Privacy sui social network: come stare sicuri, ma essere comunque social

Federica DiFederica

Privacy sui social network: come stare sicuri, ma essere comunque social

Che cosa hanno in comune il tuo migliore amico di infanzia, il tuo compagno di stanza di università, il tuo capo e il tuo collega? Se sei una delle centinaia di milioni di persone che utilizzano i social network, ci sono buone probabilità che tu sia collegato a loro attraverso una particolare relazione online. Le informazioni che condividi con i tuoi contatti online ti consentono di rimanere in contatto senza troppi sforzi. Ma chi altro sta sbirciando queste informazioni? E come lo useranno?

I social network online sono siti web che consentono agli utenti di creare connessioni e relazioni con altri utenti di Internet. I social media memorizzano le informazioni a distanza, anziché sul personal computer dell’utente. E possono essere utilizzati per rimanere in contatto con gli amici, creare nuovi contatti e trovare persone con interessi e idee simili.

Tuttavia, molte persone, oltre ad amici e conoscenti, sono interessati alle informazioni che la gente pubblica sui social network. Ladri di identità, artisti della truffa, stalker e aziende che cercano una qualsiasi sorta di vantaggio sul mercato utilizzano i social media per raccogliere informazioni sui consumatori. Le aziende che gestiscono i social network raccolgono personalmente una varietà di dati sui loro utenti, sia per personalizzare i servizi per gli utenti che per vendere agli inserzionisti.

Leggi anche: Quali sono i comportamenti rischiosi sui social network – Parte 1

Questa è solo un’introduzione di un discorso più ampio che mira a fornire informazioni sui vantaggi e gli svantaggi dell’utilizzo dei social network, sul tipo di informazioni che possono essere pubblicate in sicurezza e su come proteggerle, nonché su chi è in grado di accedere a diversi tipi di informazioni pubblicate su tali reti.

Non vi resta che seguirmi in questo lungo percorso che ci porterà alla scoperta di un vero e proprio altro mondo parallelo a quello reale, nel quale condividiamo noi stessi. Forse, in modo più leggero, ma che necessita comunque un po’ di attenzione.

Leggi anche: Quali sono i comportamenti sicuri sui social network – Parte 2

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Commenta

Send this to friend