I social network proteggono abbastanza gli adolescenti?

Posted On By FedeVit
adolescenti

Man mano che crescono le preoccupazioni sugli effetti dannosi che i social media possono avere sugli adolescenti, piattaforme come Snapchat, TikTok e Instagram stanno incorporando misure che, secondo loro, renderanno i relativi servizi più sicuri e più adatti all’età. Ma queste novità raramente affrontano il problema di fondo: gli algoritmi che generano contenuti che possono trascinare chiunque, non solo adolescenti, su siti pericolosi.

Gli strumenti in questione aiutano in una certa misura. Ad esempio, impediscono agli estranei di inviare messaggi ai ragazzi. Ma condividono anche gravi carenze, a cominciare dal fatto che gli adolescenti possono aggirare le restrizioni mentendo sulla loro età. Le piattaforme, invece, lasciano la sorveglianza ai genitori. E fanno poco o nulla per porre il veto al materiale inappropriato o dannoso generato da algoritmi che possono influenzare il benessere psicofisico degli adolescenti. Queste piattaforme sono consapevoli del fatto che i propri algoritmi a volte possono aumentare la quantità dei contenuti dannosi e non adottano misure per prevenirli. Più tempo gli adolescenti trascorrono online, più rimangono ad  agganciati e coinvolti, più introiti guadagnano le piattaforme. Potrebbe essere questa la causa per cui, secondo gli esperti, non abbiano molti incentivi per cambiare le regole.

Ad esempio, si consideri Snapchat. Questo social ha introdotto da poco nuovi controlli parentali, ovvero uno strumento che consente ai genitori di vedere a chi stanno inviando messaggi i propri figli, anche se non ne conosce il contenuto. Un dettaglio: sia i genitori che i bambini devono iscriversi al servizio. Nona Farahnik Yadegar, direttrice della politica della piattaforma e dell’impatto sociale di Snap, afferma che è come quando i genitori vogliono sapere con chi esce il loro bambino. Se i bambini vanno a casa di un amico o incontrano gli amici in un centro commerciale, ha detto, i genitori chiedono: “Chi andrai a vedere?” o “Come vi siete conosciuti?”. Il nuovo strumento, ha affermato, “consente ai genitori di avere questo tipo di conversazione, preservando la privacy e l’autonomia dell’adolescente“.

Queste conversazioni sono importanti, dicono gli esperti. In un mondo ideale, i genitori dovrebbero parlare costantemente con i propri figli sui social network e sui pericoli che ci attendono su Internet. Ma molti ragazzi usano un numero sorprendente di piattaforme, tutte in continua evoluzione, e i genitori non sono abbastanza informati per navigare in quel mondo. Anche i nuovi controlli non risolvono i molti problemi che Snapchat presenta. Dal fatto che i ragazzi possono mentire sulla loro età all'”uso compulsivo” che la piattaforma incoraggia. Inoltre, non aiuta che i messaggi scompaiano dopo poco tempo, il che facilita il cyberbullismo.

Snapchat ha adottato “misure forti” per impedire ai bambini di dire di avere più di 13 anni. Coloro che vengono sorpresi a mentire sulla loro età verranno immediatamente banditi dalla piattaforma. Anche i ragazzi di età superiore ai 13 anni mentono sulla loro età, esagerandola, e hanno la possibilità di correggerla.

Rilevare queste bugie non è facile, ma le piattaforme hanno diversi modi per farlo. Se gli amici di un ragazzo sono tutti più giovani, è probabile che abbia esagerato sulla sua età. Le aziende utilizzano l’intelligenza artificiale per rilevare le incongruenze. Gli interessi espressi da un utente possono anche rivelare la sua vera età. E i genitori possono sorprendere i propri figli a mentire sulla loro età se provano ad attivare i controlli a loro disposizione, consentendogli di scoprire la menzogna sull’età.

A marzo, è stata avviata un’indagine su TikTok per studiare il possibile impatto dannoso della piattaforma sulla salute mentale dei bambini. TikTok è l’app più popolare tra gli adolescenti statunitensi, secondo un rapporto pubblicato mercoledì dal Pew Research Center, che ha rilevato che il 67% utilizza la piattaforma cinese. La società afferma di promuovere esperienze utente adatte all’età e afferma che alcuni servizi, come la messaggistica diretta, non sono disponibili per gli utenti più giovani. Afferma che esiste uno strumento che consente di monitorare il tempo che un ragazzo trascorre sulla piattaforma e ciò che vede. Ma c’è chi dice che queste misure non bastano. È facile per i bambini aggirare questi controlli e fare quello che vogliono.

Instagram, di proprietà di Facebook e della società madre Meta, è la seconda app più popolare tra i bambini, sempre secondo Pew. Il 62% lo usa, seguito da Snapchat, con il 59%. Solo il 32% ha dichiarato di utilizzare Facebook, rispetto al 71% nel 2014 e nel 2015.

Send this to friend