nanoinfluencer

Nanoinfluencer? Sì, stanno per arrivare e rubare il posto degli influencer su Instagram. La capacità di influenzare i social network sembra cambiare e avere molti follower non significa più avere troppa influenza. Alcuni addirittura sostengono che essere seguito da molte migliaia di persone possono essere dannoso, il che sta spianando la strada ai nanoinfluencers.


Chi sono i nanoinfluencer?

Ricoprono un nuovo posto nella gerarchia di Instagram, al di sotto delle celebrità e degli influencer, ma al di sopra degli “anonimi”. Sono instagramers con account ben organizzati, accattivanti e con contenuti che possono essere interessanti e persino utili per chi li segue, potendo avere un’area specifica, come viaggi, bellezza, moda o qualsiasi altro tema. La (grande) differenza, che distingue davvero un nanoinfluencer da un influencerè semplicemente il numero di follower.

Mentre un influencer può avere migliaia e migliaia di seguaci, un nanoinfluencer è qualcuno che ne conta anche solo un migliaio. Il vantaggio principale è l’impegno che i nanoinfluencers hanno. “Le persone leggono il loro contenuto con cura e interagiscono di più ed hanno più probabilità di ottenere una risposta. Un altro vantaggio evidente è la grande fiducia riposta in loro, dal momento che i seguaci per scontato che nessuno li paga e, pertanto, le informazioni che passano sono vere.

Il concetto che i brand ricorrono agli influencer con molti seguaci, al fine di raggiungere il maggior numero possibile di persone, non è più tale. Raggiungere le persone e mostrare il prodotto non è sufficiente, è necessario che i follower credano e si fidino del contenuto che viene loro trasmesso. Questo ha smesso di accadere dal momento in cui gli influencer sono stati visti come canali pubblicitari, pagati dai marchi per parlare di un determinato prodotto. Prima di un servizio a pagamento, l’opinione espressa potrebbe essere condizionata, il che non dà sicurezza al seguace.

Gli influencer si sentono già minacciati?

Uno sguardo più attento ci consente di notare che, al momento, alcuni influenzatori fanno menzione di alcuni contenuti come “Non sponsorizzato”. Ci sono anche quelli che fanno solo un riferimento al prodotto, mostrando la ricevuta di acquisto in modo che i follower non pensino che sia stato offerto. Altri ancora affermano che parlano di un certo marchio perché gli piace e non perché ottengono qualcosa in cambio.

Anche così, la fiducia sembra spostarsi verso i piccoli influencer, ovvero i nanoinfluencer. Anche se i profili di Instagram stanno iniziando a essere cercati da alcune marche, non hanno ancora tanta notorietà sui follower.

Detto questo, finiremo per vedere alcuni influencer di professione che cercano di ridurre il numero di follower?