Social Network: nell’era di Facebook e Snapchat manca l’originalità

Federica DiFederica

Social Network: nell’era di Facebook e Snapchat manca l’originalità

Questi tempi ci portano a concludere che apprezziamo molto chi si sforza di originalità. Chi come Steve Jobs, e il coraggio di andare oltre, pensa in grande, corre dei rischi e sorprende con le sue idee che cambiano il mondo o semplicemente lo rendono più pratico, più divertente. Può essere una semplice casella di ricerca di Google. O uno smartphone touch screen. Un sistema di navigazione GPS. L’originalità, pensiamo, è e sarà sempre ricompensata.

Ma nel mondo dei social network le idee sono spesso seguite dalle imitazioni, che proliferano facendo in modo che solo i più forti sopravvivano. Inoltre, la gente ha poca memoria. Anche per chi ha osato per l’originalità. E a differenza di troppa attenzione, è l’indifferenza a fare poi da contropiede. Fino al prossimo in gradi copiare altre idee e adattarle come proprie.

E’ questo il momento delle imitazioni?

Sicuramente molti ricordano ancora mIRC o MySpace o anche servizio di chat MSN. Fanno parte di una memoria digitale collettiva che ricordiamo con affetto. Oggi la nostra realtà si costituisce attorno a Google Search e YouTube, ma ancor di più su Facebook e Instagram, WhatsApp e Facebook Messenger, ma ancora Snapchat e LinkedIn, Twitter e molto altro.

Quando guardiamo a LinkedIn, effettivamente vediamo una delle prime idee originali nella storia dei social network. Una registrazione con la rete che doveva essere fatta con la posta elettronica e un’identità personale obbligatoria – fatta di Nome e Cognome, per favore, non di nickname. Oggi sembra banale, ma una volta tutti indossavano dei soprannomi. Proprio quello ha portato molti a vederli come sospetto e come poco credibili. E uno dei primi social network a copiare l’idea fu Facebook, sfruttando l’idea di un ambiente più “sicuro” e digitale, in particolare in opposizione ad un momento in cui hi5 la faceva da padrone.

Quando fu lanciato iPhone, già esistevano delle applicazioni di video diretta streaming. Tuttavia, fu YouTube a lanciare il suo servizio streaming video, ma solo per PC. Gli utenti si lamentarono, chiedendo a gran forza qualcosa di simile anche su smartphone. Google scelse di investire nel download di Skype e lanciò un servizio di “luoghi di ritrovo”. Facebook è andato oltre, risorgendo al momento giusto, con un’idea di video in diretta proprio tramite il telefono cellulare.

Anni prima Google ha lanciato Google+ con l’idea di un maggiore controllo da parte degli utenti; la chiave, disse, erano le “Cerchie”, cioè la possibilità di definire “circoli” di amici per gestire al meglio i problemi di privacy molto popolari al momento. E qualcuno si ricorda quello che è successo allora? Non c’è bisogno. Basta vedere quanti utenti hanno ora, e ognuno, almeno un account su questi social network.

Poi fu il momento di altro volto giovane, tale Evan Spiegel, il quale creò Snapchat. Messaggi con disegni in verticale, con la possibilità di apportare una grafica progettata per far emergere l’artista nascosto in ognuno di noi. Ma anche video, sebbene solo fino a 12 secondi, per poi scomparire. Oggi, il concetto di Snap e delle storie è stato già replicato su Facebook Messenger, Instagram e Whatsapp, aggiungendo maschere che rendono i selfie divertenti.

Qualcuno si lamenta?

Solo coloro che stanno dietro queste imprese e che lottano per aggiungere sempre qualcosa di nuovo. Gli altri utenti sono solo “episodici”. Nessuno potrà smettere di usare – ormai – un social network, perché è “meno originale” di quanto sembri. Nel mondo di oggi, soluzioni simili non offrono doppia o profonda riflessione, e molta meno critica. Solo qualche curiosità. Ma, come evidenziato in questa guerra contro Facebook e Snapchat, ci sono troppe applicazioni, troppo poco tempo e molto da fare con esse.

Non c’è dubbio che anche sui social network si sia sviluppato un mondo in cui il gigante Golia può essere contestato dal geniale e piccolo Davide. Tuttavia, ci sarà davvero bisogno di un colpo molto accurate e letale per abbattere uno dei giganti che oggi disegna il duopolio Google e Facebook.

Le dimensioni, anche questo conta molto. A quanto pare molto più di originalità. Non ci può essere leader che sminuisca e ignori la sfida. In questa lotta titanica, la concorrenza agguerrita avanzerà l’innovazione. Ai clienti, il guadagno. Almeno finché Davide non abbia buone idee e pensi in modo diverso.

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Commenta

Send this to friend