anonimato

Immagina di camminare in una stanza piena di estranei. Sei in una nuova città e, fondamentalmente, non conosci nessuno e nessuno ti conosce. Sei libero di fare qualsiasi cosa o andare ovunque o parlare con chiunque. Come ti senti?

Forse ti senti libero dal giudizio e dall’esame da parte di conoscenti. Forse ti senti eccitato di poter sfruttare questa opportunità per sperimentare la vita alle tue condizioni, alla tua velocità. Ma qualunque siano i tuoi sentimenti, potresti almeno tranquillamente presumere che puoi entrare in questa situazione di isolamento senza essere monitorato da una società o da una persona in particolare.

Sbagliato. Quello che stai vivendo mentre cammini in quella stanza è l’anonimato: un fenomeno socioculturale al quale sono garantite privacy e libertà. Ma, nel 2017, è praticamente morto. Sta emergendo come una delle maggiori sfide della nostra epoca: come potremmo provvedere sia a garantire la sicurezza sia migliorare la nostra vita attraverso la tecnologia, mantenendo allo stesso tempo un diritto fondamentale alla privacy che sembra esistito dall’inizio della storia umana?

Artisti e scrittori, come Banksy, hanno sfruttato l’anonimato come vantaggio per secoli. Ma l’anonimato è minacciato nella nostra società digitale interconnessa.

 

Internet ci ha fatto smettere di preoccuparci

L’anonimato, che in greco significa “senza nome“, è un’esperienza psicologica unicamente umana: è l’idea che tutti noi abbiamo identità da presentare al mondo ma, in determinate circostanze, possiamo spegnere l’identità e operare in totale segretezza.

Abbiamo bisogno di un sé pubblico per navigare nel mondo sociale di famiglia, amici, colleghi e colleghi“, afferma John Suler, professore di psicologia alla Rider University nel New Jersey e autore di The Psychology of Cyberspace. “Ma abbiamo anche bisogno di un sé privato – uno spazio interno in cui possiamo riflettere sui nostri pensieri e sentimenti al di fuori dell’influenza esterna, dove possiamo essere solo con la nostra psiche. La nostra identità è formata da entrambi. Senza l’uno o l’altro, il nostro benessere può facilmente essere disturbato“.

Essere anonimi ci consente di provare cose nuove o esprimere idee senza essere giudicati. Nel 2013, i ricercatori della Carnegie Mellon University in Pennsylvania hanno pubblicato uno studio in cui hanno condotto interviste approfondite con dozzine di utenti di Internet in quattro continenti. Un intervistato, ad esempio, ha creato una comunità online anonima per consentire agli studenti di inglese di esercitare le proprie abilità linguistiche. L’anonimato li ha aiutati a gestire meglio determinate sfere della loro vita. Un partecipante ha affermato di aver frequentato bacheche per aiutare le persone a risolvere problemi tecnici, ma ha cercato di evitare impegni indesiderati attraverso la natura distaccata di Internet. Inoltre, essere anonimi in un ambiente come Internet può aiutare a salvaguardare la sicurezza personale. “I nostri risultati mostrano che persone di ogni estrazione sociale avevano motivo, in un momento o nell’altro, di cercare l’anonimato“, hanno scritto i ricercatori dei 44 intervistati.

E mentre alcune persone stanno adottando le misure di base per preservare l’anonimato, come eliminare la cronologia di navigazione, molti utenti che affermano di apprezzare l’anonimato non lo stanno davvero cercando.

All’inizio di quest’anno, una meta-analisi pubblicata sul Journal of Communication ha esplorato qualcosa chiamato “paradosso della privacy“: l’idea che, mentre le persone apprezzano la privacy, fanno poco in pratica per preservarla. Pensaci: quando è stata l’ultima volta che hai letto uno di quei tanti, lunghi aggiornamenti sulla privacy prima di fare clic su “Accetto”? Il nostro atteggiamento nei confronti della privacy è diventato sempre più blasé.

Si potrebbe anche sostenere che è addirittura dannoso non divulgare almeno alcune informazioni. Chi cerca un nuovo lavoro oltre a possibilità di fare carriera non deve trascurare l’importanza professionale di avere una foto pubblica di LinkedIn arricchita con il nome completo, la storia completa del proprio curriculum e altro ancora.

Forse questo è più un disgelo culturale verso atteggiamenti precedentemente tesi. Oggi le informazioni personali volano liberamente e selvaggiamente attraverso il web, spesso su nostra volontà: selfie di noi stessi e persone care instagrammati, completi di posizioni geotaggate. Gli utenti dei social media si impegnano in attacchi politici e insulti orribili, nonostante il fatto che l’obiettivo delle loro molestie possa fare clic sui loro nomi e foto reali e vedere chi sono realmente. Le persone tendono a pensare al cyberspazio come a una sorta di spazio immaginario senza veri confini, uno spazio da non prendere troppo sul serio.

Chiamiamola stanchezza della privacy, ma la nostra crescente interdipendenza sui nostri dispositivi intelligenti e sui social media ha dato ad alcuni di noi un atteggiamento largamente pigro nei confronti del totale anonimato.

Ma cosa succede se sei una di quelle persone che evita Facebook, non ha una presenza sui social media e fa di tutto per lasciare un’impronta digitale fugace? Siamo spiacenti, anche il tuo anonimato è a rischio.

 

Uscire dal social non è una soluzione

Mentre non avere un profilo Facebook è un buon modo per disconnettersi, ci sono ancora molti modi in cui le persone possono svelare la nostra identità. Ci sono “anonimato intenzionale” e “anonimato inferenziale“: il primo è ciò che scegliamo di tenere vicino e il secondo si riferisce ai dati che Google può “inferire” da te online, ovvero scavare un sacco di informazioni personali su di te usando un singolo fatto come punto di partenza.

La nostra crescente dipendenza da dispositivi intelligenti erode l’anonimato. Anche se non utilizzi i social media, gli inserzionisti potrebbero comunque trovare la tua impronta online. Finché qualcuno sa qualcosa di te, probabilmente può trovare altre cose – più di quanto abbiano fatto nel passato.

Gli inserzionisti monitorano le tue abitudini su Internet su tutti i tuoi dispositivi (telefono, tablet, laptop) per sapere dove vai abitualmente, fare acquisti e che tipo di siti web visiti e ci sono state crescenti polemiche su quali società Internet dovrebbero essere autorizzate a tracciare e vendere a terzi.

Stiamo vivendo un “periodo d’oro della sorveglianza“: se sei una persona di interesse in un’indagine, cercare dettagli come cartelle finanziarie, cartelle cliniche, cronologia web o cronologia delle chiamate è un gioco da ragazzi. E ciò suggerisce una maggiore, grave preoccupazione per la privacy nell’era delle violazioni della sicurezza informatica e dei servizi digitali che tengono traccia delle informazioni bancarie e degli indirizzi di casa. Di questi tempi è difficile non farsi notare.

Cosa c’è di più? Ci stiamo avvicinando alla “prossima grande frontiera della pubblicità“: la tua posizione.

Certo, i siti Web possono modificare le inserzioni sui tuoi interessi in base alle ricerche Web che hai effettuato sullo stesso dispositivo o ai siti visitati. Ma le aziende e gli inserzionisti individuano la tua posizione esatta in tempo reale per la pubblicità “personalizzata” grazie alle più recenti tecnologie. Ad esempio, una pubblicità potrebbe lampeggiare sullo schermo del tuo cellulare offrendo un coupon per un negozio a cui sei a mezzo miglio di distanza.

A meno che tu non sia disposto a vivere senza Internet o senza alcun dispositivo intelligente, è praticamente impossibile uscire completamente dalla rete. In altre parole, anche per le persone il cui lavoro è essere anonimi, è difficile essere anonimi.

Tuttavia, ci sono molti casi in cui l’anonimato è problematico, persino pericoloso. La sua morte è davvero una benedizione per la società?

[continua…]