Archivio per Categoria Approfondimenti

Federica DiFederica

Come avere una buona (e rispettosa) comunicazione tra datore di lavoro e dipendenti

La comunicazione è fondamentale. Che tu sia un dipendente o un datore di lavoro, il “come dirlo” fa la differenza. Sii chiaro su cosa stai cercando di ottenere e spiegare ai dipendenti, o ai loro rappresentanti o entrambi, se stai informando, consultando o negoziando con loro. Allo stesso modo, se sei un lavoratore, rivolgi le tue richieste in modo fermo, ma educato.

Tuttavia, è ai primi che dovremmo fare un po’ più di attenzione. Il rivestire il ruolo di “capo” non è cosa semplice e si scade più spesso nell’antipatia che nell’essere amati. E l’annosa questione della differenza tra un boss e un leader rimane evidente.

Se, dunque, sei un datore di lavoro, dovresti incoraggiare un flusso bidirezionale di informazioni tra dipendenti e i manager. E, per farlo, devi tenere conto di alcuni importanti fattori:

  • tenere riunioni periodiche;
  • usare un linguaggio che i dipendenti comprendano, non solo il gergo;
  • mantenere le discussioni focalizzate, pertinenti, locali e tempestive;
  • usare domande aperte per trarre idee dai dipendenti;
  • assicurare che le comunicazioni raggiungano ogni dipendente, ad esempio non dimenticare i lavoratori part-time, i lavoratori a domicilio e i lavoratori assenti (ad esempio, quelli in ferie e quelli assenti a causa di malattia);
  • usare gli eventi sociali per abbattere le barriere e creare fiducia;
  • quando hai bisogno di comunicare problemi controversi o delicati , ad es. risultati aziendali mediocri, dovresti farlo faccia a faccia. Di solito è meglio avere un senior manager che discuta di questioni così importanti. Il vantaggio della comunicazione parlata e faccia a faccia è il fatto che si tratta di un modo diretto ed efficace per superare le distanze. Tuttavia, non vi si può fare affidamento completamente perché possono sorgere malintesi e voci di corridoio e si potrebbe desiderare di rafforzarla con una conferma scritta.

Assicurati che chiunque parli con i dipendenti sia pienamente informato e offra l’opportunità ai dipendenti di porre domande: se ti viene fatta una domanda a cui non sai rispondere, dillo. Potresti avvisare che avresti avuto bisogno di notifica di quella domanda poiché non hai attualmente le informazioni da fornire per una risposta immediata. Spiega che avrai una risposta a tempo debito. Affinché tutti i dipendenti siano informati, puoi inviare un’email a tutto il personale una volta che hai una risposta a una domanda che li riguarda tutti. E se non c’è risposta, spiega perché; mentre se puoi avere una risposta entro una determinata scadenza, dillo.

Una comunicazione scritta efficace è in genere accurata, breve e chiara. È buona prassi disporre di copie di tutte le politiche e informazioni aziendali in un unico posto a cui i dipendenti hanno accesso, ad esempio una intranet. I dipendenti possono consultare le procedure, i doveri e le condizioni contrattuali a loro piacimento o quando hanno bisogno di chiarimenti.

Ad ogni modo, mai e poi mai usare un linguaggio piccato, autoritario in senso spregiativo e toni autarchici. Regola che vale anche nella comunicazione scritta, nella quale il CAPS LOCK fa sempre fare una gran brutta figura! I vostri dipendenti sono lavoratori e l’era delle piantagioni di caffè in Alabama sono finite da tempo!

Federica DiFederica

La sfida della comunicazione nei social network: l’arte di saper comunicare con gli utenti

Portare a termine una comunicazione di successo è già un compito complesso in qualsiasi ambito della vita. Ma cosa succede quando gli interlocutori si moltiplicano e c’è una sola voce che risponde? Comunicare nei social network richiede una serie di competenze da parte di professionisti di social media marketing. Nello specifico, quando si risponde a una persona ma non solo si comunica con lei, ma si lancia un messaggio pubblico a tutti coloro che leggono quel commento.

Comunicare sui social media è molto simile a parlare in pubblico e di fronte a diversi giornalisti pronti a echeggiare ogni parola che diciamo, qualcosa di rischioso quando parliamo di un marchio o di un’azienda. Di fronte alla gestione di un account aziendale nei social network è necessario che ci esprimiamo con cautela, quasi come se sentissimo sul nostro collo il respiro dell’onnipresente e vigile Grande Fratello di Orwell. Potrei sembrare esagerata, ma tenete presente che ciò che diciamo non sarà visto solo da migliaia di occhi, ma sarà registrato per sempre nella selce di Internet.

Nella comunicazione c’è una norma di base, ossia quella regola per la quale per comunicare prima devi avere qualcosa da dire. Pertanto, che un marchio si avventuri e faccia il salto sui social network senza una strategia definita, sarà un grave errore nella stragrande maggioranza dei casi.

La prima cosa che un’azienda o un’istituzione devono prendere in considerazione durante la comunicazione è chi è e a chi dovrà indirizzarsi, non solo in termini di target, ma  del tipo di community che segue un determinato account. Non utilizzerà lo stesso tono e il linguaggio di una fondazione dedicata all’arte classica se si tratta di un festival di musica tecno, non solo per la natura di ciascuna delle community, ma dei partner che ne faranno parte. Mentre nel primo caso si dovrebbe usare un linguaggio raffinato e stare molto attenti all’espressione, nel secondo degli esempi si dovrà cercare di avvicinarsi a chi legge, essere entusiasti usando un linguaggio giovanile e ricco di onomatopee e gergo ben gestito, naturalmente senza trascurare la correzione sintattica, grammaticale o linguistica. Dovremo anche prendere in considerazione il tipo di social network in cui comunichiamo, adattare tono, vocabolario e messaggio.

Ma il comunicatore nei social network deve essere in grado non solo di adattare il proprio tono e linguaggio alla propria comunità, ma anche di adattarsi a ciascuno dei membri in particolare. Per fare ciò, deve avere una capacità sufficiente a percepire l’intenzione e le condizioni di ciascuna delle persone che si rivolgono al marchio e rispondere di conseguenza in modo che l’individuo in questione sperimenti un senso di vicinanza che inneschi l’empatia. La cosa facile è rispondere a qualcuno; la cosa difficile è scoprire o persino identificare la personalità di un individuo per rispondere di conseguenza. Essere in grado di raggiungere questo livello non è un compito facile e sarà necessario che il comunicatore nei social network sia un esperto di comunicazione e una persona empatica.

Una buona comunicazione è un’arte. Ci sono persone che nascono con il dono della parola, con un’incredibile capacità di convincere, persuadere. Persone che sono capaci di trasformare la realtà solo dal modo in cui la descrivono. Queste sono le persone che un’azienda dovrebbe cercare. Ovviamente, avere una formazione adeguata nella comunicazione e persino nelle lingue dovrebbe essere un requisito fondamentale quando si seleziona il community manager.

 

Solo questione di empatia?

Questa capacità dovrebbe servire al comunicatore per interpretare correttamente i messaggi che riceve, spesso con scarsa informazione o scarsamente strutturata. Conoscere a fondo il funzionamento della società e il prodotto o il servizio di cui un portavoce contribuirà notevolmente a leggere tra le righe e il know how per interpretare correttamente i messaggi a volte disgiunti ricevuti. Tutto per evitare di chiedere di nuovo a cosa si riferisce il soggetto, poichè può portare a creare un senso di incomprensione che suppone che l’utente percepisca improvvisamente il marchio come un essere distante, che non lo capisce.

È molto importante, quindi, che il comunicatore nei social network rilevi e controlli l’umore del suo interlocutore, anche nei casi più ambigui. Stranamente, a volte non è facile distinguere da un commento decontestualizzato se l’utente è arrabbiato o sta semplicemente scherzando. Sarà necessario che il responsabile della community sappia come differenziarlo e, nel caso in cui sia arrabbiato, offrire una risposta che soddisfi completamente o, almeno, il più possibile.

Ciò si ottiene attraverso diverse linee guida che devono essere seguite nel messaggio di risposta, ad esempio mostrando un particolare interesse nel conoscere il caso, permettendo di vedere la volontà di aiutare, prendendo le distanze dal marchio o il reparto che l’utente crede colpevole del suo problema e fargli capire che siamo vicini a lui con sottigliezza, usare parole positive e rassicuranti e, soprattutto, farlo sentire ascoltato e percepire che capiamo che il suo problema è importante.

Federica DiFederica

Psicologia del “ghosting”: perché le persone scompaiono e non rispondono più su WhatsApp

Il “ghosting”, quel modo di scomparire dal rapporto con una persona, irrita molti a causa della mancanza di spiegazioni della persona che decide di chiudere definitivamente con il partner.

La parola è usata principalmente nelle relazioni sentimentali, che non si concludono faccia a faccia, ma semplicemente non rispondendo ai messaggi. Se vogliamo trovare una spiegazione, la scienza è dalla nostra parte.

 

Cosa dice la scienza

La spiegazione del perché il “ghosting” sia diventato così evidente e frequente è dovuto alla divulgazione delle nuove tecnologie: se stiamo inviando messaggi al nostro partner e, improvvisamente, la comunicazione viene interrotta dall’altra parte, capiamo chiaramente che non vuole parlarci. Questo rende la rottura molto più difficile di prima, ovvero di quando queste nuove tecnologie penetrassero nelle nostre vite.

Il ghosting ha anche a che fare con il modo in cui le relazioni sono cambiate, in un momento il cui l’essere presenti online è più facile che mai. Tara Collins, professore associato di psicologia presso Winthrop South Carolina University, ha spiegato che, in assenza di stretti legami (ad esempio, l’assenza di un legame sociale comune), è più facile andarsene e scomparire senza lasciare sequel. Collins dice anche che le persone a cui non piace avere una “vicinanza emotiva” hanno maggiori probabilità di sparire.

Ma cosa ne è delle persone che soffrono di ghosting?Alcune ricerche suggeriscono che questa forma di rigetto colpisca il cervello allo stesso modo del dolore fisico. Apparentemente, potrebbe essere perché queste persone considerano più offensivo interrompere una relazione tramite WhatsApp anziché faccia a faccia. Se qualcuno attua questo atteggiamento, la cosa migliore, secondo gli specialisti, è lasciare andare il fantasma, perché ha già dimostrato come gestisce le relazioni.

Inoltre, una buona difesa è non spiare i suoi profili sui social network e terminare con la comunicazione diretta. La salute mentale ringrazierà.

Uno studio dello scorso anno si è basato su un campione di 1.300 persone per approfondire la conoscenza che abbiamo del “ghosting”. Di questi, il 25% ha affermato di aver subito il “ghosting” di una coppia, mentre il 20% ha dichiarato di averlo fatto a qualcuno. Questa abitudine sembrava più comune tra gli amici che tra i partner. Un altro studio, anch’esso del 2018, ha dimostrato che le percentuali sono in aumento: quasi due – terzi dei partecipanti ha sostenuto di essere sparito dalla coppia e il 72% ha dichiarato di averlo subito.

Federica DiFederica

I social media e i loro effetti sulle nostre vite: i pro e i contro del loro uso, le prove e le incognite

Tre miliardi di persone, circa il 40% della popolazione mondiale, utilizzano i social media online e vi trascorriamo in media due ore al giorno per condividere, apprezzare, twittare e aggiornare queste piattaforme. Si riduce a circa mezzo milione il numero di tweet e di foto di Snapchat condivise ogni minuto.

Con i social media che giocano un ruolo così importante nelle nostre vite, sacrifichiamo la nostra salute mentale e il nostro benessere così come il nostro tempo? La ricerca che esiste si basa principalmente sull’autovalutazione, che spesso può essere imperfetta e la maggior parte degli studi si concentra su Facebook. Detto questo, si tratta di un’area di ricerca in rapida crescita e gli indizi stanno cominciando ad emergere. Ecco, a seguire, alcuni dei risultati.

 

Stress

Le persone usano i social media per sfogarsi su tutto, dal servizio clienti alla politica, ma il lato negativo di questo aspetto è che i nostri feed spesso assomigliano a un flusso infinito di stress. Nel 2015, i ricercatori del Pew Research Center hanno cercato di scoprire se i social media inducono più stress di quanto lo possa alleviare. Nel sondaggio  di 1.800 persone, le donne hanno riferito di essere più stressate rispetto agli uomini. Nel complesso, i ricercatori hanno concluso che l’uso dei social media era legato a “livelli leggermente inferiori” di stress.

 

Umore

Uno stato d’animo buono o cattivo può diffondersi tra le persone sui social media. Questo ha aumentato il numero di post negativi dell’1% e i ricercatori hanno scoperto che un post negativo di qualcuno in una città piovosa ha influenzato altri 1,3 post negativi da parte di amici che vivevano in città aride. La notizia migliore è che i post felici hanno avuto un’influenza più forte; ognuno ha ispirato 1,75 messaggi più felici. Tuttavia, non è chiaro se un post felice si traduca in una vera e propria spinta al buonumore.

 

Ansia

I ricercatori hanno guardato all’ansia generale provocata dai social media, caratterizzata da sentimenti di inquietudine e preoccupazione e difficoltà a dormire e concentrarsi. Non è chiaro se e come i social media causino ansia. I ricercatori hanno concluso che occorre fare più ricerca.

 

Depressione

Mentre alcuni studi hanno trovato un collegamento tra depressione e uso dei social media, c’è una ricerca emergente su come possano effettivamente essere una forza positiva. I ricercatori hanno rilevato livelli più elevati di sintomi depressivi tra coloro che hanno riferito di avere più interazioni negative. Gli scienziati stanno anche esaminando come i social media possano essere utilizzati per diagnosticare la depressione, che potrebbe aiutare le persone a ricevere le cure con prevenzione.

 

Sonno

Ora siamo circondati da luci artificiali tutto il giorno e anche la notte. La ricerca ha scoperto che questo può inibire la produzione del corpo dell’ormone melatonina, che facilita il sonno – e la luce blu, che viene emessa dagli schermi di smartphone e laptop è considerata la peggiore colpevole. In altre parole, se di notte controlliamo Facebook e Twitter, avremo un sonno irrequieto. I ricercatori dicono che questo potrebbe essere causato da un eccitamento fisiologico prima del sonno e le luci brillanti dei nostri dispositivi possono ritardare i ritmi circadiani. Ma non hanno potuto chiarire se i social media causino disturbi del sonno.

 

Dipendenza

La dipendenza dai social media non è inclusa nell’ultimo manuale diagnostico per i disturbi della salute mentale. Detto questo, i social media stanno cambiando più velocemente di quanto gli scienziati possano tenere il passo, quindi vari gruppi stanno cercando di studiare i comportamenti compulsivi legati al loro uso. E se la dipendenza dai social media esiste, sarebbe un tipo di dipendenza da Internet – e questo è un disturbo classificato. L’uso eccessivo è legato a problemi relazionali.

 

Autostima

Le riviste femminili e il loro uso di modelli sottopeso e Photoshop sono stati a lungo denigrati per aver sollevato problemi di autostima tra le giovani donne. Ma ora, i social media, con i loro filtri, le luci e le angolazioni migliori, stanno diventando una preoccupazione primaria tra alcuni gruppi di campagne e organizzazioni di beneficenza. Ma non sono solo i selfie che hanno il potenziale per intaccare l’autostima. Uno  studio condotto  su 1.000 utenti svedesi ha rilevato che le donne che hanno trascorso più tempo su Facebook hanno riferito di sentirsi meno felici e fiduciose. Facebook ha avuto un effetto positivo sull’autostima rispetto ad altre attività che aumentano la consapevolezza di sé. Specchi e foto, spiegano i ricercatori, ci fanno confrontare con gli standard sociali, mentre guardare i nostri profili Facebook potrebbe aumentare l’autostima perché è più facile controllare come ci si presenta al mondo.

 

Benessere

Nel complesso, gli effetti dei social media sul benessere sono ambigui. Tuttavia, ci sono prove più chiare dell’impatto su un gruppo di persone: i social media hanno un effetto più negativo sul benessere di coloro che sono più socialmente isolati.

 

Rapporti

Anche la semplice presenza di un telefono può interferire con le nostre interazioni, in particolare quando stiamo parlando di qualcosa di significativo. Le donne passano molto più tempo su Facebook e, rispetto agli uomini, sperimentano molta più gelosia nel farlo.

 

Invidia

Tuttavia, l’invidia non è necessariamente un’emozione distruttiva – spesso può farci lavorare di più. Ma il tipo di invidia che i ricercatori hanno rilevato è “benevola”, poichè sostengono porti la persona a migliorarsi.

 

Solitudine

Coloro che trascorrono più tempo sui social media hanno il doppio delle probabilità di riportare l’isolamento sociale, che può includere la mancanza di un senso di appartenenza sociale, impegno con gli altri e relazioni soddisfacenti. Passare più tempo sui social media, hanno detto i ricercatori, potrebbe spostare l’interazione faccia a faccia e anche far sentire le persone escluse. “L’esposizione a tali rappresentazioni altamente idealizzate delle vite dei pari può suscitare sentimenti di invidia e la convinzione distorta che gli altri conducano a vite più felici e di maggior successo, il che può aumentare l’isolamento sociale percepito“, spiegano.

 

Conclusioni

È chiaro che in molte aree, non si sa ancora abbastanza per trarre conclusioni forti. Tuttavia, le prove indicano che i social media influenzano le persone in modo diverso, a seconda delle condizioni preesistenti e dei tratti della personalità.

Come per il cibo, il gioco d’azzardo e molte altre tentazioni dell’era moderna, è probabilmente sconsigliabile un uso eccessivo per alcuni individui. Ma allo stesso tempo, sarebbe sbagliato dire che i social media siano una cosa universalmente negativa, perché chiaramente portano una miriade di benefici alle nostre vite.

Federica DiFederica

Che cos’è il “micro-cheating” e quando diventa una vera infedeltà?

C’era un tempo in cui l’infedeltà era legata a una macchia di rossetto sul collo di una maglietta, all’odore di profumo sul risvolto della camicia o alla ricevuta incriminante nella tasca dei pantaloni. Anche quando i social network hanno iniziato a emergere, gli indizi erano chiari: un bacio sulla foto di una festa e si poteva credere qualunque cosa. Ma ora, nell’era delle app di appuntamenti e dei messaggi diretti, le cose sono diventate un po’ più complicate.

Ed è qui che entra in gioco il micro-cheating, la parola d’ordine per l’infedeltà, che potrebbe essere tradotta dall’inglese come “micro-inganno“.

 

Micro-tradimento: sei infedele al tuo partner senza rendertene conto

Come suggerisce il nome, questa tendenza ha a che fare con quelle piccole cose che si potrebbe pensare non siano poi così malvagie… ma possono esserlo. E qui sorge il dilemma: se include azioni sottili, come viene definito il micro-cheating?

Sì, dice Martin Graff, professore di psicologia all’Università del Galles del Sud, Regno Unito. In un recente articolo pubblicato da una rivista di psicologia, spiega come l’infedeltà si è evoluta mentre le nostre vite si svolgono sempre più su Internet.

Graff definisce micro-imbroglio qualsiasi atto o comportamento di qualcuno in un rapporto che suggerisce che v’è una terza persona emotivamente o fisicamente coinvolta. Il fatto che comunichiamo sempre di più su Internet rende le relazioni altrettant ambigue.

Prima degli smartphone , il micro-cheating potrebbe essere paragonato all’abitudine di togliere la fede quando si usciva. Ma nell’era digitale è più facile che mai mandare segnali a qualcuno per fargli capire di essere disponibile. Tuttavia, Graff dice che sebbene il micro-cheating non significhi sempre che si sta tradendo il partner, è un comportamento che può portare all’infedeltà. Qualcosa come preparare il terreno. “Il fatto che comunichiamo sempre di più su Internet rende le relazioni sempre più ambigue“, spiega.

Alla luce di tutto ciò, esiste un modo preciso per sapere se qualcuno viene ingannato o se sta imbrogliando? Ecco quattro possibili scenari dai quali mettersi in guardia.

 

1. Inviare un messaggio all’ex

Sei in un concerto con il tuo partner. E scopri che alcune canzoni ti riportano con il pensiero all’ex. Fai una foto e gliela mandi. E attendi la risposta. Che arriva. Se continui la conversazione, sei infedele?

Gli esperti dicono:  “Non c’è niente di sbagliato nell’essere in contatto con l’ex. La situazione è accettabile finché non stai cercando una riconciliazione, sei annoiato o cerchi attenzione. Molte persone scrivono al loro ex in cerca di un impulso veloce per il loro ego, se sanno che quella persona nutre ancora sentimenti nei loro confronti“.

Ma c’è chi asserisce hanno: “Perché uno dovrebbe voler entrare in contatto con un ex se la relazione è finita? Non importa quale sia l’intenzione, non è giusto. Direi che è un imbroglio“.

Livello di infedeltà: 3/5

 

2. “Mi piace” sui post di qualcuno sui social network

Sei a letto, spegni le luci ma non riesci a dormire. Inizi a scrollare su Instagram e ti piacciono le foto di qualcuno con cui, se non fossi impegnato/a, ti piacerebbe esserlo. Fai lo stesso durante il pranzo e sull’autobus sulla strada di casa, lasci alcune emoji sui suoi ultimi post, tra cui un cuore.

Gli esperti dicono: “Le persone che si sentono insicure possono essere più turbate e forse è un segno che c’è un problema più importante nella loro relazione“.

 

Livello di infedeltà: 2/5 se è prima del crepuscolo, 5/5 di notte.

 

3. Costruisci un’amicizia “platonica” su Internet

Sei andato in vacanza con un gruppo di amici dell’università e sei andato a far festa per una serata in cui ti sei divertito molto con qualcuno della tua classe. Diventare amici di Facebook sembrava un passo logico. Da lì, si finisce per seguirsi reciprocamente su Instagram. All’improvviso, un giorno ricevi un messaggio che ti chiede il numero: vuole parlarti.

Gli esperti dicono: “Devi essere onesto e rispettoso, avere una relazione stabile mentre fai questo genere di cose è fuori luogo“.

Ma per altri: “Spesso conoscere persone con le quali abbiamo delle cose in comune non credo ci sia niente di male, ma si deve essere molto chiari con l’altra persona per non fraintendere quella che è un’amicizia. Se si avvia lo scambio di messaggi diretti, in forma strettamente privata, stai nascondendo qualcosa“.

Livello di infedeltà: 4/5.

 

4. Non cancellare il profilo nelle applicazioni di appuntamenti

Dopo diversi mesi di utilizzo di app per appuntamenti, ci vuole un po’per rendere solida quella che sembra diventare una vera relazione. È fantastico, ma non hai ancora deciso di eliminare il tuo profilo nelle app. La usi anche quando sei annoiato.

Gli esperti dicono: “Non cancellare il proprio profilo dalle app di appuntamenti è assolutamente imperdonabile, è un segnale potente per far sentire l’altra persona ansiosa del fatto che non li hai eliminati“.

Livello di infedeltà: 10/5.

Federica DiFederica

Tutte le tendenze dei social network nel 2019

Strategie, nuove sfide e obiettivi fanno parte di tutto ciò che i brand propongono per raggiungere i propri clienti. E in questo 2019, l’ambiente digitale sarà più dinamico e stabilirà nuovi standard.

Queste previsioni sono state fatte da Hootsuite, la società che ha condotto un’indagine in cui ha delimitato una mappa di cinque tendenze nei social network per navigare e avere successo nel corso dei mesi di quest’anno. Il rapporto “si basa su un’indagine su oltre tremila clienti di Hootsuite – dalle grandi aziende alle piccole agenzie – eseguiti alla fine del 2018“, ha spiegato il responsabile dei contenuti.

Inoltre, aggiunge, il rapporto includeva informazioni rivelatrici su interviste avute con dozzine di analisti del settore. Secondo le nuove linee guida, i marchi dovrebbero essere più trasparenti e raccontare storie vere ed emozionanti.

La fiducia è il fattore più importante di tutti. Dopo il problema della diffusione dei dati di Facebook, le regole del gioco sono leggermente cambiate, lasciando un cattivo risultato: le persone si fidano di meno.

 

I punti chiave

Iniziare da zero. È tempo di ricostruire la fiducia. Le marche sono umanizzate, mentre il cerchio della fiducia nei social network si restringe.

Tornare al contenuto. Non si può lasciare da parte le storie. I team di contenuti si adattano ai nuovi formati offerti dalle storie da condividere.

Migliore pubblicità. Chiudere il vuoto pubblicitario. L’aumento della concorrenza negli annunci pagati su reti richiede ai marketer di migliorare la propria strategia.

Essere aggiornati. Presuppone decifrare il codice commerciale. I progressi nelle tecnologie di acquisto di rete stimolano (finalmente) gli acquisti.

Gli utenti non smettono di essere protagonisti. Le piattaforme di messaggistica sono padrone del settore. Gli utenti richiedono migliori esperienze personali faccia a faccia.

Federica DiFederica

Condividere una buona azione sui social network: egocentrismo o un modo per dare l’esempio?

Sebbene a volte non ne siamo testimoni, ogni giorno avvengono gesti di gentilezza che ammorbidiscono il cuore di chiunque. In questi casi, le persone tendono a comportarsi altruisticamente, lasciando da parte i propri interessi per aiutare qualcuno.

Tuttavia, vivendo nell’era della comunicazione, molte persone criticano quanti pubblicano le proprie opere sui social network. A questo proposito, gli atti di gentilezza dovrebbero essere fatti in modo disinteressato, quindi pubblicarli sui social network e far loro eco non è altro che uno spettacolo di egocentrismo e desiderio di attirare l’attenzione. In questo senso, aiutare gli altri attirando l’attenzione anziché perseguire l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore, rappresenta una strategia per dirigere il centro dell’attenzione su se stessi.

D’altra parte, c’è chi sostiene che pubblicare un’opera buona sui social network, indipendentemente dalle motivazioni alla base dell’atto, possa avere un effetto positivo sul comportamento del resto della società.

Come vediamo, la condivisione di un atto di gentilezza nei social network può essere interpretata in due modi che possono sembrare contrari. Tuttavia, se analizziamo i processi che mantengono il comportamento umano, possiamo sviluppare uno sguardo più approfondito al fenomeno e capire che, in alcuni casi, le cose non sono così dicotomiche come sembrano.

 

Condividere un atto di gentilezza sui social network è egocentrico?

L’egocentrismo può essere inteso come un tratto della personalità o una tendenza comportamentale per cui le persone agiscono, quasi esclusivamente, per i propri interessi, a scapito dei bisogni degli altri. Nel caso che ci riguarda, le persone che condividono i loro atti di gentilezza nei social network sono egoiste perché, invece di agire per il bene degli altri, lo fanno ricevendo attenzione e nutrendo il loro ego.

In altre parole, questo comportamento è criticabile sulla premessa che i loro atti di gentilezza, anziché perseguire l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore, sono stati progettati per ricevere il riconoscimento e l’approvazione degli altri, e ciò serve da nutrimento per l’ego. Si potrebbe dire allora che sarebbe un atto di propaganda personale.

Tuttavia, prima di rimproverare queste motivazioni, dobbiamo tenere a mente due fattori. In primo luogo, considerando che l’essere umano è una specie sociale, il riconoscimento dei loro coetanei è una fonte importante di motivazione per gran parte del nostro comportamento. D’altra parte, quando le persone fanno qualcosa che le fa sentire bene, tendono a ripetere quel comportamento in futuro. È ciò che è noto come principio del piacere. Analizziamo questi fattori.

 

Perché le persone condividono le loro buone opere sui social network?

Il comportamento umano può essere spiegato in termini di vari fattori. In particolare, si sostiene che le persone condividono le loro buone opere perché li fanno sentire bene con se stessi e con l’obiettivo di ricevere l’approvazione degli altri. Questo è ciò che la scienza dice a riguardo.

 

Principio di piacere

Molti teorici sostengono che il comportamento dell’essere umano è motivato dall’edonismo. Ciò implica agire su ciò che ci dà piacere ed evitare ciò che è spiacevole. In questo senso, ripeteremo i comportamenti che ci fanno sentire bene con noi stessi e, allo stesso tempo, evitiamo ogni forma di disagio.

Se prendiamo questi approcci per analizzare il comportamento di coloro che condividono i loro atti di gentilezza nei social network, potremmo dire che, invece di agire in modo altruistico, sono motivati ​​dal principio del piacere. Questo, secondo alcune correnti morali, distoglierebbe gli atti di gentilezza, poiché, piuttosto che voler aiutare gli altri, le persone cercano di sentirsi bene con se stessi. Tuttavia, lasciando da parte la morale, un campo di analisi rovinato dalla soggettività, è possibile comprendere questo comportamento dal punto di vista scientifico.

A questo proposito, gli esperti del comportamento umano affermano che il comportamento, umano e animale, è soggetto ai principi dell’apprendimento. In generale, questi principi stabiliscono che qualsiasi comportamento che si traduca in conseguenze piacevoli verrà mantenuto nel tempo e verrà ripetuto in futuro.

Inoltre, i comportamenti che implicano conseguenze spiacevoli smetteranno di ripetersi in futuro. Secondo questo principio, se una persona mostra un atto di gentilezza, la condivide nei social network e questo gli dà piacere, sarà più propenso a ripetere questo comportamento in occasioni future.

Ora, non si tratta di giustificare questo comportamento. Piuttosto, l’obiettivo è separare la spiegazione scientifica di questo comportamento dalla sua valutazione sulla base di criteri morali.

La condivisione delle buone opere nei social network, indipendentemente dalla loro valutazione morale, sarà ripetuta in futuro, questo genera un senso di benessere, poiché fa parte della natura umana. D’altra parte, come vedremo in seguito, rendere pubblico un buon lavoro, genera riconoscimento da parte degli altri, che rappresenta anche una grande fonte di motivazione per l’essere umano.

 

Riconoscimento sociale

È risaputo che l’essere umano è una specie biopsicosociale. Ciò significa che il comportamento umano è inteso in termini di interazione tra i loro processi biologici e psicologici, inquadrati nelle convenzioni sociali delimitate e accettate dalla comunità a cui appartengono.

Pertanto, un’importante fonte di motivazione per l’essere umano ruota attorno all’approvazione e al riconoscimento degli altri. In particolare, varie indagini hanno dimostrato che il riconoscimento degli altri è una forza potente che ci spinge a comportarci in modi diversi.

Nel caso di persone che condividono le loro buone opere nei social network, si potrebbe dire che stanno cercando il riconoscimento e l’approvazione degli altri. Tenendo conto di questo, oltre a qualificare l’evento come buono o cattivo, un compito che riguarda il campo della moralità, può essere spiegato scientificamente.

In questo modo, quando una persona pubblica i suoi atti di gentilezza e riceve interazioni positive dal gruppo sociale a cui appartengono, sarà più probabile che ripeterà questo comportamento in futuro.

In sintesi, si può affermare che il comportamento oggetto di analisi, oltre ad essere messo in discussione morale, può essere spiegato in termini di principi di apprendimento che determinano quali comportamenti sono parte del repertorio comportamentale degli individui.

D’altra parte, seguendo nel campo della scienza, la condivisione di atti di gentilezza nei social network può avere effetti positivi sulla società.

 

Quali effetti potrebbe avere la condivisione di buone opere sui social network?

Le nostre influenze comportamentali sono compromesse dall’ambiente, quindi ogni nostro comportamento ha un effetto sulle persone che ci circondano e il comportamento degli altri ha un effetto particolare sul patrimonio.

A questo proposito, molti sostengono che pubblicare atti di gentilezza nei social network e nei diversi media può servire da esempio per altre persone a comportarsi in modo simile. Vediamo cosa dice la scienza al riguardo.

 

Apprendimento sociale

Una delle teorie che sono state usate più ampiamente per comprendere e spiegare il comportamento umano è la teoria dell’apprendimento sociale di Albert Bandura. In generale, questa teoria afferma che le persone imparano e sviluppano comportamenti dall’osservazione di altri individui.

Nella nostra vita quotidiana, osserviamo costantemente il comportamento di chi ci circonda, che funge da modello. Questa esposizione al comportamento degli altri influenza il nostro stesso comportamento.

Per provarlo, Bandura ha progettato un esperimento. Due gruppi di bambini, inizialmente, sono stati esposti a una serie di video e poi sono stati osservati mentre giocavano liberamente in una stanza piena di vari tipi di giocattoli.

Nello specifico, mentre un gruppo di bambini è stato esposto a video di contenuto aggressivo, l’altro gruppo di bambini ha osservato produzioni con contenuti neutri. Successivamente, è stato osservato che i bambini che avevano guardato video violenti tendevano a giocare in modo molto più aggressivo nella seconda fase dell’esperimento.

Esempi come questo si verificano costantemente nelle nostre vite quotidiane. I bambini imparano osservando i loro genitori, gli adulti imparano osservando quelli che ammirano, ecc. Non per niente, i saggi invitano a insegnare con l’esempio.

Sulla base di ciò, la condivisione di atti di gentilezza nei social network potrebbe servire da esempio per le persone a imitare questo comportamento. Ecco perchè le persone esposte a questo tipo di contenuti nei social network potrebbero sentirsi più motivate a comportarsi nello stesso modo se la percepiscono come una buona azione e se ciò comporterà conseguenze piacevoli nell’immediato futuro.

Ora, una volta compreso il motivo per cui le persone condividono i loro atti di gentilezza e quali effetti ciò può avere sulla società, resta da stabilire se, in definitiva, si tratta di comportamenti egoistici o di un esempio.

 

Quindi, egocentrismo o esempio?

Come abbiamo visto, le persone condividono i loro atti di gentilezza nei social network perché li fanno sentire bene e questo gli fa ottenere riconoscimento dagli altri. In questo senso, si potrebbe dire che, essendo motivati ​​dal principio del piacere, questo è un atto di egocentrismo.

Allo stesso tempo, è stato osservato che questo può aumentare la probabilità che altre persone si comportino in modo simile e ripetere gli stessi atti di gentilezza in altri scenari. Tenendo presente questo, è anche possibile affermare che è un modo di dare l’esempio.

Tuttavia, quando ci riferiamo alle cause del comportamento, possiamo renderci conto che, indipendentemente dalle motivazioni intrinseche di ogni persona, questo tipo di comportamento è parte della natura umana, perché tendiamo a fare cose che ci fanno sentire bene e cercano il approvazione di chi ci circonda.

Così, ci saranno persone che fanno questo per attirare l’attenzione, mentre ci saranno altri che lo fanno per mostrare al resto della gente che, con le nostre azioni, possiamo rendere il mondo un posto migliore. Infine, ci saranno quelli che ne approfittano per ottenere particolari guadagni.

Tuttavia, poiché fa parte della natura umana, è possibile comprenderlo e spiegarlo da una prospettiva scientifica. Dipenderà dai principi morali di ognuno per decidere se questo è buono o cattivo.

Federica DiFederica

Il social credit basato sui dati della popolazione in Cina sembra una distopia fantascientifica

I social media prosperano misurando la popolarità. A mano a mano che le visualizzazioni, i retweet, i follower e gli amici aumentano di numero, ci viene data una misura aggiornata della nostra importanza, della nostra influenza, della nostra autostima. Se facciamo bene, la nostra reputazione sale. Fare errori, tuttavia, porterà ad un crollo, al blocco, ai rifiuti. Coloro che evitano i social media potrebbero vedere tutto ciò come poco importante e frivolo, ma la vita delle persone può essere modellata da questi numeri: può influenzare le loro prospettive di lavoro, la loro posizione sociale e la loro salute mentale.

Se sei di questa idea e volessi un governo al suo controllo, troveresti qualcosa di simile al sistema di credito sociale – social credit – lanciato in Cina. Un ibrido di valutazioni del credito, analisi del comportamento e liste nere di stato, è stato annunciato dal Ministero della Pubblica Sicurezza cinese nel 2015 come un modo per assegnare a ogni cittadino cinese un punteggio basato sulla sua “sincerità” e per premiare gli alti guadagni. Diventerà pienamente operativo nei prossimi due anni. “Il suo obiettivo“, si legge nell’annuncio del ministero, “è quello di elevare la mentalità onesta e i livelli di credito dell’intera società“.

 

Cosa succede se la valutazione è negativa?

Potrebbe essere un sogno utopistico socialista, ma è un incubo per le imprese e i cittadini che hanno punteggi bassi. Dato che il sistema di credito sociale è modellato attraverso una serie di prove, sono emersi resoconti di persone trattate ingiustamente. Quando un avvocato, Li Xiaolin, fu denunciato per diffamazione da uno dei suoi clienti, si trovò a non poter comprare un biglietto aereo. I giornalisti ritenuti inaffidabili dallo Stato hanno avuto difficoltà simili viaggiando, e ulteriori ostacoli potrebbero impedire alle persone di affittare determinate automobili o proprietà. Una scuola nella provincia di Shandong ha rifiutato di iscrivere studenti i cui genitori hanno punteggi bassi. E poiché uno Stato autoritario si nasconde dietro il sistema, la possibilità di fare appello con successo contro un simile punteggio è molto bassa.

La vita è diversa per coloro che ottengono un punteggio elevato. Una valutazione sociale impressionante può consentire a qualcuno di saltare la fila per vedere un medico, o noleggiare un’auto senza pagare un deposito. Altri vantaggi possono includere termini migliori sui prestiti o maggiore visibilità sulle app di appuntamenti. I punteggi più alti potrebbero anche rendere idonei per le richieste di visti con tracciamento più rapido per viaggiare all’estero. Come con i “Mi Piace” su Instagram o i Retweet su Twitter, le persone sono orgogliose dei punteggi in aumento e se ne vantano.

La decisione del 2013 della Corte Suprema cinese di rendere pubblici i nomi dei debitori inadempienti fu forse il primo seme del sistema di credito sociale. È stato riferito che 8,7 milioni di voli e 3,4 milioni di viaggi in treno sono stati negati ai cittadini iscritti alla lista nera fino alla fine del 2017. Ma l’integrazione degli smartphone nella società e l’uso diffuso di app di pagamento come Alipay e WeChat Pay hanno portato a quantità colossale di dati comportamentali che possono essere inseriti in un calcolo di “sincerità”.

Le aziende dietro queste applicazioni (rispettivamente Ant Financial e TenCent) sono due delle otto società autorizzate dal governo cinese a sviluppare piattaforme di valutazione del merito di credito, e negli ultimi mesi sono stati accennati suggerimenti sul tipo di misurazioni registrate: quanto spesso si mangia cibo da asporto, la quantità di tempo che potresti trascorrere giocando ai giochi online, quale macchina si guida, la condotta sui social media, dove va in viaggio. E se i propri amici ottengono risultati mediocri, ciò può riflettere sulla propria condotta.

La progressione da questi schemi di prova a un punteggio di credito sociale completo si basa sulla condivisione dei dati e sulla cooperazione tra le imprese tecnologiche e il governo. “Le società tecnologiche cinesi operano perché il Partito comunista cinese le consente“, osservano gli esperti.

Quando la classifica incontra il riconoscimento facciale

Sono già in corso progetti congiunti in settori come l’apprendimento approfondito e l’informatica quantistica, e sembra inevitabile che questa relazione cresca sempre più vicina, con conseguenze potenzialmente allarmanti. In un recente test, si è sperimentata una funzione di riconoscimento facciale in un KFC dove si paga guardando in una macchina fotografica. Iniziative come questa, combinate con il piano del governo cinese per sviluppare un sistema di riconoscimento facciale per tutti e 1.3 miliardi di cittadini, contrappongono il Social Credit ancora più al regno della fantascienza.

È facile per chiunque vive fuori dalla Cina considerare il credito sociale come un’anomalia peculiare di quel Paese e non qualcosa che potrebbe mai interessarci. Ma possediamo gli stessi smartphone e generiamo gli stessi dati dei cittadini cinesi. Siamo già stati segnati in molti modi. Le società di valutazione del credito stanno accumulando informazioni sempre più approfondite sulle nostre abitudini. Le nostre prospettive di lavoro possono essere influenzate da qualcosa di semplice come la nostra scelta dell’immagine del profilo di Facebook.

Sembrerebbe che la chiave per evitare di scivolare in un sistema di stile cinese sia quello di bloccare questi dati – insieme alle informazioni sanitarie, ai casellari giudiziari e molto altro ancora – messi insieme e analizzati. Ma non è vero che le città intelligenti del futuro, che sono state progettate per aiutare i governi governare e i cittadini a prosperare, si basano proprio su questo?

Il concetto di città intelligente in Cina è diverso dal concetto di città intelligente in Europa“, affermano gli esperti, “ma ciò non significa che le città intelligenti in Europa e altrove non comportino rischi. Lo fanno certamente. Ci sono domande sui fornitori della tecnologia; il fatto che [la società cinese] Huawei operi in altri Paesi comporta rischi, non solo per la sicurezza nazionale, ma anche le minacce alle libertà civili”.

Nel mondo moderno, la convenienza è spesso acquisita a scapito della privacy. Ma in questo momento, i cittadini cinesi sembrano pagare di più della maggior parte della popolazione del pianeta.

Federica DiFederica

Anonimato sui social network: qual è la stretta separazione tra persona online e identità offline

Molti utenti dei social network scelgono di mascherare le loro identità reali. Questo può essere fatto attraverso l’anonimato (senza fornire alcun nome) o la pseudonimia (fornendo un nome falso).

Alcune persone che preferiscono un personaggio anonimo o pseudonimo includono, ma non sono limitati a:

  • Gli individui con condizioni mediche che vogliono discutere i sintomi e il trattamento senza creare una registrazione pubblica della loro condizione;
  • Blogger e attivisti impegnati in discussioni politiche, soprattutto su questioni controverse;
  • Insegnanti e operatori per l’infanzia;
  • Professionisti medici, compresi i professionisti della salute mentale;
  • Agenti delle forze dell’ordine, pubblici ministeri, ufficiali per la libertà vigilata e la libertà vigilata, giudici e altri dipendenti del tribunale;
  • Vittime di stalking, violenza sessuale e violenza domestica;
  • Bambini e giovani;
  • In cerca di lavoro.

In effetti, l’anonimato è uno strumento utile per chiunque preferisca mantenere una stretta separazione tra una persona online e un’identità offline. Può anche essere abusato da individui che cercano di proteggere le loro identità mentre si impegnano in attività illegali.

In genere, gli utenti che preferiscono impegnarsi nei social network senza divulgare la loro vera identità creeranno profili utilizzando un falso nome e un falso indirizzo di posta elettronica. Se si sta considerando un profilo pseudonimo, fare riferimento ai termini di servizio per il sito di social networking. Fornire informazioni false o incomplete viola i termini di servizio di alcuni siti di social network. Gli utenti dovrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di software che maschera gli indirizzi IP, come TOR . Gli utenti dovrebbero inoltre ricordare di cancellare tutti i cookie dopo aver visitato un sito di social network.

Tieni presente che è difficile separare realmente le identità online e offline. È possibile divulgare informazioni identificative tramite aggiornamenti di stato, appartenenze a gruppi, fotografie, reti di amici e altri indicatori. In effetti, numerosi studi hanno dimostrato che i dati anonimi possono spesso essere collegati a individui specifici.

Federica DiFederica

Social network e ricerche di lavoro: i pro e i contro da tenere in considerazione

Chi è in cerca di lavoro si rivolge sempre più spesso ai social network per proporsi ai potenziali datori di lavoro, collaborare con altri professionisti e cercare nuove opportunità. Tuttavia, un profilo di social networking non professionale può anche rendere un candidato inadatto, rivelando troppe informazioni personali o poco lusinghiere a un potenziale datore di lavoro. Questa sezione esamina i pro e i contro del social networking per chi cerca lavoro.

Questo breve vademecum può essere applicato a qualsiasi situazione in cui la reputazione di una persona sia importante, come ad esempio:

  • Affittare un appartamento;
  • Uscire con qualcuno;
  • Avviare o mantenere un rapporto professionale, ad esempio come imprenditore indipendente o in posizione manageriale;
  • Impegnarsi in posizioni di volontariato o elettorali;
  • Domanda per college o borse di studio;
  • Essere considerato in un processo di selezione di una giuria.

In che modo i social network possono assistere i candidati alla ricerca di un lavoro

Esistono vari modi in cui i social network possono aiutare nella “caccia al lavoro”. Se un candidato contatta inizialmente un potenziale datore di lavoro via Internet, un profilo su un social network può aiutare a confermare che c’è una persona reale dietro un indirizzo email.

I social network aumentano anche le opportunità di networking. Un candidato può avvisare gli altri di un interesse a trovare un lavoro, così come i dettagli sulla posizione desiderata, pubblicando questo suo interesse su un social. Le reti professionali, come LinkedIn, sono progettate per fornire informazioni sull’istruzione, la storia lavorativa e le realizzazioni a un gran numero di persone. Ci sono anche gruppi professionali o di interesse su una varietà di reti che possono aumentare la visibilità e i contatti.

I potenziali datori di lavoro possono utilizzare i social network per confermare interessi, livello di istruzione e background in modo veritiero. Possono anche conoscere altri interessi che un candidato può avere. Le persone che creano profili di social networking positivi, interessanti e informativi possono sembrare candidati più forti per determinati lavori. Ciò è particolarmente vero, ma non limitato a lavori che coinvolgono la divulgazione e la comunicazione.

Come i social network  possono ostacolare le persone in cerca di lavoro

I social possono inavvertitamente rivelare informazioni che chi cerca lavoro può scegliere di rivelare di sé. I potenziali datori di lavoro usano spesso qualsiasi informazione che possono raccogliere su un candidato nel prendere una decisione di assunzione. È importante sapere quali informazioni possono essere viste dai “non-contatti” e considerare quale tipo di conclusioni potrebbero trarne.

Immagini o post poco lusinghieri potrebbero compromettere seriamente la probabilità di essere assunti. Anche se si pubblicano queste informazioni utilizzando impostazioni di privacy restrittive, ci sono molti modi in cui potrebbe diventare disponibile.

Come regola generale, prima di pubblicare qualcosa su un profilo di social network, immaginalo visualizzato su un cartellone sul lato di un’autostrada. Ti sentiresti a disagio nel vederlo lì? Se è così, potresti non volerlo pubblicare affatto.

Sebbene sia illegale e molto difficile da dimostrare, i potenziali datori di lavoro potrebbero discriminare in base alle informazioni disponibili dalle immagini del profilo e altre informazioni facilmente disponibili. Essere consapevoli di rivelare anche informazioni di base come:

  • Età;
  • Genere;
  • Invalidità;
  • Orientamento sessuale;
  • Affiliazioni politiche;
  • Altri gruppi e contatti

Inoltre, i post negativi su un lavoro corrente potrebbero danneggiare le probabilità di un candidato di ottenere un’offerta.

Come i social media possono farti licenziare

I datori di lavoro monitorano sempre più ciò che i dipendenti postano sui siti di social network. In effetti, molte aziende hanno politiche sui social media che limitano ciò che è possibile o meno pubblicare sui siti di social networking sul proprio datore di lavoro. Un sito web, Compliance Building, possiede un database di politiche sui social media per centinaia di aziende. Chiedere quale sia la più appropriate per la tua azienda può essere un buon passo in avanti.

In generale, i post correlati al lavoro hanno il potenziale per causare danni all’azienda. Le leggi anti-discriminazione vietano ai datori di lavoro di disciplinare i dipendenti in base a età, razza, colore, religione, origine nazionale o genere. Se ritieni di essere stato discriminato, contatta un avvocato.

Infine, non esiste una legge che metta a conoscenza del fatto che un datore di lavoro stia verificando o monitorando i dipendenti sui siti di social network. In effetti, i datori di lavoro possono persino assumere società di terzi per monitorare l’attività dei dipendenti online per loro.

Di norma, la seguente guida generale potrebbe aiutare:

  • Le politiche dei datori di lavoro non dovrebbero essere così radicali da proibire il tipo di attività tutelate dal diritto del lavoro federale, come la discussione delle retribuzioni o delle condizioni di lavoro tra i dipendenti;
  • I commenti di un dipendente sui social media non sono generalmente tutelati se si tratta di mere lamentele non fatte in relazione all’attività di gruppo tra i dipendenti.

Send this to friend