Archivio dei tag condivisione

Federica DiFederica

Condividere una buona azione sui social network: egocentrismo o un modo per dare l’esempio?

Sebbene a volte non ne siamo testimoni, ogni giorno avvengono gesti di gentilezza che ammorbidiscono il cuore di chiunque. In questi casi, le persone tendono a comportarsi altruisticamente, lasciando da parte i propri interessi per aiutare qualcuno.

Tuttavia, vivendo nell’era della comunicazione, molte persone criticano quanti pubblicano le proprie opere sui social network. A questo proposito, gli atti di gentilezza dovrebbero essere fatti in modo disinteressato, quindi pubblicarli sui social network e far loro eco non è altro che uno spettacolo di egocentrismo e desiderio di attirare l’attenzione. In questo senso, aiutare gli altri attirando l’attenzione anziché perseguire l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore, rappresenta una strategia per dirigere il centro dell’attenzione su se stessi.

D’altra parte, c’è chi sostiene che pubblicare un’opera buona sui social network, indipendentemente dalle motivazioni alla base dell’atto, possa avere un effetto positivo sul comportamento del resto della società.

Come vediamo, la condivisione di un atto di gentilezza nei social network può essere interpretata in due modi che possono sembrare contrari. Tuttavia, se analizziamo i processi che mantengono il comportamento umano, possiamo sviluppare uno sguardo più approfondito al fenomeno e capire che, in alcuni casi, le cose non sono così dicotomiche come sembrano.

 

Condividere un atto di gentilezza sui social network è egocentrico?

L’egocentrismo può essere inteso come un tratto della personalità o una tendenza comportamentale per cui le persone agiscono, quasi esclusivamente, per i propri interessi, a scapito dei bisogni degli altri. Nel caso che ci riguarda, le persone che condividono i loro atti di gentilezza nei social network sono egoiste perché, invece di agire per il bene degli altri, lo fanno ricevendo attenzione e nutrendo il loro ego.

In altre parole, questo comportamento è criticabile sulla premessa che i loro atti di gentilezza, anziché perseguire l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore, sono stati progettati per ricevere il riconoscimento e l’approvazione degli altri, e ciò serve da nutrimento per l’ego. Si potrebbe dire allora che sarebbe un atto di propaganda personale.

Tuttavia, prima di rimproverare queste motivazioni, dobbiamo tenere a mente due fattori. In primo luogo, considerando che l’essere umano è una specie sociale, il riconoscimento dei loro coetanei è una fonte importante di motivazione per gran parte del nostro comportamento. D’altra parte, quando le persone fanno qualcosa che le fa sentire bene, tendono a ripetere quel comportamento in futuro. È ciò che è noto come principio del piacere. Analizziamo questi fattori.

 

Perché le persone condividono le loro buone opere sui social network?

Il comportamento umano può essere spiegato in termini di vari fattori. In particolare, si sostiene che le persone condividono le loro buone opere perché li fanno sentire bene con se stessi e con l’obiettivo di ricevere l’approvazione degli altri. Questo è ciò che la scienza dice a riguardo.

 

Principio di piacere

Molti teorici sostengono che il comportamento dell’essere umano è motivato dall’edonismo. Ciò implica agire su ciò che ci dà piacere ed evitare ciò che è spiacevole. In questo senso, ripeteremo i comportamenti che ci fanno sentire bene con noi stessi e, allo stesso tempo, evitiamo ogni forma di disagio.

Se prendiamo questi approcci per analizzare il comportamento di coloro che condividono i loro atti di gentilezza nei social network, potremmo dire che, invece di agire in modo altruistico, sono motivati ​​dal principio del piacere. Questo, secondo alcune correnti morali, distoglierebbe gli atti di gentilezza, poiché, piuttosto che voler aiutare gli altri, le persone cercano di sentirsi bene con se stessi. Tuttavia, lasciando da parte la morale, un campo di analisi rovinato dalla soggettività, è possibile comprendere questo comportamento dal punto di vista scientifico.

A questo proposito, gli esperti del comportamento umano affermano che il comportamento, umano e animale, è soggetto ai principi dell’apprendimento. In generale, questi principi stabiliscono che qualsiasi comportamento che si traduca in conseguenze piacevoli verrà mantenuto nel tempo e verrà ripetuto in futuro.

Inoltre, i comportamenti che implicano conseguenze spiacevoli smetteranno di ripetersi in futuro. Secondo questo principio, se una persona mostra un atto di gentilezza, la condivide nei social network e questo gli dà piacere, sarà più propenso a ripetere questo comportamento in occasioni future.

Ora, non si tratta di giustificare questo comportamento. Piuttosto, l’obiettivo è separare la spiegazione scientifica di questo comportamento dalla sua valutazione sulla base di criteri morali.

La condivisione delle buone opere nei social network, indipendentemente dalla loro valutazione morale, sarà ripetuta in futuro, questo genera un senso di benessere, poiché fa parte della natura umana. D’altra parte, come vedremo in seguito, rendere pubblico un buon lavoro, genera riconoscimento da parte degli altri, che rappresenta anche una grande fonte di motivazione per l’essere umano.

 

Riconoscimento sociale

È risaputo che l’essere umano è una specie biopsicosociale. Ciò significa che il comportamento umano è inteso in termini di interazione tra i loro processi biologici e psicologici, inquadrati nelle convenzioni sociali delimitate e accettate dalla comunità a cui appartengono.

Pertanto, un’importante fonte di motivazione per l’essere umano ruota attorno all’approvazione e al riconoscimento degli altri. In particolare, varie indagini hanno dimostrato che il riconoscimento degli altri è una forza potente che ci spinge a comportarci in modi diversi.

Nel caso di persone che condividono le loro buone opere nei social network, si potrebbe dire che stanno cercando il riconoscimento e l’approvazione degli altri. Tenendo conto di questo, oltre a qualificare l’evento come buono o cattivo, un compito che riguarda il campo della moralità, può essere spiegato scientificamente.

In questo modo, quando una persona pubblica i suoi atti di gentilezza e riceve interazioni positive dal gruppo sociale a cui appartengono, sarà più probabile che ripeterà questo comportamento in futuro.

In sintesi, si può affermare che il comportamento oggetto di analisi, oltre ad essere messo in discussione morale, può essere spiegato in termini di principi di apprendimento che determinano quali comportamenti sono parte del repertorio comportamentale degli individui.

D’altra parte, seguendo nel campo della scienza, la condivisione di atti di gentilezza nei social network può avere effetti positivi sulla società.

 

Quali effetti potrebbe avere la condivisione di buone opere sui social network?

Le nostre influenze comportamentali sono compromesse dall’ambiente, quindi ogni nostro comportamento ha un effetto sulle persone che ci circondano e il comportamento degli altri ha un effetto particolare sul patrimonio.

A questo proposito, molti sostengono che pubblicare atti di gentilezza nei social network e nei diversi media può servire da esempio per altre persone a comportarsi in modo simile. Vediamo cosa dice la scienza al riguardo.

 

Apprendimento sociale

Una delle teorie che sono state usate più ampiamente per comprendere e spiegare il comportamento umano è la teoria dell’apprendimento sociale di Albert Bandura. In generale, questa teoria afferma che le persone imparano e sviluppano comportamenti dall’osservazione di altri individui.

Nella nostra vita quotidiana, osserviamo costantemente il comportamento di chi ci circonda, che funge da modello. Questa esposizione al comportamento degli altri influenza il nostro stesso comportamento.

Per provarlo, Bandura ha progettato un esperimento. Due gruppi di bambini, inizialmente, sono stati esposti a una serie di video e poi sono stati osservati mentre giocavano liberamente in una stanza piena di vari tipi di giocattoli.

Nello specifico, mentre un gruppo di bambini è stato esposto a video di contenuto aggressivo, l’altro gruppo di bambini ha osservato produzioni con contenuti neutri. Successivamente, è stato osservato che i bambini che avevano guardato video violenti tendevano a giocare in modo molto più aggressivo nella seconda fase dell’esperimento.

Esempi come questo si verificano costantemente nelle nostre vite quotidiane. I bambini imparano osservando i loro genitori, gli adulti imparano osservando quelli che ammirano, ecc. Non per niente, i saggi invitano a insegnare con l’esempio.

Sulla base di ciò, la condivisione di atti di gentilezza nei social network potrebbe servire da esempio per le persone a imitare questo comportamento. Ecco perchè le persone esposte a questo tipo di contenuti nei social network potrebbero sentirsi più motivate a comportarsi nello stesso modo se la percepiscono come una buona azione e se ciò comporterà conseguenze piacevoli nell’immediato futuro.

Ora, una volta compreso il motivo per cui le persone condividono i loro atti di gentilezza e quali effetti ciò può avere sulla società, resta da stabilire se, in definitiva, si tratta di comportamenti egoistici o di un esempio.

 

Quindi, egocentrismo o esempio?

Come abbiamo visto, le persone condividono i loro atti di gentilezza nei social network perché li fanno sentire bene e questo gli fa ottenere riconoscimento dagli altri. In questo senso, si potrebbe dire che, essendo motivati ​​dal principio del piacere, questo è un atto di egocentrismo.

Allo stesso tempo, è stato osservato che questo può aumentare la probabilità che altre persone si comportino in modo simile e ripetere gli stessi atti di gentilezza in altri scenari. Tenendo presente questo, è anche possibile affermare che è un modo di dare l’esempio.

Tuttavia, quando ci riferiamo alle cause del comportamento, possiamo renderci conto che, indipendentemente dalle motivazioni intrinseche di ogni persona, questo tipo di comportamento è parte della natura umana, perché tendiamo a fare cose che ci fanno sentire bene e cercano il approvazione di chi ci circonda.

Così, ci saranno persone che fanno questo per attirare l’attenzione, mentre ci saranno altri che lo fanno per mostrare al resto della gente che, con le nostre azioni, possiamo rendere il mondo un posto migliore. Infine, ci saranno quelli che ne approfittano per ottenere particolari guadagni.

Tuttavia, poiché fa parte della natura umana, è possibile comprenderlo e spiegarlo da una prospettiva scientifica. Dipenderà dai principi morali di ognuno per decidere se questo è buono o cattivo.

Send this to friend