Social network: chi può accedere alle nostre informazioni

Federica DiFederica

Social network: chi può accedere alle nostre informazioni

Probabilmente quando si inviano informazioni su un social network, un utente si aspetta che i contatti autorizzati possano vederle. Ma chi altri può averne accesso e cosa è esattamente visibile?

Le entità che raccolgono informazioni personali per scopi legali includono:

  • Gli inserzionisti interessati alle informazioni personali in modo che possano indirizzare meglio i propri annunci a quelli con maggiori probabilità di essere interessati al prodotto;
  • Sviluppatori di software di terze parti che incorporano informazioni per personalizzare applicazioni, ad esempio giochi online che interagiscono con il social network.

Le entità che raccolgono informazioni personali per scopi illegali includono:

  • Ladri di identità che ottengono informazioni personali in base alle informazioni che un utente pubblica o che altri post sull’utente;
  • Altri criminali online, come persone che pianificano di truffare o molestare individui, o infettare computer con malware (installati su un computer all’insaputa del proprietario).

Leggi anche: Privacy sui social network: come stare sicuri, ma essere comunque social

Pubblicità comportamentale

Le reti sociali che forniscono i loro servizi senza contributi dell’utente fanno profitto vendendo pubblicità. Questo è spesso fatta attraverso la pubblicità comportamentale, nota anche come targeting.

La pubblicità comportamentale è il termine usato per descrivere la pratica di personalizzare la pubblicità per gli interessi personali di un individuo. Questa pratica è interessante per i professionisti del marketing perché è più probabile che annunci pubblicitari mirati si traducano in un acquisto da parte di un utente rispetto ad annunci pubblicitari non mirati comparabili. Sono preziosi per i social network in quanto possono essere venduti ad un prezzo superiore rispetto agli annunci regolari.

I social network raccolgono molte informazioni sui potenziali clienti, ai quali gli inserzionisti sono molto interessati. In qualche modo, questo può essere utile per l’utente perché gli annunci pubblicitari che possono apparire più pertinenti.

Ci sono diverse preoccupazioni riguardo alla pubblicità comportamentale:

  • I consumatori potrebbero non essere consapevoli del fatto che i dati sono associati ai loro profili;
  • I consumatori potrebbero non essere in grado di visualizzare i dati associati ai loro profili e correggere le imprecisioni;
  • Non ci sono periodi di conservazione massimi sui dati e non ci sono requisiti di sicurezza per la conservazione dei dati, lasciandoli vulnerabili agli hacker e ai rischi per la sicurezza;
  • Le informazioni sui minori possono essere raccolte e utilizzate per la pubblicità comportamentale.

Leggi anche: Tipi di social network: quali sono, come li riconosciamo e come li “viviamo”

Applicazioni di terze parti 

Nell’ambito del social networking, le “applicazioni di terzi” sono programmi che interagiscono con un social network senza farne effettivamente parte. Queste applicazioni assumono molte forme, ma alcune forme tipiche e popolari includono:

  • Giochi da fare con i propri contatti;
  • Sondaggi o quiz online;
  • Software che consentono agli utenti di pubblicare su un profilo social tramite un telefono cellulare o un’applicazione web.

Alcuni social network consentono agli sviluppatori di programmi di accedere alle loro piattaforme per creare queste applicazioni. Ciò rende il social network più attraente per gli utenti, facilitando lo sviluppo di nuovi e creativi metodi di interazione con i contatti e la rete.

Per rendere queste applicazioni utili, i social network possono consentire agli sviluppatori l’accesso automatico alle informazioni pubbliche degli utenti. Oltre alle informazioni pubbliche, le applicazioni di terzi possono accedere ad alcune informazioni private. Un utente può concedere a un’applicazione di terze parti l’accesso al proprio profilo senza rendersi conto della portata delle autorizzazioni concesse. Gli utenti potrebbero anche erroneamente ritenere che le applicazioni di terzi siano mantenute agli stessi standard del social network principale. Esistono anche applicazioni “canaglia” che non seguono le politiche e i termini che regolano le applicazioni.

Alcune cose da tenere a mente quando si considera l’utilizzo di applicazioni di terze parti:

  • Potrebbero non essere coperte dall’informativa sulla privacy del social network;
  • Potrebbero non essere garantite per essere sicuri;
  • La maggior parte dei social network non si assume la responsabilità delle applicazioni di terze parti che interagiscono con i loro siti;
  • Possono avere accesso a più informazioni di quelle necessarie per svolgere le loro funzioni;
  • A volte le applicazioni sono progettate solo per raccogliere informazioni sugli utenti;
  • Possono contenere malware progettato per attaccare il computer dell’utente;
  • Gli sviluppatori di terze parti possono riportare le azioni degli utenti sulla piattaforma di social networking;
  • Un social network può avere accordi con determinati siti web e applicazioni che consentono loro l’accesso alle informazioni pubbliche di tutti gli utenti del social network.

Le applicazioni di terze parti in genere possono accedere a informazioni che:

  • sono considerate pubbliche senza il consenso esplicito dell’utente;
  • vengono considerate private quando un utente concede l’autorizzazione dell’applicazione.

In alcuni casi, una volta che hanno ricevuto l’autorizzazione da un utente principale, le applicazioni di terzi possono anche accedere alle informazioni personali dei contatti degli utenti senza che tali contatti concedano un permesso esplicito.

Come regola generale, prestare attenzione quando si utilizzano applicazioni di terze parti. Ricorda che è difficile controllare quali informazioni stanno raccogliendo, come potrebbero usarle e con chi le condivideranno.

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Per pubblicare un commento, devi accedere

Send this to friend