hopper

Il mondo come lo conosciamo potrebbe non essere più lo stesso che conoscevamo prima. L’economia globale ha rallentato, le persone vivevano ed altre ancora vivono in isolamento e il bilancio delle vittime di un assassino invisibile è aumentato esponenzialmente nel corso dei mesi. La pandemia di coronavirus ha imposto una dura realtà di lutto, malattia e disoccupazione. Molte persone stanno già affrontando difficoltà finanziarie e incertezze sulle prospettive di lavoro future.

I primi dati suggeriscono che l’impatto psicologico immediato della pandemia è sostanziale. Ci sono anche dati più edificanti, tuttavia, che suggeriscono come l’esperienza potrebbe aiutarci a cambiare il nostro stile di vita in meglio. Ma siamo davvero sicuri che le persone siano in grado di cambiare il proprio comportamento, cercando di migliorarsi, imparando dal passato per ricostruire un futuro?

Sappiamo che le crisi possono portare alla rabbia e alla paura. A livello di comunità, queste emozioni possono scendere in atti di capro espiatorio, stigmatizzazione e discriminazione. Gli shock ambientali e le epidemie possono anche rendere le società più “egoiste”, eleggere leader autoritari e mostrare pregiudizi verso gli estranei. Sappiamo anche che la disuguaglianza sociale esistente – una minaccia per la salute mentale – acuisce dopo eventi tragici. Qualsiasi sofferenza psicologica tende ad essere amplificata in coloro che sono meno fortunati.

A livello di base, comportamenti di salute positivi sono importanti per raggiungere il benessere individuale, come mangiare in modo sano, dormire bene e fare attività fisica. Ciò implica andare oltre noi stessi e servire qualcosa di più grande. Legami e comunità sociali positivi sono quindi essenziali. Le relazioni sociali gettano le basi per l’identità personale e il nostro senso di connessione con gli altri. Ciò provoca emozioni positive in una relazione a spirale ascendente.

Recenti ricerche e lavori scientifici dimostrano anche che abbiamo un bisogno innato di essere connessi con la natura per sentirci bene. Gli individui che trascorrono regolarmente del tempo a contatto con la natura tendono ad essere più felici e hanno un maggiore senso del significato nella vita. Sfortunatamente, non è più possibile discutere il legame tra ambiente e felicità senza considerare la principale minaccia che è il cambiamento climatico antropogenico. Ciò può dare origine ad uno stato di dolore, disperazione e malinconia che deriva da un cambiamento ambientale negativo.

I punti in comune tra la pandemia di coronavirus e il cambiamento climatico sono netti. Entrambe le sfide rappresentano problemi “ambientali” che sono guidati socialmente. Una grande differenza, tuttavia, è la nostra reattività globale verso l’una, ma non verso l’altra.

 

Il cambiamento è possibile

La parola cinese per “crisi” è formata da due caratteri, uno per pericolo e un altro per opportunità. Durante la pandemia, molte persone sono state costrette a lavorare da casa, riducendo sostanzialmente il tempo trascorso in viaggio e l’inquinamento atmosferico. Questo cambiamento può continuare, se ne vediamo il valore.

Sebbene non senza le sue sfide, le prove di modelli di lavoro flessibili, come la settimana lavorativa di quattro giorni, o lo smart working, dimostrano anche una serie di benefici per il benessere individuale .

Il coronavirus ci pone una domanda: perché dovremmo voler tornare completamente allo status quo del maniaco del lavoro quando l’obiettivo finale può essere raggiunto in modo diverso, supportando il benessere, la produttività e la sostenibilità ambientale? Ogni piccolo cambiamento positivo ci aiuta a sentirci ulteriormente potenziati. La pandemia, dopo tutto, ci ha insegnato che possiamo andare avanti senza fare acquisti eccessivi e fare voli a lungo raggio per le vacanze.

Vi sono prove che possiamo apportare cambiamenti comportamentali a seguito di una crisi. Sappiamo che alcune misure preventive, come l’igiene della persona, possono diventare abituali a seguito di una pandemia virale.

 

Conservare il cambiamento

Detto questo, la ricerca mostra che i cambiamenti positivi generalmente diminuiscono nel tempo. In definitiva, privilegiamo il ripristino delle funzioni sociali anziché le azioni a favore dell’ambiente. Mantenere qualsiasi cambiamento nel comportamento è difficile e dipende da molti fattori tra cui motivi, abitudini, risorse, autoefficacia e influenze sociali.

Esperienze psicologiche positive, emozioni e un nuovo senso dello scopo possono essere la chiave per guidare motivi non coscienti verso comportamenti ecosostenibili. Prove emergenti suggeriscono anche che l’educazione ambientale e le attività basate sulla natura possono facilitare la socialità e la comunità.

Comprendere che i nostri mondi psicologici, sociali, economici e naturali fanno parte di un sistema interconnesso facilita anche un’etica ecologica per proteggere e preservare il mondo naturale. Per raggiungere questo obiettivo, gli interventi basati sulla promozione di positività, gentilezza e gratitudine potrebbero essere efficaci. Sappiamo che queste cose portano a transizioni positive sostenibili. La meditazione focalizzata sull’amore e sulla gentilezza consente anche emozioni positive e un senso personale di connessione con la comunità.

Un altro intervento che può ridurre lo stress e promuovere il benessere psicologico è scrivere un diario. Ciò potrebbe persino aumentare il comportamento pro-ecologico una volta completato in natura.

 

La responsabilità del governo

Alcuni problemi sono semplicemente impossibili, per l’individuo, da risolvere da soli. Il cambiamento positivo da parte degli individui sarà probabilmente temporaneo o insignificante, se non rafforzato dalla politica o dalla regolamentazione. Organizzazioni, industria e governo hanno una grande responsabilità nel promuovere cambiamenti positivi.

Un primo passo sarebbe quello di consentire il benessere di tutti i cittadini, superando le minacce di disuguaglianza, xenofobia e disinformazione all’indomani della pandemia. Se non riusciremo a farlo, alla fine trascureremo le opportunità di cambiamento positivo e rischieremo la sopravvivenza stessa della nostra specie. Ciò che decidiamo di fare oggi e dopo l’attuale crisi è di fondamentale importanza.