hate-speech

I discorsi di odio, o hate speech come diremmo in inglese per far più bella figura, si riferiscono al messaggio diffuso oralmente, per iscritto, su supporti visivi, cartacei o audio, sui media, Internet o qualsiasi altro mezzo, che incoraggi comportamenti contro la dignità e la parità di diritti di persone, gruppi minoritari o maggioritari e gruppi vulnerabili perché “diversi”.

Gli argomenti del discorso d’odio si basano su pregiudizi e stereotipi che, per la loro semplicità e ripetizione, penetrano facilmente nella popolazione, soprattutto in un contesto di crisi economica e sociale. È così che il machismo, la xenofobia, l’omofobia, l’islamofobia, l’antigitanismo, l’antisemitismo e altre forme di intolleranza hanno preso il centro della scena nei social network generando scenari di minaccia che spesso finiscono con la violenza.

 

Come identificare un discorso di odio?

È importante considerare che il discorso d’odio proviene da individui direttamente o indirettamente collegati a gruppi, che di solito sono conosciuti online come haters o troll. Questi vengono identificati utilizzando i loro social network per provocare persone o gruppi con espressioni violente di ogni tipo e in qualsiasi formato causando loro situazioni di discriminazione, oppressione o vulnerabilità.

 

Ma qual è il ruolo che i social network svolgono nel discorso d’odio?

Indubbiamente per la sua portata, l’approvazione da parte degli utenti e la facilità di propagazione dei contenuti, i social network sono uno strumento per la diffusione istantanea di questi messaggi dannosi. Inoltre, diventano scenari ideali, poiché consentono l’uso di pseudonimi, l’anonimato e la creazione di più account.

Il discorso d’odio cerca i modi. Non si trova solo nelle conversazioni quotidiane, ma nei mass media come Internet, specialmente nei social network in quanto è una valvola di fuga sociale che mostra “l’ombra” degli esseri umani, quel lato oscuro interiore. Il problema non sono le tecnologie, sono i contenuti di coloro che creano questi messaggi.

 

Quali misure sono state prese per contrastarlo?

Pensando all’ampiezza della portata del discorso sull’odio, le principali aziende che forniscono i social network hanno espresso il loro impegno a ideare e attuare strategie che riducono o eliminano completamente questo tipo di discorsi. In Europa, ad esempio, è stato firmato il Codice di condotta sul discorso d’odio con la Commissione europea ed è stato creato il progetto online contro la xenofobia e l’intolleranza nei media digitali (Proxi), come iniziativa di varie entità per i diritti umani per combattere Contro questo problema.

 

Quali conseguenze portano i discorsi di odio?

Gli effetti dell’odio sono diversi. Da un lato ci sono i danni emotivi o psicologici diretti che possono causare minacce, molestie e altri attacchi diretti a individui specifici, per motivi di odio e intolleranza. D’altra parte, è il perpetuare stereotipi discriminatori, la stigmatizzazione e la disumanizzazione di alcuni gruppi e la loro emarginazione.

Vittima: Danno emotivo o psicologico, Danni fisici, in caso di disincanto di episodi violenti; Esclusione sociale; Persecuzioni nella rete o cyberbullismo.

Carnefice: Consolidamento del discorso di odio nei social network e nelle comunità che tendono a discriminare; Data l’enorme portata delle reti, il discorso tende a perpetuarsi; Può subire azioni legali contro di lui quando lascia l’anonimato.

In questo senso, il discorso d’odio emette un messaggio sociale che divide e segrega le comunità. Ma, allo stesso tempo, svolge un ruolo coerente per gli emittenti di questo tipo di discorso, rafforzando il loro sentimento di appartenenza a un gruppo basato sulla discriminazione e la xenofobia.

 

Come identificare i messaggi di odio e cosa fare al riguardo?

Data la possibilità che un utente assuma uno dei due ruoli, i genitori e gli insegnanti affrontano la sfida di adottare una posizione di auto-cura e mediazione, in modo che bambini e adolescenti possano trovare un ambiente sano per rafforzare il loro pensiero critico e le loro capacità nel trattamento di grandi volumi di informazioni che ricevono quotidianamente su Internet.

Oltre a lavorare per l’identificazione del discorso dell’odio su Internet, è necessario rivedere e analizzare i fatti e l’argomento alla base di essi. Sapere su quale tipo di pagina sono ospitati questi messaggi e quale tipo di reputazione l’autore può essere utile per avvisare i bambini e gli adolescenti della possibilità che il testo contenga un discorso di odio.

Ma si può iniziare a seguire alcune semplici regole:

  1. Non condividere ciò che può compromettere la privacy o la sicurezza di altre persone e che contiene pregiudizi, razzismo e odio;
  2. Verifica che le informazioni che leggi includano fonti affidabili per evitare la diffusione di informazioni errate;
  3. Non inoltrare informazioni che potrebbero essere protette da copyright;
  4. Verifica che i tuoi contenuti non siano ambigui e rileggi ciò che pubblichi con “gli occhi di un’altra persona”, poiché ciò che viene condiviso in Internet può essere facilmente frainteso.