coronavirus-social-network

La precedente pandemia registrata si è verificata nel 2009 con l’influenza aviaria. Non è stato il primo episodio nella storia, ma poi i social network – che stavano emergendo all’epoca – hanno cambiato tutto. Quello del Covid-19 è la prima pandemia di cui tutti gli eventi sono narrati in tempo reale.

Facebook esisteva già (è stato fondato nel 2004). Anche Twitter (apparso nel 2006), ma la sua rilevanza era ancora trascurabile. Nelle ultime settimane sono stati questi i canali principali da cui giungono messaggi razionali e ufficiali per combattere un’emergenza sanitaria che ci coinvolge tutti. Tuttavia, trascina con sè anche un torrente di bufale che cercano solo di disinformare la popolazione.

Terribile che, nel mezzo del vortice di paura, molti utenti alimentino le fake news. Notizie che sfruttano la disperazione e la preoccupazione degli utenti. Le piattaforme di social media, possiamo ben dirlo, hanno fatto la loro parte per aiutare a fomentare la crisi del coronavirus di origine cinese.

A ognuno le sue colpe

Twitter, nota rete di micro-messaggi, ha recentemente introdotto una misura per aiutare a informare in modo affidabile i suoi oltre 330 milioni di utenti registrati in tutto il mondo. Per questo, dallo scorso 3 febbraio, è stato aggiunto un servizio di avviso di ricerca che appare in primo piano durante la ricerca di informazioni sul coronavirus. Se il termine “coronavirus” viene inserito nel motore di ricerca, il sistema consiglia di seguire l’account ufficiale di sanità pubblica. Questo servizio di allerta è attivo in circa 50 Paesi in tutto il mondo e in ciascuno di essi collabora direttamente con l’OMS.

Anche Facebook ha iniziato a tirare le corde per frenare le bufale del coronavirus, oltre a favorire le informazioni determinanti. “Stiamo collaborando con le autorità sanitarie per coordinare le nostre azioni e mantenere le persone al sicuro e informate“, sottolineano fonti della multinazionale americana. Pertanto, i team di tutta l’azienda lavorano in diverse aree: fornire informazioni, supporto da esperti di salute mentale e limitare la disinformazione.

Il social network, che ospita oltre 2,5 miliardi di utenti in tutto il mondo, è uno dei principali canali di comunicazione. Pertanto, se una persona cerca il termine “coronavirus” su Facebook o utilizza un “hashtag” o un tag ad esso correlato su Instagram, vedrà apparire una finestra pop-up che indirizzerà all’Organizzazione mondiale della sanità per ottenere le informazioni più recenti. “Stiamo lavorando con le autorità di ciascun paese e organizzazioni come l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l’UNICEF per aiutarli a diffondere informazioni tempestive e accurate sul coronavirus“, affermano le stesse fonti.

 

Combattere le bufale

Un’altra grande preoccupazione del social blu è mitigare il problema che circonda le bufale del Covid-19. Ci sono molte pubblicazioni che, per ignoranza o deliberatamente, cercano di diffondere consigli senza garanzie scientifiche per proteggersi o truffe su situazioni di emergenza che non corrispondono al momento attuale. In questo senso, Twitter assicura che un team di revisione applichi “tolleranza zero contro la manipolazione” della piattaforma e “qualsiasi altro tentativo di abuso del servizio in questo momento critico“.

Stiamo rimuovendo pubblicazioni riguardanti affermazioni e teorie del complotto che sono state screditate dall’OMS o da altri esperti di salute e che potrebbero causare danni a coloro che le credono“, fanno sapere. Nonostante i dubbi iniziali, la società ha trovato prove di casi di manipolazione coordinata.

Da parte sua, Facebook ha assicurato che limiterà la disinformazione e i contenuti dannosi. “Stiamo eliminando le pubblicazioni riguardanti affermazioni e teorie del complotto che sono state screditate dall’OMS o da altri esperti di salute e che potrebbero causare danni a chi ci crede” , hanno aggiunto i portavoce del social network. Questa misura include affermazioni relative a false cure o metodi di prevenzione, come l’uso di candeggina per curare il coronavirus.

Resta comunque il fatto che questa è la prima, vera pandemia vissuta sul web. un po’ la evidente evoluzione dei social network negli ultimi anni, un po’ la costrizione a stare fermi a casa, a fare nel non fare garantendo un’interruzione nei casi di contagio, è ormai un dato di fatto. Viviamo sul web, ci immergiamo nelle case della gente che ce le vuole aprire e di cantanti, attori, giornalisti che ci intrattengono come moderne baby-sitter. Qualcosa è cambiato. Come cambieranno necessariamente i rapporti sociali “dopo”. Tutto, infatti, tornerà come prima per non esserlo più, inevitabilmente.