Stop al razzismo e all’ignoranza sui social network

Federica DiFederica

Stop al razzismo e all’ignoranza sui social network

Perché diffondiamo l’ignoranza sui social network? Perché tutti si sentono portavoce e opinionisti di quanto accade nella vita? Tutto scorre, tutto è social. Anche l’ignoranza. Che scorre. Fluisce.

Armatevi di pazienza e coraggio e fate caso ai tweet o post razzisti che pullulano su Twitter o Facebook. Nella timeline, speso, sfuggono, scivolano, disturbano, stonano con il resto dei contenuti che, al contrario, ci interessano. Quel che dispiace è la consapevolezza di un razzismo e di una ignoranza social, oltreché di altre cose insopportabili. Si rimane perplessi. E ancora più perplessi perchè dietro quei post e tweet si nascondono in particolare persone che ripartiscono l’odio, alcune delle quali considerate anche all’unanimità influencer.

racism

Il razzismo sui social network

Ecco il mio problema. Quando vedo i tweet o i post razzisti retweeted o ricondivisi, l’impulso è di clic sull’avatar per vedere chi è l’autore originale. Quando poi si considera il numero di “Like”, followers e di seguaci, qualche domanda me la pongo. Alcuni sono anche a doppia cifra. Le persone, probabilmente, non pensano che quando postano le parole hanno un peso. Perchè scrivere su un social non solo rimane, ma fa breccia. E’ una miccia che prende fuoco: queste persone scrivono, chi li legge condivide. I loro seguaci poi retweeted e retweeted ancora. Il rancore e l’odio si moltiplica e si diffonde.

Naturalmente, si potrebbe sostenere che si tratta di consapevolezza e responsabilità. Non credo che amplificare e sollecitare la risposta collettiva di tali persone non influenti porti ad estirpare il razzismo o produca altri risultati positivi, rispetto a quanto cercano di fare molti attivisti online.

Probabilmente, queste persone avranno anche un altro lavoro. Una vita “normale” che, di facciata, li racconta come persone tranquille. Ma che, alla fine della giornata, e dietro il rassicurante schermo di un pc o di uno smartphone, in anonimato, dà voce a razzisti sociali, rendendo il mondo un posto peggiore.

Tutto questo ispira e fomenta l’ignoranza, una volta che altri ignoranti e trolls realizzano che gli influencer sono disposti a dare la loro voce. Dal basso verso l’alto.

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Commenta

Send this to friend