Chi parla come un leader dovrebbe eliminare queste parole dal suo vocabolario

parole-comunicazione

Quello che diciamo e come lo diciamo ha senza dubbio un effetto su chi ci circonda. Quindi, negli anni abbiamo imparato l’importanza dell’oratoria e della retorica quando comunichiamo con gli altri. O, almeno, avremmo dovuto. Ed è senz’altro così per alcuni, ma non per tutti. Essere un leader non significa dare ordine, quello lo fa il capo che demanda e non vuole sporcarsi le mani. E’ quello che parla in prima persona singolare, dimenticando una ben più importante prima personale plurale.

Nel tempo, abbiamo imparato che i tratti negativi come l’egoismo, l’inganno o l’aggressività non portano a nulla. Le parole con connotazioni negative o minimizzanti troncano anche il nostro sviluppo e modificano il modo in cui gli altri ci percepiscono.

Lo vediamo in TV, soprattutto per bocca di politici che violentano la lingua italiana con una raffica di “io”, “voglio”, “i miei”, e molto altro. Quando sarebbe molto meglio rendersi conto che, per migliorare la propria immagine personale e il modo in cui si comunica, sarebbe più opportuno usare parole o espressioni più tolleranti, inclusive, accoglienti.

 

“Se”

Implica una possibilità futura che non si è concretizzata. Sicuramente, il 2020 doveva essere un anno di pausa e avremmo potuto includere molti “se” nel nostro vocabolario, ora è il momento di eliminare completamente quelle parole. Non sarà più un “se potessi fare quel corso“, “se parlassi con” e via discorrendo. Nel 2021 è tempo di riportare nella nostra vita azioni ed eventi concreti, ecco perché faremo quel corso, parleremo con quella persona, senza condizioni.

“Credo”

Sebbene “credo” sia un modo comune per esprimere la nostra opinione, non è sempre la migliore alternativa in molti contesti. Infatti, ci sono occasioni in cui è meglio propendere per un approccio più deciso e concreto.

Ad esempio, parlare con un team di lavoro e usare il “credo” toglierà forza e concretezza ai propri commenti. “Credo che quest’anno andrà meglio” non sarà mai così potente come un “Quest’anno andrà meglio“, soprattutto perché i nostri cervelli sono naturalmente disposti a preferire i fatti.

“Solo”

Questa semplice parola è in grado di togliere tutta la forza e l’importanza di un’azione o di una posizione. Dicendo “Sono solo il coordinatore del team“, si sta già abbassando l’importanza del proprio ruolo nella mente dell’interlocutore. Quindi, anche la sua valutazione della nostra performance o del nostro lavoro non sarà dei migliori.

“Abbastanza”

Sebbene la parola da sola non abbia un effetto negativo, il contesto in cui viene utilizzata può darglielo. In un momento di trasformazione e miglioramento cruciale come il 2021, “fare abbastanza” non sarà all’altezza della situazione. Dopo essere stati bloccati per tutto il 2020, questo 2021 è il nostro momento per uscire dagli schemi, battere l’asticella e andare oltre, superando le nostre stesse aspettative e raggiungendo di gran lunga i nostri obiettivi nel processo.

“Dovrebbe”

Dobbiamo anche eliminare questo tipo di parole dal nostro vocabolario a causa del carico che veicolo. Dicendo a qualcun altro “dovresti fare questo” si sta ponendo un peso, una responsabilità o un obbligo con una semplice frase. Sebbene sia vero che tutti abbiamo dei doveri, il modo in cui li assegniamo o li ricordiamo farà la differenza nel modo in cui vengono ricevuti.

D’altra parte, dire a noi stessi “dovrei iniziare un tale progetto” di per sé non ha un problema. Tuttavia, come nel caso precedente, la parola dà un peso alla situazione che fa sentire il compito come un obbligo e che probabilmente ci sottolinea di più nella pianificazione e nell’esecuzione.

“Potrei”

Questa parola ha l’effetto opposto di “dovrebbe”. Dove il primo è molto decisivo, questa è troppo lassista. Un “potrebbe” non è né un’affermazione né una negazione. Un po’ come “se”, è semplicemente una possibilità.

Il meglio che possiamo fare è rimuovere queste parole dal nostro vocabolario e sostituirle con elementi più forti come “posso”. Nella prima abbiamo solo la possibilità, mentre in “Io posso” vediamo il desiderio, la volontà, l’intento; si tratta di qualcosa di molto più concreto, palpabile e che sembra più reale.

“Un po’”

In questo caso, parliamo di questa come una delle parole da eliminare dal vocabolario in casi molto specifici. Ovvero, quando la usiamo come misura della nostra volontà o certezza su qualcosa.

Sono un po’ sicuro“: frasi come queste sono vuote quando cerchiamo l’intento o la vera disposizione, poiché in realtà non ci danno quasi nessuna informazione. Per casi come questi è meglio essere più chiari e diretti. Ad esempio, è possibile dire che siamo “al 75% ​​sicuri“.

“Ma”

Il “ma” annulla il messaggio, la nostra volontà e anche quello che vogliamo trasmettere. “È molto gentile, ma un po’ amareggiato“: il messaggio che giunge, alla fine, è “non poco amareggiato“. Allo stesso modo, in altre circostanze come “Mi piacerebbe vederti, ma sono impegnato” accade la stessa cosa: l’unica parte del messaggio che rimane è la fine.

Il meglio che possiamo fare è sostituire il ma con altre parole meno minimizzanti. Ad esempio, abbiamo la congiunzione “e”. Chiaramente non in tutte le situazioni funzionerà, ma si tratta di adattarci per esprimere la nostra piena opinione, senza per questo annientare il messaggio.

“Non c’è niente che possa fare”

Questa frase è semplicemente una bugia che diciamo a noi stessi. Usandola scegliamo di conformarci, di essere vittime di una situazione alla quale non prendiamo parte. In realtà, ci saranno casi in cui le cose sfuggono al nostro controllo. Anche così, ci sarà sempre qualcosa che possiamo fare, non importa quanto piccolo possa sembrare, sarà un progresso, un miglioramento o un aiuto.

“Tu non capisci”

Eliminare queste parole dal nostro vocabolario nel 2021 sarà fondamentale. Con questa espressione, cancelliamo o limitiamo l’accesso che potremmo avere alla prospettiva di un’altra persona. Dicendo ciò, invalidiamo la sua opinione, visione e possibili pensieri.

Con questo, non solo ci chiudiamo a nuove idee, ma colmiamo anche le lacune di comunicazione con l’altra persona, che probabilmente può sentirsi ignorata, incompresa e non apprezzata. Il meglio che possiamo fare è avere un approccio aperto e invitare il dialogo. Anche se una persona non è pienamente informata su un argomento, ciò non implica che non possa riflettere su di esso e dare opinioni preziose.

Send this to friend