Archivio per Categoria Approfondimenti

Federica DiFederica

Il social credit basato sui dati della popolazione in Cina sembra una distopia fantascientifica

I social media prosperano misurando la popolarità. A mano a mano che le visualizzazioni, i retweet, i follower e gli amici aumentano di numero, ci viene data una misura aggiornata della nostra importanza, della nostra influenza, della nostra autostima. Se facciamo bene, la nostra reputazione sale. Fare errori, tuttavia, porterà ad un crollo, al blocco, ai rifiuti. Coloro che evitano i social media potrebbero vedere tutto ciò come poco importante e frivolo, ma la vita delle persone può essere modellata da questi numeri: può influenzare le loro prospettive di lavoro, la loro posizione sociale e la loro salute mentale.

Se sei di questa idea e volessi un governo al suo controllo, troveresti qualcosa di simile al sistema di credito sociale – social credit – lanciato in Cina. Un ibrido di valutazioni del credito, analisi del comportamento e liste nere di stato, è stato annunciato dal Ministero della Pubblica Sicurezza cinese nel 2015 come un modo per assegnare a ogni cittadino cinese un punteggio basato sulla sua “sincerità” e per premiare gli alti guadagni. Diventerà pienamente operativo nei prossimi due anni. “Il suo obiettivo“, si legge nell’annuncio del ministero, “è quello di elevare la mentalità onesta e i livelli di credito dell’intera società“.

 

Cosa succede se la valutazione è negativa?

Potrebbe essere un sogno utopistico socialista, ma è un incubo per le imprese e i cittadini che hanno punteggi bassi. Dato che il sistema di credito sociale è modellato attraverso una serie di prove, sono emersi resoconti di persone trattate ingiustamente. Quando un avvocato, Li Xiaolin, fu denunciato per diffamazione da uno dei suoi clienti, si trovò a non poter comprare un biglietto aereo. I giornalisti ritenuti inaffidabili dallo Stato hanno avuto difficoltà simili viaggiando, e ulteriori ostacoli potrebbero impedire alle persone di affittare determinate automobili o proprietà. Una scuola nella provincia di Shandong ha rifiutato di iscrivere studenti i cui genitori hanno punteggi bassi. E poiché uno Stato autoritario si nasconde dietro il sistema, la possibilità di fare appello con successo contro un simile punteggio è molto bassa.

La vita è diversa per coloro che ottengono un punteggio elevato. Una valutazione sociale impressionante può consentire a qualcuno di saltare la fila per vedere un medico, o noleggiare un’auto senza pagare un deposito. Altri vantaggi possono includere termini migliori sui prestiti o maggiore visibilità sulle app di appuntamenti. I punteggi più alti potrebbero anche rendere idonei per le richieste di visti con tracciamento più rapido per viaggiare all’estero. Come con i “Mi Piace” su Instagram o i Retweet su Twitter, le persone sono orgogliose dei punteggi in aumento e se ne vantano.

La decisione del 2013 della Corte Suprema cinese di rendere pubblici i nomi dei debitori inadempienti fu forse il primo seme del sistema di credito sociale. È stato riferito che 8,7 milioni di voli e 3,4 milioni di viaggi in treno sono stati negati ai cittadini iscritti alla lista nera fino alla fine del 2017. Ma l’integrazione degli smartphone nella società e l’uso diffuso di app di pagamento come Alipay e WeChat Pay hanno portato a quantità colossale di dati comportamentali che possono essere inseriti in un calcolo di “sincerità”.

Le aziende dietro queste applicazioni (rispettivamente Ant Financial e TenCent) sono due delle otto società autorizzate dal governo cinese a sviluppare piattaforme di valutazione del merito di credito, e negli ultimi mesi sono stati accennati suggerimenti sul tipo di misurazioni registrate: quanto spesso si mangia cibo da asporto, la quantità di tempo che potresti trascorrere giocando ai giochi online, quale macchina si guida, la condotta sui social media, dove va in viaggio. E se i propri amici ottengono risultati mediocri, ciò può riflettere sulla propria condotta.

La progressione da questi schemi di prova a un punteggio di credito sociale completo si basa sulla condivisione dei dati e sulla cooperazione tra le imprese tecnologiche e il governo. “Le società tecnologiche cinesi operano perché il Partito comunista cinese le consente“, osservano gli esperti.

Quando la classifica incontra il riconoscimento facciale

Sono già in corso progetti congiunti in settori come l’apprendimento approfondito e l’informatica quantistica, e sembra inevitabile che questa relazione cresca sempre più vicina, con conseguenze potenzialmente allarmanti. In un recente test, si è sperimentata una funzione di riconoscimento facciale in un KFC dove si paga guardando in una macchina fotografica. Iniziative come questa, combinate con il piano del governo cinese per sviluppare un sistema di riconoscimento facciale per tutti e 1.3 miliardi di cittadini, contrappongono il Social Credit ancora più al regno della fantascienza.

È facile per chiunque vive fuori dalla Cina considerare il credito sociale come un’anomalia peculiare di quel Paese e non qualcosa che potrebbe mai interessarci. Ma possediamo gli stessi smartphone e generiamo gli stessi dati dei cittadini cinesi. Siamo già stati segnati in molti modi. Le società di valutazione del credito stanno accumulando informazioni sempre più approfondite sulle nostre abitudini. Le nostre prospettive di lavoro possono essere influenzate da qualcosa di semplice come la nostra scelta dell’immagine del profilo di Facebook.

Sembrerebbe che la chiave per evitare di scivolare in un sistema di stile cinese sia quello di bloccare questi dati – insieme alle informazioni sanitarie, ai casellari giudiziari e molto altro ancora – messi insieme e analizzati. Ma non è vero che le città intelligenti del futuro, che sono state progettate per aiutare i governi governare e i cittadini a prosperare, si basano proprio su questo?

Il concetto di città intelligente in Cina è diverso dal concetto di città intelligente in Europa“, affermano gli esperti, “ma ciò non significa che le città intelligenti in Europa e altrove non comportino rischi. Lo fanno certamente. Ci sono domande sui fornitori della tecnologia; il fatto che [la società cinese] Huawei operi in altri Paesi comporta rischi, non solo per la sicurezza nazionale, ma anche le minacce alle libertà civili”.

Nel mondo moderno, la convenienza è spesso acquisita a scapito della privacy. Ma in questo momento, i cittadini cinesi sembrano pagare di più della maggior parte della popolazione del pianeta.

Federica DiFederica

Anonimato sui social network: qual è la stretta separazione tra persona online e identità offline

Molti utenti dei social network scelgono di mascherare le loro identità reali. Questo può essere fatto attraverso l’anonimato (senza fornire alcun nome) o la pseudonimia (fornendo un nome falso).

Alcune persone che preferiscono un personaggio anonimo o pseudonimo includono, ma non sono limitati a:

  • Gli individui con condizioni mediche che vogliono discutere i sintomi e il trattamento senza creare una registrazione pubblica della loro condizione;
  • Blogger e attivisti impegnati in discussioni politiche, soprattutto su questioni controverse;
  • Insegnanti e operatori per l’infanzia;
  • Professionisti medici, compresi i professionisti della salute mentale;
  • Agenti delle forze dell’ordine, pubblici ministeri, ufficiali per la libertà vigilata e la libertà vigilata, giudici e altri dipendenti del tribunale;
  • Vittime di stalking, violenza sessuale e violenza domestica;
  • Bambini e giovani;
  • In cerca di lavoro.

In effetti, l’anonimato è uno strumento utile per chiunque preferisca mantenere una stretta separazione tra una persona online e un’identità offline. Può anche essere abusato da individui che cercano di proteggere le loro identità mentre si impegnano in attività illegali.

In genere, gli utenti che preferiscono impegnarsi nei social network senza divulgare la loro vera identità creeranno profili utilizzando un falso nome e un falso indirizzo di posta elettronica. Se si sta considerando un profilo pseudonimo, fare riferimento ai termini di servizio per il sito di social networking. Fornire informazioni false o incomplete viola i termini di servizio di alcuni siti di social network. Gli utenti dovrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di software che maschera gli indirizzi IP, come TOR . Gli utenti dovrebbero inoltre ricordare di cancellare tutti i cookie dopo aver visitato un sito di social network.

Tieni presente che è difficile separare realmente le identità online e offline. È possibile divulgare informazioni identificative tramite aggiornamenti di stato, appartenenze a gruppi, fotografie, reti di amici e altri indicatori. In effetti, numerosi studi hanno dimostrato che i dati anonimi possono spesso essere collegati a individui specifici.

Federica DiFederica

Social network e ricerche di lavoro: i pro e i contro da tenere in considerazione

Chi è in cerca di lavoro si rivolge sempre più spesso ai social network per proporsi ai potenziali datori di lavoro, collaborare con altri professionisti e cercare opportunità di lavoro. Tuttavia, un profilo di social networking non professionale può anche rendere un candidato inadatto, rivelando troppe informazioni personali o poco lusinghiere a un potenziale datore di lavoro. Questa sezione esamina i pro e i contro del social networking per chi cerca lavoro.

Questo breve vademecum può essere applicato a qualsiasi situazione in cui la reputazione di una persona sia importante, come ad esempio:

  • Affittare un appartamento;
  • Uscire con qualcuno;
  • Avviare o mantenere un rapporto professionale, ad esempio come imprenditore indipendente o in posizione manageriale;
  • Impegnarsi in posizioni di volontariato o elettorali;
  • Domanda per college o borse di studio;
  • Essere considerato in un processo di selezione di una giuria.

In che modo i social network possono assistere i candidati alla ricerca di un lavoro

Esistono vari modi in cui i social network possono aiutare nella “caccia al lavoro”. Se un candidato contatta inizialmente un potenziale datore di lavoro via Internet, un profilo su un social network può aiutare a confermare che c’è una persona reale dietro un indirizzo email.

I social network aumentano anche le opportunità di networking. Un candidato può avvisare gli altri di un interesse a trovare un lavoro, così come i dettagli sulla posizione desiderata, pubblicando questo suo interesse su un social. Le reti professionali, come LinkedIn, sono progettate per fornire informazioni sull’istruzione, la storia lavorativa e le realizzazioni a un gran numero di persone. Ci sono anche gruppi professionali o di interesse su una varietà di reti che possono aumentare la visibilità e i contatti.

I potenziali datori di lavoro possono utilizzare i social network per confermare interessi, livello di istruzione e background in modo veritiero. Possono anche conoscere altri interessi che un candidato può avere. Le persone che creano profili di social networking positivi, interessanti e informativi possono sembrare candidati più forti per determinati lavori. Ciò è particolarmente vero, ma non limitato a, lavori che coinvolgono la divulgazione e la comunicazione.

Come i social network  possono ostacolare le persone in cerca di lavoro

I social possono inavvertitamente rivelare informazioni che chi cerca lavoro non può scegliere di rivelare di sé. I potenziali datori di lavoro usano spesso qualsiasi informazione che possono raccogliere su un candidato nel prendere una decisione di assunzione. È importante sapere quali informazioni possono essere viste dai “non-contatti” e considerare quale tipo di conclusioni potrebbero trarne.

Immagini o post poco lusinghieri potrebbero compromettere seriamente la probabilità di essere assunti. Anche se si pubblicano queste informazioni utilizzando impostazioni di privacy restrittive, ci sono molti modi in cui potrebbe diventare disponibile.

Come regola generale, prima di pubblicare qualcosa su un profilo di social network, immaginalo visualizzato su un cartellone sul lato di un’autostrada. Ti sentiresti a disagio nel vederlo lì? Se è così, potresti non volerlo pubblicare affatto.

Sebbene sia illegale e molto difficile da dimostrare, i potenziali datori di lavoro potrebbero discriminare in base alle informazioni disponibili dalle immagini del profilo e altre informazioni facilmente disponibili. Essere consapevoli di rivelare anche informazioni di base come:

  • Età;
  • Genere;
  • Invalidità;
  • Orientamento sessuale;
  • Affiliazioni politiche;
  • Altri gruppi e contatti

Inoltre, i post negativi su un lavoro corrente potrebbero danneggiare le probabilità di un candidato di ottenere un’offerta.

Come i social media possono farti licenziare

I datori di lavoro monitorano sempre più ciò che i dipendenti postano sui siti di social network. In effetti, molte aziende hanno politiche sui social media che limitano ciò che è possibile o meno pubblicare sui siti di social networking sul proprio datore di lavoro. Un sito web, Compliance Building, possiede un database di politiche sui social media per centinaia di aziende. Chiedere quale sia la più appropriate per la tua azienda può essere un buon passo in avanti.

In generale, i post correlati al lavoro hanno il potenziale per causare danni all’azienda. Le leggi anti-discriminazione vietano ai datori di lavoro di disciplinare i dipendenti in base a età, razza, colore, religione, origine nazionale o genere. Se ritieni di essere stato discriminato, contatta un avvocato.

Infine, non esiste una legge che metta a conoscenza del fatto che un datore di lavoro stia verificando o monitorando i dipendenti sui siti di social network. In effetti, i datori di lavoro possono persino assumere società di terzi per monitorare l’attività dei dipendenti online per loro.

Di norma, la seguente guida generale potrebbe aiutare:

  • Le politiche dei datori di lavoro non dovrebbero essere così radicali da proibire il tipo di attività tutelate dal diritto del lavoro federale, come la discussione delle retribuzioni o delle condizioni di lavoro tra i dipendenti;
  • I commenti di un dipendente sui social media non sono generalmente tutelati se si tratta di mere lamentele non fatte in relazione all’attività di gruppo tra i dipendenti.
Federica DiFederica

Social network: chi può accedere alle nostre informazioni

Probabilmente quando si inviano informazioni su un social network, un utente si aspetta che i contatti autorizzati possano vederle. Ma chi altri può averne accesso e cosa è esattamente visibile?

Le entità che raccolgono informazioni personali per scopi legali includono:

  • Gli inserzionisti interessati alle informazioni personali in modo che possano indirizzare meglio i propri annunci a quelli con maggiori probabilità di essere interessati al prodotto;
  • Sviluppatori di software di terze parti che incorporano informazioni per personalizzare applicazioni, ad esempio giochi online che interagiscono con il social network.

Le entità che raccolgono informazioni personali per scopi illegali includono:

  • Ladri di identità che ottengono informazioni personali in base alle informazioni che un utente pubblica o che altri post sull’utente;
  • Altri criminali online, come persone che pianificano di truffare o molestare individui, o infettare computer con malware (installati su un computer all’insaputa del proprietario).

Leggi anche: Privacy sui social network: come stare sicuri, ma essere comunque social

Pubblicità comportamentale

Le reti sociali che forniscono i loro servizi senza contributi dell’utente fanno profitto vendendo pubblicità. Questo è spesso fatta attraverso la pubblicità comportamentale, nota anche come targeting.

La pubblicità comportamentale è il termine usato per descrivere la pratica di personalizzare la pubblicità per gli interessi personali di un individuo. Questa pratica è interessante per i professionisti del marketing perché è più probabile che annunci pubblicitari mirati si traducano in un acquisto da parte di un utente rispetto ad annunci pubblicitari non mirati comparabili. Sono preziosi per i social network in quanto possono essere venduti ad un prezzo superiore rispetto agli annunci regolari.

I social network raccolgono molte informazioni sui potenziali clienti, ai quali gli inserzionisti sono molto interessati. In qualche modo, questo può essere utile per l’utente perché gli annunci pubblicitari che possono apparire più pertinenti.

Ci sono diverse preoccupazioni riguardo alla pubblicità comportamentale:

  • I consumatori potrebbero non essere consapevoli del fatto che i dati sono associati ai loro profili;
  • I consumatori potrebbero non essere in grado di visualizzare i dati associati ai loro profili e correggere le imprecisioni;
  • Non ci sono periodi di conservazione massimi sui dati e non ci sono requisiti di sicurezza per la conservazione dei dati, lasciandoli vulnerabili agli hacker e ai rischi per la sicurezza;
  • Le informazioni sui minori possono essere raccolte e utilizzate per la pubblicità comportamentale.

Leggi anche: Tipi di social network: quali sono, come li riconosciamo e come li “viviamo”

Applicazioni di terze parti 

Nell’ambito del social networking, le “applicazioni di terzi” sono programmi che interagiscono con un social network senza farne effettivamente parte. Queste applicazioni assumono molte forme, ma alcune forme tipiche e popolari includono:

  • Giochi da fare con i propri contatti;
  • Sondaggi o quiz online;
  • Software che consentono agli utenti di pubblicare su un profilo social tramite un telefono cellulare o un’applicazione web.

Alcuni social network consentono agli sviluppatori di programmi di accedere alle loro piattaforme per creare queste applicazioni. Ciò rende il social network più attraente per gli utenti, facilitando lo sviluppo di nuovi e creativi metodi di interazione con i contatti e la rete.

Per rendere queste applicazioni utili, i social network possono consentire agli sviluppatori l’accesso automatico alle informazioni pubbliche degli utenti. Oltre alle informazioni pubbliche, le applicazioni di terzi possono accedere ad alcune informazioni private. Un utente può concedere a un’applicazione di terze parti l’accesso al proprio profilo senza rendersi conto della portata delle autorizzazioni concesse. Gli utenti potrebbero anche erroneamente ritenere che le applicazioni di terzi siano mantenute agli stessi standard del social network principale. Esistono anche applicazioni “canaglia” che non seguono le politiche e i termini che regolano le applicazioni.

Alcune cose da tenere a mente quando si considera l’utilizzo di applicazioni di terze parti:

  • Potrebbero non essere coperte dall’informativa sulla privacy del social network;
  • Potrebbero non essere garantite per essere sicuri;
  • La maggior parte dei social network non si assume la responsabilità delle applicazioni di terze parti che interagiscono con i loro siti;
  • Possono avere accesso a più informazioni di quelle necessarie per svolgere le loro funzioni;
  • A volte le applicazioni sono progettate solo per raccogliere informazioni sugli utenti;
  • Possono contenere malware progettato per attaccare il computer dell’utente;
  • Gli sviluppatori di terze parti possono riportare le azioni degli utenti sulla piattaforma di social networking;
  • Un social network può avere accordi con determinati siti web e applicazioni che consentono loro l’accesso alle informazioni pubbliche di tutti gli utenti del social network.

Le applicazioni di terze parti in genere possono accedere a informazioni che:

  • sono considerate pubbliche senza il consenso esplicito dell’utente;
  • vengono considerate private quando un utente concede l’autorizzazione dell’applicazione.

In alcuni casi, una volta che hanno ricevuto l’autorizzazione da un utente principale, le applicazioni di terzi possono anche accedere alle informazioni personali dei contatti degli utenti senza che tali contatti concedano un permesso esplicito.

Come regola generale, prestare attenzione quando si utilizzano applicazioni di terze parti. Ricorda che è difficile controllare quali informazioni stanno raccogliendo, come potrebbero usarle e con chi le condivideranno.

Federica DiFederica

WhatsApp, ovvero la “mano del diavolo” che dispensa ansie e paure

Poiché è praticamente impossibile fare a meno – diciamocelo – di qualcosa di essenziale nella vita di oggi come Whatsapp – o qualsiasi altro mezzo di comunicazione immediata, il problema della “comunicabilità”, fiducia e interazione si intensifica. Tuttavia, ciò che si può fare è cominciare a capire che il problema non è lo strumento, ma l’uso inadeguato che ne è fatto.

Qualsiasi applicazione che è nelle mani di una persona, il cui obiettivo primario è quello di usarlo per avere il controllo su un’altra persona (in questo caso il partner), farà scattare l’ansia di quell’individuo. Quando si tratta fondamentalmente di utilizzare uno strumento attraverso motivazioni inadeguate, stiamo parlando di atteggiamenti e comportamenti derivati ​​da una profonda e personale insicurezza – letteralmente e simbolicamente parlando.

In questo senso ci sono due problemi che influenzano significativamente l’uso di WhatsApp come mezzo per controllare la coppia: errata percezione e assunzione. Da un lato, la percezione è ciò che ci permette di avere una prima conoscenza di qualcosa basata sulle impressioni che i sensi comunicano. Tuttavia, l’assenza o l’inadeguata informazione di quei sensi possono facilmente portarci a una percezione errata. Ciò accade nel caso in cui, ad esempio, la persona anticipa le informazioni e assume che quel che percepisce è il comunicare qualcosa – quando non è realmente così. “So che hai visto il messaggio” potrebbe essere il pensiero di non ricevere una risposta dopo la doppia verifica blu. Ma questa percezione diventa errata e lascia il posto a uno stato di ansietà quando quel pensiero è seguito da un “…e non voleva rispondermi”.

La verità è che questa è un’anticipazione che ovvia alla realtà: sappiamo solo che ha visto il messaggio. Se ci concentrassimo su quest’ultimo dato, non ci sarebbe motivo di soffrire di ansia.

In secondo luogo, quando percepiamo erroneamente e ci separiamo dalla realtà anche solo per un breve momento, assumiamo che le nostre paure siano vere; la vittima della “sindrome del doppio controllo” entra nella sfiducia e inizia a collegare un’idea dopo l’altra con ciò che finisce per chiudere il morsetto di quello stato. Se l’utente non ha il suo “rinforzo positivo” – la risposta – per dirla in qualche modo, la miriade di pensieri errati non si ferma.

La verità è che è difficile accettare che WhatsApp, Facebook o qualsiasi altro strumento del genere siano decisivi per diluire le relazioni di coppia, perché ci sono ancora molti milioni di persone le cui relazioni sentimentali non sono state toccate, eviscerate, influenzate. Influenzate? Sì, certo.

La responsabilità diretta ha a che fare con la capacità di ciascuna persona di mettere in pratica un’intelligenza emotiva che promuova un’appropriata assertività nell’uso di queste applicazioni e nel loro legame diretto con le loro relazioni. È un po’ come ricordare il vecchio detto popolare: “Le armi sono caricate dal diavolo, ma quelle stupide le sparano”. Ci vediamo la prossima volta.

Federica DiFederica

Fake News, una nuova espressione per una vecchia abitudine

L’uso del termine inglese “Fake News” (notizie false) si è moltiplicato negli ultimi mesi grazie ai media. Un’espressione che designa una informazione volutamente falsa che, di solito, circola su Internet.

Leggi tutto

Federica DiFederica

Chi è il brand journalist e cosa fa: la nuova era del giornalismo che racconta le aziende

Le grandi aziende come HSBC, Coca-Cola e American Express hanno sviluppato sui propri portali diversi contenuti, una tendenza che cresce man mano che i mezzi di comunicazione asfaltano qualsiasi altro espediente pubblicitario. Prima le aziende erano solo una “notizia”, ora la “fanno”. La comunicazione aziendale si è spostata dal comunicato stampa ai portali interni con uno sviluppo autonomo e in grado di tenere il passo e, addirittura superare, le pubblicazioni dei media mainstream.

Leggi tutto

Federica DiFederica

È da codardi nascondere la propria identità online?

Si risponde ai blog, alle notizie lette e su altri siti online riguardo qualsiasi cosa attraverso un nome falso. La domanda è: perché? Perché nascondersi? Nel corso degli anni, sui vai blog che ho “partorito” e sui diversi siti sui quali ho scritto, ho scoperto che i post più velenosi, cattivi e incivili erano scritti quasi sempre da persone “nascoste” dietro un nome falso. C’è semplicemente un rifiuto di responsabilità quando si invia un commento da anonimi. Questo è probabilmente il motivo per cui molti siti iniziano a richiedere l’uso di nomi reali se si desidera rispondere.

Non molto tempo fa, il direttore marketing di Facebook (e la sorella del fondatore Mark), Randi Zuckerberg, ha annunciato che l’anonimato “dovrebbe essere eliminato”. In quell’occasione, aggiunse: “Penso che l’anonimato su Internet debba essere evitato. Le persone si comportano molto meglio quando hanno i loro nomi reali in evidenza. Penso che le persone si nascondono dietro l’anonimato e credono di poter dire tutto ciò che vogliono dietro le porte chiuse”.

Credo che se tutti noi postassimo o commentassimo sotto nomi reali, il livello di cattiveria diminuirebbe e il livello complessivo di discussioni e conflitti diminuirebbe, per veder aumentare, al contrario, opinioni e scambi di punti di vista. In particolare, le persone dovrebbero essere sensibilizzate ad essere responsabili delle loro opinioni, delle accuse e delle idee.

Agli albori di Internet, tutti si preoccupavano degli stalkers. Ma, oggi, semplicemente regolando le impostazioni di Facebook si finisce per non essere più preoccupati di chi ci legge, segue o spia. Ma è bene che, interagendo, si faccia sapere chi si è. Basta, dunque, a tramonti o profili dietro l’immagine di questo cantante o attore. O, volete mettere? Quell’uovo inquietante sul profilo anonimo di Twitter.

A mio parere, è un comportamento da codardo. Cosa ne pensate?

Federica DiFederica

Come disintossicarsi dalla iperconnettività

Pochi eventi mettono “ko” chi è realmente “drogato” di Internet. Pensiamo, ad esempio, alla “caduta” di WhatsApp un mese fa, quando il servizio di messaggistica istantanea più utilizzato quotidianamente in tutto il mondo da oltre un miliardo di persone ha smesso di funzionare. Molti utenti sono caduti in una sorta di depressione e stato d’ansia tipiche dei nostri giorni.

Il WhatsAppdown è stato un duro colpo in un’epoca in cui la tecnologia sembra infallibile e, secondo gli psicologi, ha mostrato come l’abuso di questo strumento stia diventando un problema globale. I segnali di pericolo non sono nuovi. Ma nuovi studi rivelano che WhatsApp, le abitudini di consumo che comporta e il modo in cui noi interagiamo con lo smartphone e, soprattutto, il tempo che vi trascorriamo dipendono da molti fattori. Tutti tendono ad essere preoccupanti.

Il panorama non è confortante. Questa è la prova che la gente preferisce a comunicare via WhatsApp, anziché tramite Facebook, Instagram e Twitter, o le dimenticate telefonate. In particolare, l’instant messaging (68 per cento) sono la forma più comune di interazione, soprattutto sui social network (64 per cento) e voce (59 per cento).

Dipendenza da “linea”

WhatsApp è già la forma preferita di comunicazione. Ma si sta in qualche modo esagerando? Quando si può considerare questo strumento e le reti sociali una dipendenza? Psicologi, professori e specialista in ‘neurofeedback’ definiscono il limite della dipendenza, segnato dalle caratteristiche di ogni persona. In sostanza, si può parlare di dipendenza quando i comportamenti ossessivi isolano le persone dalla loro realtà e dalla normalità. Ciò significa che le attività quotidiane, come mangiare e dormire, sono rinviate per la dipendenza in oggetto. In questo caso, WhatsApp.

Le persone non ammettono la loro dipendenza e, in questo caso, giustificano la loro ossessione da WhatsApp o dai social network come questione puramente lavorativa. E’ difficile per una persona accettare una dipendenza, perché ci sono migliaia di ragioni per giustificare comportamenti di questo tipo. Rimane la convinzione che tutto è giustificabile. Ci sono piene capacità cognitive, ma la realtà è distorta.

Dipendenza a cosa?

Questo solleva una domanda ulteriore: a che cosa si tende ad essere dipendenti sui socila network? La necessità di essere informati e interagire con gli altri? La risposta potrebbe trovarsi in una sindrome che diversi autori hanno definito all’inizio di questo decennio come “la paura di perdere“, che potrebbe essere tradotto come “paura di perdere qualcosa“. E si parla di un bisogno di essere collegati tutto il tempo per non perdere i dettagli sui contatti dei social network.

Inoltre, v’è un fenomeno noto come “nomofobia”, che ha cominciato a far parlare di sé in questo decennio con l’avvento delle reti e viene spiegato come la paura irrazionale di dimenticare lo smartphone. Il termine deriva dall’espressione ‘non-mobile-phone fobia’ e considera la nomofobia “un disordine del mondo moderno che si riferisce a disagio o ansia causata da essere fuori contatto con un telefono cellulare o la paura patologica di non rimanere in contatto con la tecnologia“.

Federica DiFederica

La pubblicità: evoluzione e attrazione, dalla radio alla TV e Internet

C’è chi sostiene che l’atto di fare pubblicità sia, in realtà, una tendenza molto naturale. Ci sono colori e forme meravigliose; canzoni ed anche esseri umani felici e sereni. E, questo, nel tentativo di convincere gli altri. Questa è la la pubblicità.

Leggi tutto

Send this to friend