L’impatto dei social network sul genere

Federica DiFederica

L’impatto dei social network sul genere

Il concetto di genere si riferisce alle differenze socialmente e culturalmente costruite tra donne e uomini. In tutte le società, ci sono norme e regole di genere che pretendono di basarsi su aspetti biologici, come ad esempio la custodia dei bambini, ma che variano considerevolmente tra le diverse società e nel corso della storia. La tecnologia sta giocando un ruolo sempre più significativo in questa discussione, sia per sfida sia nell’esprimere convenzioni culturali.

Trasformazione o conformità?

Precedenti studi riguardo l’impatto di Internet sul genere sembrano ognuno contrapposti all’altro. Alcuni studiosi sono rimasti colpiti dal modo in cui l’anonimato del web abbia permesso alle persone di apparire in uno modo completamente diverso dalla realtà, come ad esempio camuffando il sesso o addirittura ripudiando qualsiasi altro aspetto fisico. In primo luogo, questo ha mostrato quanto sul genere è stato costruito culturalmente, ma ha anche fatto sembrare che il “mondo online” potrebbe diventare uno spazio liberale senza precedenti, permettendo che le donne e gli uomini possano svolgere liberamente la propria identità artificialmente creata. Allo stesso tempo, altri studiosi hanno indicato come la nuova tecnologia e i nuovi stereotipi, come “il geek” perpetuato, ampliato e le norme di genere – tra cui il dominio dei maschi nella maggior parte delle società – abbiano confermato il tanto spesso descritto patriarcato.

Le tecnologie digitali, dunque, non sono né patriarcali né liberatorie. Esse semplicemente creano un potenziale, che si manifesta a seconda dei contesti in cui sono incorporate. Questo vale anche per i social media. Questi ultimi possono essere sia più conservatori, ma anche trasformativi di funzionalità offline precedenti.

L’idea che Internet potrebbe favorire un nuovo spazio liberale per la possibilità ungendered si basava in gran parte sulla crescita delle stanze di chat anonime e sui forum online, che hanno facilitato la creazione di identità false e, in tal modo, comportamenti di genere non conformi. Ma, i social media hanno ora sostituito questi spazi online più anonimi con quelli più trasparenti che, nella maggior parte dei casi, riguardano la presenza online di un contesto più ampio. Questo produce due conseguenze principali comuni alla maggior parte delle comunità.

La conformità pubblica

In primo luogo, gli spazi più pubblici dei social media rafforzano soprattutto le norme di genere preesistenti e le aspettative. Se non altro, le persone sono ora meno disposte a comparire online come “se stesse” e più inclini a utilizzare i social media per mostrare quanto bene possano svolgere questi ruoli di genere ideali. Ad esempio, nel sud dell’India una funzione chiave dei social media è quella di presentare la famiglia ideale. E come in questo caso, in moti altri paesi.

Quindi, se torniamo al discorso iniziale, i social media sono stati utilizzati sia per la riproduzione e anche per la trasformazione dei ruoli di genere tradizionali. La scoperta principale è che questi possono essere simultanei e si verificano spesso in modo del tutto imprevedibili e in modo diverso all’interno del contesto specifico in cui li si incontra.

Ormai v’è una generalizzazione chiara evidente nel modo in cui i social media sfidano le norme di genere tradizionali. 

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Commenta

Send this to friend