Come i Social Media ci hanno cambiato la vita: i pro e i contro

Federica DiFederica

Come i Social Media ci hanno cambiato la vita: i pro e i contro

E’ difficile credere che, solo un decennio fa, i social media fossero poco più di una tendenza “in erba”. Certo, c’erano siti web come Friendster e MySpace, che hanno avuto un buon livello di seguito, ma mai hanno coinvolto gli utenti come i social media di oggi.

Nel 2005, Facebook era ancora nella fase iniziale della sua diffusione in tutto il mondo. Twitter è comparso in quel periodo, ma molti lo considerarono come un giocattolo lifecasting inutile. LinkedIn era essenzialmente un curriculum digitale. E Google+ non è nemmeno entrato in scena fino al 2011, seguita poi da Pinterest e altre piattaforme.

Andando avanti fino al 2014, si assiste ad un’impennata dell’uso dei social media, diventati non solo una parte fondamentale dello stile di vita moderno, ma anche un canale di marketing utile per le imprese di tutte le dimensioni. Da allora a oggi, tutto è cambiato ufficialmente e in modo permanente. C’è una generazione di ragazzi in arrivo che non può nemmeno concepire un mondo senza smartphone e social networking. Si è ufficialmente incorporato nella nostra cultura.

Come lo fanno, se ne bene o nel male, è a discrezione di ognuno di noi. Quel che è certo, sono i pro e i contro. Diamo un’occhiata al modo in cui i social media hanno migliorato la nostra esperienza di vita. Sicuramente sarete d’accordo su alcuni di questi punti. Se non su tutti.

Social Media: i pro

Prima di scoprire i “contro”, cominciamo apprezzando quel che i social media hanno di fatto aggiunto alla nostra vita. Ecco alcune degli aspetti migliori che ho osservato.

Accesso immediato alle informazioni

Dato il consolidamento di diverse società di media, è abbastanza facile chiedersi se le notizie che otteniamo dai principali media siano storia completa o meno. Dopotutto, non è evento raro apprendere sugli scandali della Kardashian anziché di una rivolta politica in Turchia o altrove.

Una delle cose che mi ha attratto personalmente di Twitter è stato l’accesso immediato ad altre fonti di informazione. I social media sono anche molto utili per espandere le nostre fonti di contenuti, nel loro complesso. Così nella fase di blogged e scrittura, come nella cura e condivisione in modo proattivo. Il volume dei contenuti è cresciuto in modo esponenziale. Oggi, non v’è carenza di punti di vista e le fonti da cui possiamo trarre le nostre conclusioni su ciò che sta realmente accadendo nel mondo sono infinite.

Connettività pervasive verso gli altri

Ricordo gli anni in cui i telefoni avevano i tasti. Non avevamo neanche le segreterie telefoniche. Se si chiamava qualcuno e non rispondeva al telefono, si doveva richiamare e cercare di indovinare il momento in cui trovarli a casa. Quando si riceveva una chiamata, non c’era l’ID del chiamante. E c’erano le lettere, le care vecchie missive scritte a mano.

Oggi, se non si può raggiungere qualcuno al telefono, è possibile lasciare un messaggio vocale o inviare un testo. O ancora meglio, un tweet, messaggi di Facebook o qualsiasi altro “segnale di fumo”. Si può vedere cosa fanno gli altri in ogni momento, ammesso che essi lo condividano su un qualsiasi social. I bambini di oggi non hanno idea di quanto fosse conveniente nella nostra vita quotidiana avere – anche – un po’ di privacy.

Voci globalizzate

Simile alla situazione del telefono che ho appena spiegato, è stato estremamente difficile accedere ad una piattaforma per raggiungere a livello globale la condivisione delle proprie opinioni o scoperte. E questo in soli 25 anni.

Oggi, tutto quel che dobbiamo fare è accedere alla nostra piattaforma. Siamo in grado di sbraitare, raccontare aneddoti, condividere immagini e, in generale, raccontarci. Per quelli di noi che amano scrivere, occorrono solo un paio di minuti per creare un nuovo blog e iniziare a mettere i nostri pensieri in parole. E quei pensieri potrebbero crescere una volta che la sfera sociale li afferra. E’ molto più facile fare qualcosa di straordinario e degno di nota e possiamo raggiungere le persone di tutto il pianeta. Ora più di quanto non sia stato possibile in qualsiasi altro momento della nostra storia. Ora usufruiamo di voci veramente globalizzate. Che privilegio!

Hashtag

Ecco un fenomeno che ha avuto origine su Twitter e, infine, ha fatto breccia sugli altri social network. Gli hashtag sono serviti ad uno scopo molto importante su Twitter ai suoi esordi: si poteva creare un legame ad una specifica tendenza, evento o argomento e filtrare tutto ciò che non riguardava l’hashtag in questione. Questo era ottimo per consentire ad un’applicazione completamente destrutturata come Twitter di abilitare una conversazione focalizzata. E’ incredibile come le persone abbiano trovato risposte a problemi o esigenze per conto proprio e sfruttato al meglio la piattaforma. Questa è stata la bellezza di Twitter – la sua semplicità (140 caratteri) e adattare l’esperienza alle proprie preferenze.

Ora, gli hashtag sono cresciuti come fenomeno. Alcune persone li usano per scherzare, altri in modo tradizionale, e altri ancora stanno sperimentando modi completamente nuovi per applicarli. Dal momento che funzionano quasi come parole chiave sui social media, hanno veramente una parte determinante nella cultura delle discussioni online.

Comunicazione per le aziende di livello

Alcuni potrebbero obiettare questo punto, ma fornendoci la portata globale delle nostre voci, i social network permettono alle aziende di tutto il mondo di amplificare il loro messaggio in un modo mai ritenuto possibile solo uno o due decenni fa.

Un tempo, i mass media erano governati. Una società doveva investire migliaia o addirittura milioni di dollari/euro per essere ascoltata e farsi pubblicità. Molte grandi aziende, ricche nelle tasche, dettavano legge. Solo quelle imprese potevano permettersi di avere una più ampia portata.

Ora, una piccola azienda può raggiungere la portata globale pochi giorni dopo il suo lancio, avendo le giuste carte di presentazione. Tramite un video ingegnoso, attraverso la condivisione di opinioni o la creazione di nuove conoscenze che si diffondono a macchia d’olio. Forse è semplicemente condividendo il concetto di business che le “voci” più grandi vengono catturate. In ogni caso, i social media hanno fornito un mezzo per avere una voce alla pari con i grandi, anche per le più piccole start-up o imprese.

Social Media: i contro

Sarebbe essere ciechi evidenziare solo i pro dei mezzi di comunicazione sociale. Meglio, dunque, restare ancorati alla realtà. Ora, a seguire, i contro che mi fanno venire voglia di chiudere la finestra del browser e andare avanti.

Selfie

Lo so, ci siamo e ci risiamo fino alla nausea. Non importa come appariamo, l’importante è, appunto, apparire. Un ragazzo a torso nudo di fronte a uno specchio, ragazze con bocche abominevoli a forma di anatra o persone di dubbio gusto e spregevoli che scattano selfie sui luoghi di disastri naturali o affini. Gli smartphone sono dotati di fotocamere ad alta risoluzione, i computer hanno webcam dove è facile scattare istantanee di noi. Non si ha nemmeno bisogno di qualcuno che ci aiuti a fotografarci.

Ma, in realtà, non è difficile chiedere a qualche amichevole passante di scattare una foto – se davvero si vuole immortalare un momento. Tutti possono vederci mentre ci vantiamo di essere in paesi sperduti, spiagge da sogno o in compagnia di persone fantastiche. Se lo scopo di condividere selfie è puro narcisismo, per favore, facciamone almeno quando siamo realmente presentabili. E cerchiamo di resistere alla tentazione.

Tirate politiche

Devo ammetterlo: cerco di non impelagarmici mai. E non ho intenzione di iniziare a farlo ora. Quando si tratta di politica, religione o qualsiasi altra area molto personale della nostra vita, la discussione diventa polemica quasi immediatamente. Se si dispone di un sistema di pensiero diverso da qualcun altro, siamo più propensi a lottare per difendere anziché accogliere l’altrui punto di vista. Questi sono argomenti molto delicati ed è troppo facile devolvere attacchi personali e giudizi negativi.

Evito. E semplicemente non vale la pena perdere un amico o un collega per una divergenza di opinione. Indipendentemente da come questi la pensi. I social media sono destinati ad essere social, appunto, non il palcoscenico per un incontro di boxe.

Nascondersi dietro l’anonimato

Anche se è sempre più difficile proteggere la nostra identità, l’anonimato è stato un aspetto fondamentale di Internet fin dai primi giorni. E’ sorprendente vedere come le persone si comportano quando la loro vera identità è mascherata.

Oggi dobbiamo difenderci dai troll, a titolo definitivo “burloni abituali”. Questo è il tipo di comportamento che rende l’intera rete di Internet, e in particolare i social media, meno produttiva e piacevole per tutti. Se si vuole dire qualcosa ma se ne temono le conseguenze, forse si dovrebbe il buon senso prima di esporci. Essere “visibili” in forma anonima è offensivo e non solo è vile, ma mostra anche una mancanza di carattere.

Tutti parlano, nessuno agisce

Negli ultimi anni, abbiamo assistito al prolifera di diversi attivisti e comportamenti simili attraverso i social media. E’ diventata una tendenza scattare selfie (doppio smacco) con un cartello e un messaggio politico o sociale, e un nuovo hashtag naturalmente. O fare un video, nel caso della Ice Bucket Challenge. L’idea è quella di ottenere simpatie e azioni sopra l’immagine o il video in questione, con l’obiettivo di diffondere il messaggio.

Se va bene il concetto di fondo, l’attivismo da hashtag è tutto un parlare. Se una questione è abbastanza importante, perché non agire? Facebook è pieno di persone pronte ad “andare in guerra da social media” con chiunque su qualsiasi argomento, ma non lo risolvono. Ci sono diverse opere di beneficenza e opportunità di volontariato disponibili. Anziché fare e apparire su Facebook come coinvolti, facciamo una donazione senza prendere parte ad una bravata casuale. Non solo si farà la differenza, ma ci farà sentire meglio dentro.

Ignoranza amplifica

L’ignoranza è facile da ignorare, mentre si vive la vita di ogni giorno. Ci sono molti post che evidenziano disinformazione o , semplicemente, idee confuse e deliranti. Sarebbe facile riderne e passare oltre, ma è anche importante rendersi conto di quanto stia realmente accadendo “là fuori”. Il mondo non è un posto perfetto, questo è un dato di fatto. Se qualcosa ci offende, la condivisione per esprimere indignazione amplifica solo ulteriormente il messaggio. Come recita l’adagio: “Non alimentare i troll”. Più attenzione si dà a questo comportamento, più la persona si sente in dovere di continuare in questo comportamento. Concentriamo la nostra attenzione su quanto è positivo, perché il negativo diventa vecchio e stanca.

Conclusioni

Amo i social media. Come qualsiasi mezzo di comunicazione. Si tratta di ponderare i loro alti e bassi, i pro e i contro. Nel complesso, credo davvero che rendano il mondo un posto migliore, in diversi modi. A ciascuno il suo/la sua.

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Commenta

Send this to friend