social-media-comportamenti

Fateci caso – e soprattutto oggi, stando più spesso a casa, è cosa molto frequente: iniziate a seguire siti con argomento salute e fitness (ma qualsiasi altro argomento, dalla cucina allo shopping, dai motori allo smalto per unghie), su Instagram o Facebook. Presto, una valanga di account, gruppi, post e annunci relativi al fitness vi inondano la timeline. Continuate a cliccare e a seguire e, ben presto, entrambi i social si riempiono di persone in forma, materiale motivazionale e pubblicità. Tutto questo vi è familiare, vero?

Mentre gli algoritmi e il nostro cervello ci portano in giro per feed infiniti, realizziamo che oggi la regola è: più personalizzato è il tuo gruppo, le persone e le pagine, meno tempo e denaro ci vorranno per venderti idee correlate. Saranno invece gli ambasciatori del marchio a diffondere prodotti, idee e ideologie con passione e gratuitamente.

Ecco che, allora, trapelano ansia e stress. E pensiamo con quanta facilità la società viene manipolata nel tribalismo nell’era dei social media. Come uscirne vivi? Riflettiamoci insieme.

 

Un pandemico qui ed ora

Quelli di noi abbastanza grandi da sapere com’era la vita prima che i social media possano ricordare quanto fosse eccitante e accattivante Facebook quando è nato.Ricordiamo la capacità di entrare in contatto con vecchi amici che non vediamo da decenni! Quindi, Facebook è stata la novità di una conversazione virtuale dinamica. Questa brillante idea di connettersi con altri con esperienze e interessi condivisi è stata rafforzata con l’avvento di Twitter, Instagram ed altre app simili.

Le cose non sono rimaste così semplici. Queste piattaforme sono diventate i mostri di Frankenstein, piene di cosiddetti amici che non abbiamo mai incontrato, notizie di parte, pettegolezzi sulle celebrità, auto-esaltazione e pubblicità.

L’intelligenza artificiale dietro queste piattaforme determina ciò che vedi in base ai tuoi social media e alla tua attività sul web, incluso il tuo coinvolgimento con pagine e annunci. Ad esempio, su Twitter puoi seguire i politici che ti piacciono. Gli algoritmi di Twitter rispondono rapidamente e ti mostrano più post e persone legate a questa o altra tendenza politica. Più ti piace, segui e condividi, più velocemente ti ritrovi a muoverti in quella direzione. C’è, tuttavia, una sfumatura: questi algoritmi che ti seguono in generale sono innescati dalle tue emozioni negative, comunemente impulsività o rabbia.

Di conseguenza, gli algoritmi amplificano il negativo e poi lo diffondono, condividendolo tra i gruppi. Questo può svolgere un ruolo nella rabbia diffusa tra coloro che sono coinvolti in un contesto politico.

 

La tribù digitale

Gli algoritmi ci espongono principalmente all’ideologia di una “tribù digitale”, nello stesso modo in cui il mondo Instagram è diventato ad uso esclusivo solo di persone attive e di grandi dimensioni di popolarità. I membri di ciascuna “tribù “continuano a consumarsi e nutrirsi a vicenda con la stessa ideologia, mentre vigilano le loro controparti su un’ipotetica apertura agli “altri”.

In ogni caso, siamo intrinsecamente creature tribali; ma, soprattutto quando siamo spaventati, regrediamo ancora di più al tribalismo e tendiamo a fidarci delle informazioni che ci vengono trasmesse dalla nostra tribù e non da altri. Questo di solito è un vantaggio evolutivo. La fiducia porta alla coesione del gruppo e ci aiuta a sopravvivere.

Ma ora, quello stesso tribalismo – insieme alla pressione dei pari, emozioni negative e un temperamento esplosivo – spesso porta all’ostracismo da parte di coloro che non sono d’accordo con te.

Livelli più elevati di utilizzo dei social media e l’esposizione a notizie pubblicizzate sulla pandemia sono associati a un aumento della depressione e dello stress. E più tempo si trascorre sui social network più questo è correlato a una maggiore ansia, che può creare un ciclo negativo.

 

Matrix pensa

Lo stesso pensiero umano è stato trasformato. Ora è più difficile per noi capire il “quadro generale”. Al giorno d’oggi, leggere un libro è uno sforzo lungo, troppo per alcune persone. La cultura del roll and slide ha ridotto la nostra capacità di attenzione (in media, le persone trascorrono da 1,7 a 2,5 secondi su un elemento del feed di notizie di Facebook). Ha anche disabilitato le nostre capacità di pensiero critico. Anche le notizie veramente importanti non durano nel nostro feed per più di poche ore; dopotutto, la prossima grande storia di successo deve ancora arrivare.

Prima di tutto, la nostra esposizione sociale era principalmente verso la famiglia, gli amici, i parenti, i vicini, i compagni di classe, la TV, il cinema, la radio, i giornali, le riviste e i libri. E questo era abbastanza. C’era diversità e una dieta informativa relativamente sana con un’ampia varietà di sostanze nutritive. Conosciamo sempre persone che non hanno necessariamente opinioni simili alle nostre, ma vivere con loro fa parte di un contesto di vita normale. Ora queste diverse voci sono diventate più distanti: “le altre” che amiamo odiare sui social media.

 

C’è una medicina?

Dobbiamo riprendere il controllo, innanzitutto. E poi è bene seguire 7 semplici regole per disconnetterci da questo vortice:

    1. Rivedere e aggiornare le preferenze sugli annunci sui social media almeno una volta all’anno;
    2. Confondere l’intelligenza artificiale contrassegnando tutti gli annunci e i suggerimenti come “non pertinenti”;
    3. Esercitarsi ad essere più inclusivi. Visitare altri siti, leggere le notizie e non bloccare le persone che la pensano diversamente;
    4. Disattivare le notizie dalla pay-TV e leggere. O almeno mettere un limite disciplinato alle ore di esposizione;
    5. Cercare fonti di notizie meno distorte;
    6. Se pensiamo che tutto ciò che dicono i leader tribali sia assolutamente vero, ripensiamoci;
    7. Essere offline ogni tanto e imparare a trascorrere alcune ore senza smartphone.

Image by MarieXMartin from Pixabay