra una persona online e un’identità offline. Può anche essere abusato da individui che cercano di proteggere le loro identità mentre si impegnano in attività illegali.

In genere, gli utenti che preferiscono impegnarsi nei social network senza divulgare la loro vera identità creeranno profili utilizzando un falso nome e un falso indirizzo di posta elettronica. Se si sta considerando un profilo pseudonimo, fare riferimento ai termini di servizio per il sito di social networking. Fornire informazioni false o incomplete viola i termini di servizio di alcuni siti di social network. Gli utenti dovrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di software che maschera gli indirizzi IP, come TOR . Gli utenti dovrebbero inoltre ricordare di cancellare tutti i cookie dopo aver visitato un sito di social network.

Tieni presente che è difficile separare realmente le identità online e offline. È possibile divulgare informazioni identificative tramite aggiornamenti di stato, appartenenze a gruppi, fotografie, reti di amici e altri indicatori. In effetti, numerosi studi hanno dimostrato che i dati anonimi possono spesso essere collegati a individui specifici.

Federica DiFederica

Social network e ricerche di lavoro: i pro e i contro da tenere in considerazione

Chi è in cerca di lavoro si rivolge sempre più spesso ai social network per proporsi ai potenziali datori di lavoro, collaborare con altri professionisti e cercare opportunità di lavoro. Tuttavia, un profilo di social networking non professionale può anche rendere un candidato inadatto, rivelando troppe informazioni personali o poco lusinghiere a un potenziale datore di lavoro. Questa sezione esamina i pro e i contro del social networking per chi cerca lavoro.

Questo breve vademecum può essere applicato a qualsiasi situazione in cui la reputazione di una persona sia importante, come ad esempio:

  • Affittare un appartamento;
  • Uscire con qualcuno;
  • Avviare o mantenere un rapporto professionale, ad esempio come imprenditore indipendente o in posizione manageriale;
  • Impegnarsi in posizioni di volontariato o elettorali;
  • Domanda per college o borse di studio;
  • Essere considerato in un processo di selezione di una giuria.

In che modo i social network possono assistere i candidati alla ricerca di un lavoro

Esistono vari modi in cui i social network possono aiutare nella “caccia al lavoro”. Se un candidato contatta inizialmente un potenziale datore di lavoro via Internet, un profilo su un social network può aiutare a confermare che c’è una persona reale dietro un indirizzo email.

I social network aumentano anche le opportunità di networking. Un candidato può avvisare gli altri di un interesse a trovare un lavoro, così come i dettagli sulla posizione desiderata, pubblicando questo suo interesse su un social. Le reti professionali, come LinkedIn, sono progettate per fornire informazioni sull’istruzione, la storia lavorativa e le realizzazioni a un gran numero di persone. Ci sono anche gruppi professionali o di interesse su una varietà di reti che possono aumentare la visibilità e i contatti.

I potenziali datori di lavoro possono utilizzare i social network per confermare interessi, livello di istruzione e background in modo veritiero. Possono anche conoscere altri interessi che un candidato può avere. Le persone che creano profili di social networking positivi, interessanti e informativi possono sembrare candidati più forti per determinati lavori. Ciò è particolarmente vero, ma non limitato a, lavori che coinvolgono la divulgazione e la comunicazione.

Come i social network  possono ostacolare le persone in cerca di lavoro

I social possono inavvertitamente rivelare informazioni che chi cerca lavoro non può scegliere di rivelare di sé. I potenziali datori di lavoro usano spesso qualsiasi informazione che possono raccogliere su un candidato nel prendere una decisione di assunzione. È importante sapere quali informazioni possono essere viste dai “non-contatti” e considerare quale tipo di conclusioni potrebbero trarne.

Immagini o post poco lusinghieri potrebbero compromettere seriamente la probabilità di essere assunti. Anche se si pubblicano queste informazioni utilizzando impostazioni di privacy restrittive, ci sono molti modi in cui potrebbe diventare disponibile.

Come regola generale, prima di pubblicare qualcosa su un profilo di social network, immaginalo visualizzato su un cartellone sul lato di un’autostrada. Ti sentiresti a disagio nel vederlo lì? Se è così, potresti non volerlo pubblicare affatto.

Sebbene sia illegale e molto difficile da dimostrare, i potenziali datori di lavoro potrebbero discriminare in base alle informazioni disponibili dalle immagini del profilo e altre informazioni facilmente disponibili. Essere consapevoli di rivelare anche informazioni di base come:

  • Età;
  • Genere;
  • Invalidità;
  • Orientamento sessuale;
  • Affiliazioni politiche;
  • Altri gruppi e contatti

Inoltre, i post negativi su un lavoro corrente potrebbero danneggiare le probabilità di un candidato di ottenere un’offerta.

Come i social media possono farti licenziare

I datori di lavoro monitorano sempre più ciò che i dipendenti postano sui siti di social network. In effetti, molte aziende hanno politiche sui social media che limitano ciò che è possibile o meno pubblicare sui siti di social networking sul proprio datore di lavoro. Un sito web, Compliance Building, possiede un database di politiche sui social media per centinaia di aziende. Chiedere quale sia la più appropriate per la tua azienda può essere un buon passo in avanti.

In generale, i post correlati al lavoro hanno il potenziale per causare danni all’azienda. Le leggi anti-discriminazione vietano ai datori di lavoro di disciplinare i dipendenti in base a età, razza, colore, religione, origine nazionale o genere. Se ritieni di essere stato discriminato, contatta un avvocato.

Infine, non esiste una legge che metta a conoscenza del fatto che un datore di lavoro stia verificando o monitorando i dipendenti sui siti di social network. In effetti, i datori di lavoro possono persino assumere società di terzi per monitorare l’attività dei dipendenti online per loro.

Di norma, la seguente guida generale potrebbe aiutare:

  • Le politiche dei datori di lavoro non dovrebbero essere così radicali da proibire il tipo di attività tutelate dal diritto del lavoro federale, come la discussione delle retribuzioni o delle condizioni di lavoro tra i dipendenti;
  • I commenti di un dipendente sui social media non sono generalmente tutelati se si tratta di mere lamentele non fatte in relazione all’attività di gruppo tra i dipendenti.
Federica DiFederica

Social network: chi può accedere alle nostre informazioni

Probabilmente quando si inviano informazioni su un social network, un utente si aspetta che i contatti autorizzati possano vederle. Ma chi altri può averne accesso e cosa è esattamente visibile?

Le entità che raccolgono informazioni personali per scopi legali includono:

  • Gli inserzionisti interessati alle informazioni personali in modo che possano indirizzare meglio i propri annunci a quelli con maggiori probabilità di essere interessati al prodotto;
  • Sviluppatori di software di terze parti che incorporano informazioni per personalizzare applicazioni, ad esempio giochi online che interagiscono con il social network.

Le entità che raccolgono informazioni personali per scopi illegali includono:

  • Ladri di identità che ottengono informazioni personali in base alle informazioni che un utente pubblica o che altri post sull’utente;
  • Altri criminali online, come persone che pianificano di truffare o molestare individui, o infettare computer con malware (installati su un computer all’insaputa del proprietario).

Leggi anche: Privacy sui social network: come stare sicuri, ma essere comunque social

Pubblicità comportamentale

Le reti sociali che forniscono i loro servizi senza contributi dell’utente fanno profitto vendendo pubblicità. Questo è spesso fatta attraverso la pubblicità comportamentale, nota anche come targeting.

La pubblicità comportamentale è il termine usato per descrivere la pratica di personalizzare la pubblicità per gli interessi personali di un individuo. Questa pratica è interessante per i professionisti del marketing perché è più probabile che annunci pubblicitari mirati si traducano in un acquisto da parte di un utente rispetto ad annunci pubblicitari non mirati comparabili. Sono preziosi per i social network in quanto possono essere venduti ad un prezzo superiore rispetto agli annunci regolari.

I social network raccolgono molte informazioni sui potenziali clienti, ai quali gli inserzionisti sono molto interessati. In qualche modo, questo può essere utile per l’utente perché gli annunci pubblicitari che possono apparire più pertinenti.

Ci sono diverse preoccupazioni riguardo alla pubblicità comportamentale:

  • I consumatori potrebbero non essere consapevoli del fatto che i dati sono associati ai loro profili;
  • I consumatori potrebbero non essere in grado di visualizzare i dati associati ai loro profili e correggere le imprecisioni;
  • Non ci sono periodi di conservazione massimi sui dati e non ci sono requisiti di sicurezza per la conservazione dei dati, lasciandoli vulnerabili agli hacker e ai rischi per la sicurezza;
  • Le informazioni sui minori possono essere raccolte e utilizzate per la pubblicità comportamentale.

Leggi anche: Tipi di social network: quali sono, come li riconosciamo e come li “viviamo”

Applicazioni di terze parti 

Nell’ambito del social networking, le “applicazioni di terzi” sono programmi che interagiscono con un social network senza farne effettivamente parte. Queste applicazioni assumono molte forme, ma alcune forme tipiche e popolari includono:

  • Giochi da fare con i propri contatti;
  • Sondaggi o quiz online;
  • Software che consentono agli utenti di pubblicare su un profilo social tramite un telefono cellulare o un’applicazione web.

Alcuni social network consentono agli sviluppatori di programmi di accedere alle loro piattaforme per creare queste applicazioni. Ciò rende il social network più attraente per gli utenti, facilitando lo sviluppo di nuovi e creativi metodi di interazione con i contatti e la rete.

Per rendere queste applicazioni utili, i social network possono consentire agli sviluppatori l’accesso automatico alle informazioni pubbliche degli utenti. Oltre alle informazioni pubbliche, le applicazioni di terzi possono accedere ad alcune informazioni private. Un utente può concedere a un’applicazione di terze parti l’accesso al proprio profilo senza rendersi conto della portata delle autorizzazioni concesse. Gli utenti potrebbero anche erroneamente ritenere che le applicazioni di terzi siano mantenute agli stessi standard del social network principale. Esistono anche applicazioni “canaglia” che non seguono le politiche e i termini che regolano le applicazioni.

Alcune cose da tenere a mente quando si considera l’utilizzo di applicazioni di terze parti:

  • Potrebbero non essere coperte dall’informativa sulla privacy del social network;
  • Potrebbero non essere garantite per essere sicuri;
  • La maggior parte dei social network non si assume la responsabilità delle applicazioni di terze parti che interagiscono con i loro siti;
  • Possono avere accesso a più informazioni di quelle necessarie per svolgere le loro funzioni;
  • A volte le applicazioni sono progettate solo per raccogliere informazioni sugli utenti;
  • Possono contenere malware progettato per attaccare il computer dell’utente;
  • Gli sviluppatori di terze parti possono riportare le azioni degli utenti sulla piattaforma di social networking;
  • Un social network può avere accordi con determinati siti web e applicazioni che consentono loro l’accesso alle informazioni pubbliche di tutti gli utenti del social network.

Le applicazioni di terze parti in genere possono accedere a informazioni che:

  • sono considerate pubbliche senza il consenso esplicito dell’utente;
  • vengono considerate private quando un utente concede l’autorizzazione dell’applicazione.

In alcuni casi, una volta che hanno ricevuto l’autorizzazione da un utente principale, le applicazioni di terzi possono anche accedere alle informazioni personali dei contatti degli utenti senza che tali contatti concedano un permesso esplicito.

Come regola generale, prestare attenzione quando si utilizzano applicazioni di terze parti. Ricorda che è difficile controllare quali informazioni stanno raccogliendo, come potrebbero usarle e con chi le condivideranno.

Federica DiFederica

WhatsApp, ovvero la “mano del diavolo” che dispensa ansie e paure

Poiché è praticamente impossibile fare a meno – diciamocelo – di qualcosa di essenziale nella vita di oggi come Whatsapp – o qualsiasi altro mezzo di comunicazione immediata, il problema della “comunicabilità”, fiducia e interazione si intensifica. Tuttavia, ciò che si può fare è cominciare a capire che il problema non è lo strumento, ma l’uso inadeguato che ne è fatto.

Qualsiasi applicazione che è nelle mani di una persona, il cui obiettivo primario è quello di usarlo per avere il controllo su un’altra persona (in questo caso il partner), farà scattare l’ansia di quell’individuo. Quando si tratta fondamentalmente di utilizzare uno strumento attraverso motivazioni inadeguate, stiamo parlando di atteggiamenti e comportamenti derivati ​​da una profonda e personale insicurezza – letteralmente e simbolicamente parlando.

In questo senso ci sono due problemi che influenzano significativamente l’uso di WhatsApp come mezzo per controllare la coppia: errata percezione e assunzione. Da un lato, la percezione è ciò che ci permette di avere una prima conoscenza di qualcosa basata sulle impressioni che i sensi comunicano. Tuttavia, l’assenza o l’inadeguata informazione di quei sensi possono facilmente portarci a una percezione errata. Ciò accade nel caso in cui, ad esempio, la persona anticipa le informazioni e assume che quel che percepisce è il comunicare qualcosa – quando non è realmente così. “So che hai visto il messaggio” potrebbe essere il pensiero di non ricevere una risposta dopo la doppia verifica blu. Ma questa percezione diventa errata e lascia il posto a uno stato di ansietà quando quel pensiero è seguito da un “…e non voleva rispondermi”.

La verità è che questa è un’anticipazione che ovvia alla realtà: sappiamo solo che ha visto il messaggio. Se ci concentrassimo su quest’ultimo dato, non ci sarebbe motivo di soffrire di ansia.

In secondo luogo, quando percepiamo erroneamente e ci separiamo dalla realtà anche solo per un breve momento, assumiamo che le nostre paure siano vere; la vittima della “sindrome del doppio controllo” entra nella sfiducia e inizia a collegare un’idea dopo l’altra con ciò che finisce per chiudere il morsetto di quello stato. Se l’utente non ha il suo “rinforzo positivo” – la risposta – per dirla in qualche modo, la miriade di pensieri errati non si ferma.

La verità è che è difficile accettare che WhatsApp, Facebook o qualsiasi altro strumento del genere siano decisivi per diluire le relazioni di coppia, perché ci sono ancora molti milioni di persone le cui relazioni sentimentali non sono state toccate, eviscerate, influenzate. Influenzate? Sì, certo.

La responsabilità diretta ha a che fare con la capacità di ciascuna persona di mettere in pratica un’intelligenza emotiva che promuova un’appropriata assertività nell’uso di queste applicazioni e nel loro legame diretto con le loro relazioni. È un po’ come ricordare il vecchio detto popolare: “Le armi sono caricate dal diavolo, ma quelle stupide le sparano”. Ci vediamo la prossima volta.

Federica DiFederica

Fake News, una nuova espressione per una vecchia abitudine

L’uso del termine inglese “Fake News” (notizie false) si è moltiplicato negli ultimi mesi grazie ai media. Un’espressione che designa una informazione volutamente falsa che, di solito, circola su Internet.

Maggiori informazioni

Send this to friend