Sui social network si scrive di più, ma peggio

Federica DiFederica

Sui social network si scrive di più, ma peggio

Sono migliaia le persone che affermano di odiare gli errori di ortografia sui loro profili Facebook. Ci sono altri utenti, invece, per cui una “h” di troppo o in meno non fa alcuna differenza. Un’altra fetta di utenza rimane indifferente, affermando che, trattandosi di social networking, si può scrivere in qualsiasi modo, purché si scriva.

E no, non funziona proprio così. Con l’introduzione dei social network nelle nostre vite, la parola d’ordine è ormai diventata visibilità. Oggi, qualsiasi argomento, storia o microstoria, scambio di opinione o stato d’animo – o status – diventa pubblico. E gli errori diventano più evidenti.

Scrivere bene è anche una questione di reputazione e credibilità . Le reti sociali non denunciano la scrittura. La gente cerca di scrivere bene. Ad esempio, se si legge la recensione di un hotel o di un ristorante, tra due scritte bene e male, la prima acquista sempre più credibilità della seconda. Fateci caso.

Gli errori ortografici in Internet, però, sono frequenti. Basta dare un’occhiata ai commenti pubblicati sui profili di qualsiasi social media cui si è iscritti. Per lo più sono camuffati dalle classiche sviste: parole usate nel linguaggio informale di tutti i giorni, va bene. Va bene anche l’uso della cadenza di un dialetto particolare. Ma non è mai bene il caso di impoverire una lingua – nel nostro caso l’italiano.

“Hanno”, “piuttosto che” e “ci vediamo a studio”

Ogni social network ha il suo modo di scrivere e di interfacciarsi con gli altri. Se su Facebook non ci sono limiti, twittare richiede anche un potere di sintesi. Twitter, con il limite di 140 caratteri, incoraggia l’immaginazione. Onomatopea, acronimi, emoticon: uno stile di linguaggio più diretto. Ma, questi, non sono altro che “diversi record”. E, probabilmente, è anche per questo che soffre un po’ della concorrenza.

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Commenta

Send this to friend