Archivio mensile Dicembre 2018

Federica DiFederica

Come migliorare la strategia sui social media per Natale

Siamo circondati da luci di Natale. I negozi e i centri commerciali offrono un’atmosfera natalizia quasi stucchevole e la televisione “di Natale” è protagonista con film visti e rivisti e programmi a tema.

Pertanto, è anche il momento di incorporare i contenuti relativi a queste festività nella nostra strategia di marketing nei social media.


Natale nei tuoi contenuti

Tenete presente, dunque, i seguenti punti nella vostra strategia sui social media:

  • Inserite temi natalizi nelle intestazioni dei vostri profili Facebook, LinkedIn, Twitter o Google Plus. Per fare ciò, usate i colori del vostro logo e, se al momento avete una promozione o un servizio speciale attivi per Natale, allegateli ovunque. Questo vi farà risaltare e attirerà l’attenzione degli utenti che vi seguono.
  • Scattate qualche foto dei vostri prodotti accanto all’albero di Natale, decorato con luci natalizie o altre decorazioni legate a queste festività. Ci sono molti modi divertenti per fare foto da aggiungere ai vostri contenuti.
  • Se organizzate un evento natalizio per lo staff, scattate foto e condividetele. Gli utenti adorano questo approccio al brand. Condividete anche le foto dell’ufficio decorato per Natale.
  • Pubblicate contenuti originali che rispondano alle domande dei vostri utenti, come suggerimenti, tutorial e, in modo originale, per dare loro un tocco natalizio accompagnato da una ricetta natalizia o un’idea originale per celebrare una festa. Sappiamo tutti che, ponendo domande ai nostri follower, otteniamo un maggiore coinvolgimento.
  • Fate domande sul dove/come trascorreranno le festività i vostri followers o sul luogo di vacanza natalizio preferito, o su quale tradizione natalizia piace di più!
  • Approfittate della potenza dei video, pubblicando un saluto di Natale per tutti i vostri follower.
Federica DiFederica

Nanoinfluencer su Instagram: chi sono e perchè hanno successo

Nanoinfluencer? Sì, stanno per arrivare e rubare il posto degli influencer su Instagram. La capacità di influenzare i social network sembra cambiare e avere molti follower non significa più avere troppa influenza. Alcuni addirittura sostengono che essere seguito da molte migliaia di persone possono essere dannoso, il che sta spianando la strada ai nanoinfluencers.


Chi sono i nanoinfluencer?

Ricoprono un nuovo posto nella gerarchia di Instagram, al di sotto delle celebrità e degli influencer, ma al di sopra degli “anonimi”. Sono instagramers con account ben organizzati, accattivanti e con contenuti che possono essere interessanti e persino utili per chi li segue, potendo avere un’area specifica, come viaggi, bellezza, moda o qualsiasi altro tema. La (grande) differenza, che distingue davvero un nanoinfluencer da un influencerè semplicemente il numero di follower.

Mentre un influencer può avere migliaia e migliaia di seguaci, un nanoinfluencer è qualcuno che ne conta anche solo un migliaio. Il vantaggio principale è l’impegno che i nanoinfluencers hanno. “Le persone leggono il loro contenuto con cura e interagiscono di più ed hanno più probabilità di ottenere una risposta. Un altro vantaggio evidente è la grande fiducia riposta in loro, dal momento che i seguaci per scontato che nessuno li paga e, pertanto, le informazioni che passano sono vere.

Il concetto che i brand ricorrono agli influencer con molti seguaci, al fine di raggiungere il maggior numero possibile di persone, non è più tale. Raggiungere le persone e mostrare il prodotto non è sufficiente, è necessario che i follower credano e si fidino del contenuto che viene loro trasmesso. Questo ha smesso di accadere dal momento in cui gli influencer sono stati visti come canali pubblicitari, pagati dai marchi per parlare di un determinato prodotto. Prima di un servizio a pagamento, l’opinione espressa potrebbe essere condizionata, il che non dà sicurezza al seguace.

Gli influencer si sentono già minacciati?

Uno sguardo più attento ci consente di notare che, al momento, alcuni influenzatori fanno menzione di alcuni contenuti come “Non sponsorizzato”. Ci sono anche quelli che fanno solo un riferimento al prodotto, mostrando la ricevuta di acquisto in modo che i follower non pensino che sia stato offerto. Altri ancora affermano che parlano di un certo marchio perché gli piace e non perché ottengono qualcosa in cambio.

Anche così, la fiducia sembra spostarsi verso i piccoli influencer, ovvero i nanoinfluencer. Anche se i profili di Instagram stanno iniziando a essere cercati da alcune marche, non hanno ancora tanta notorietà sui follower.

Detto questo, finiremo per vedere alcuni influencer di professione che cercano di ridurre il numero di follower?

Federica DiFederica

Il social credit basato sui dati della popolazione in Cina sembra una distopia fantascientifica

I social media prosperano misurando la popolarità. A mano a mano che le visualizzazioni, i retweet, i follower e gli amici aumentano di numero, ci viene data una misura aggiornata della nostra importanza, della nostra influenza, della nostra autostima. Se facciamo bene, la nostra reputazione sale. Fare errori, tuttavia, porterà ad un crollo, al blocco, ai rifiuti. Coloro che evitano i social media potrebbero vedere tutto ciò come poco importante e frivolo, ma la vita delle persone può essere modellata da questi numeri: può influenzare le loro prospettive di lavoro, la loro posizione sociale e la loro salute mentale.

Se sei di questa idea e volessi un governo al suo controllo, troveresti qualcosa di simile al sistema di credito sociale – social credit – lanciato in Cina. Un ibrido di valutazioni del credito, analisi del comportamento e liste nere di stato, è stato annunciato dal Ministero della Pubblica Sicurezza cinese nel 2015 come un modo per assegnare a ogni cittadino cinese un punteggio basato sulla sua “sincerità” e per premiare gli alti guadagni. Diventerà pienamente operativo nei prossimi due anni. “Il suo obiettivo“, si legge nell’annuncio del ministero, “è quello di elevare la mentalità onesta e i livelli di credito dell’intera società“.

 

Cosa succede se la valutazione è negativa?

Potrebbe essere un sogno utopistico socialista, ma è un incubo per le imprese e i cittadini che hanno punteggi bassi. Dato che il sistema di credito sociale è modellato attraverso una serie di prove, sono emersi resoconti di persone trattate ingiustamente. Quando un avvocato, Li Xiaolin, fu denunciato per diffamazione da uno dei suoi clienti, si trovò a non poter comprare un biglietto aereo. I giornalisti ritenuti inaffidabili dallo Stato hanno avuto difficoltà simili viaggiando, e ulteriori ostacoli potrebbero impedire alle persone di affittare determinate automobili o proprietà. Una scuola nella provincia di Shandong ha rifiutato di iscrivere studenti i cui genitori hanno punteggi bassi. E poiché uno Stato autoritario si nasconde dietro il sistema, la possibilità di fare appello con successo contro un simile punteggio è molto bassa.

La vita è diversa per coloro che ottengono un punteggio elevato. Una valutazione sociale impressionante può consentire a qualcuno di saltare la fila per vedere un medico, o noleggiare un’auto senza pagare un deposito. Altri vantaggi possono includere termini migliori sui prestiti o maggiore visibilità sulle app di appuntamenti. I punteggi più alti potrebbero anche rendere idonei per le richieste di visti con tracciamento più rapido per viaggiare all’estero. Come con i “Mi Piace” su Instagram o i Retweet su Twitter, le persone sono orgogliose dei punteggi in aumento e se ne vantano.

La decisione del 2013 della Corte Suprema cinese di rendere pubblici i nomi dei debitori inadempienti fu forse il primo seme del sistema di credito sociale. È stato riferito che 8,7 milioni di voli e 3,4 milioni di viaggi in treno sono stati negati ai cittadini iscritti alla lista nera fino alla fine del 2017. Ma l’integrazione degli smartphone nella società e l’uso diffuso di app di pagamento come Alipay e WeChat Pay hanno portato a quantità colossale di dati comportamentali che possono essere inseriti in un calcolo di “sincerità”.

Le aziende dietro queste applicazioni (rispettivamente Ant Financial e TenCent) sono due delle otto società autorizzate dal governo cinese a sviluppare piattaforme di valutazione del merito di credito, e negli ultimi mesi sono stati accennati suggerimenti sul tipo di misurazioni registrate: quanto spesso si mangia cibo da asporto, la quantità di tempo che potresti trascorrere giocando ai giochi online, quale macchina si guida, la condotta sui social media, dove va in viaggio. E se i propri amici ottengono risultati mediocri, ciò può riflettere sulla propria condotta.

La progressione da questi schemi di prova a un punteggio di credito sociale completo si basa sulla condivisione dei dati e sulla cooperazione tra le imprese tecnologiche e il governo. “Le società tecnologiche cinesi operano perché il Partito comunista cinese le consente“, osservano gli esperti.

Quando la classifica incontra il riconoscimento facciale

Sono già in corso progetti congiunti in settori come l’apprendimento approfondito e l’informatica quantistica, e sembra inevitabile che questa relazione cresca sempre più vicina, con conseguenze potenzialmente allarmanti. In un recente test, si è sperimentata una funzione di riconoscimento facciale in un KFC dove si paga guardando in una macchina fotografica. Iniziative come questa, combinate con il piano del governo cinese per sviluppare un sistema di riconoscimento facciale per tutti e 1.3 miliardi di cittadini, contrappongono il Social Credit ancora più al regno della fantascienza.

È facile per chiunque vive fuori dalla Cina considerare il credito sociale come un’anomalia peculiare di quel Paese e non qualcosa che potrebbe mai interessarci. Ma possediamo gli stessi smartphone e generiamo gli stessi dati dei cittadini cinesi. Siamo già stati segnati in molti modi. Le società di valutazione del credito stanno accumulando informazioni sempre più approfondite sulle nostre abitudini. Le nostre prospettive di lavoro possono essere influenzate da qualcosa di semplice come la nostra scelta dell’immagine del profilo di Facebook.

Sembrerebbe che la chiave per evitare di scivolare in un sistema di stile cinese sia quello di bloccare questi dati – insieme alle informazioni sanitarie, ai casellari giudiziari e molto altro ancora – messi insieme e analizzati. Ma non è vero che le città intelligenti del futuro, che sono state progettate per aiutare i governi governare e i cittadini a prosperare, si basano proprio su questo?

Il concetto di città intelligente in Cina è diverso dal concetto di città intelligente in Europa“, affermano gli esperti, “ma ciò non significa che le città intelligenti in Europa e altrove non comportino rischi. Lo fanno certamente. Ci sono domande sui fornitori della tecnologia; il fatto che [la società cinese] Huawei operi in altri Paesi comporta rischi, non solo per la sicurezza nazionale, ma anche le minacce alle libertà civili”.

Nel mondo moderno, la convenienza è spesso acquisita a scapito della privacy. Ma in questo momento, i cittadini cinesi sembrano pagare di più della maggior parte della popolazione del pianeta.

Send this to friend