Archivio dei tag ricerca lavoro

Federica DiFederica

Social network e ricerche di lavoro: i pro e i contro da tenere in considerazione

Chi è in cerca di lavoro si rivolge sempre più spesso ai social network per proporsi ai potenziali datori di lavoro, collaborare con altri professionisti e cercare opportunità di lavoro. Tuttavia, un profilo di social networking non professionale può anche rendere un candidato inadatto, rivelando troppe informazioni personali o poco lusinghiere a un potenziale datore di lavoro. Questa sezione esamina i pro e i contro del social networking per chi cerca lavoro.

Questo breve vademecum può essere applicato a qualsiasi situazione in cui la reputazione di una persona sia importante, come ad esempio:

  • Affittare un appartamento;
  • Uscire con qualcuno;
  • Avviare o mantenere un rapporto professionale, ad esempio come imprenditore indipendente o in posizione manageriale;
  • Impegnarsi in posizioni di volontariato o elettorali;
  • Domanda per college o borse di studio;
  • Essere considerato in un processo di selezione di una giuria.

In che modo i social network possono assistere i candidati alla ricerca di un lavoro

Esistono vari modi in cui i social network possono aiutare nella “caccia al lavoro”. Se un candidato contatta inizialmente un potenziale datore di lavoro via Internet, un profilo su un social network può aiutare a confermare che c’è una persona reale dietro un indirizzo email.

I social network aumentano anche le opportunità di networking. Un candidato può avvisare gli altri di un interesse a trovare un lavoro, così come i dettagli sulla posizione desiderata, pubblicando questo suo interesse su un social. Le reti professionali, come LinkedIn, sono progettate per fornire informazioni sull’istruzione, la storia lavorativa e le realizzazioni a un gran numero di persone. Ci sono anche gruppi professionali o di interesse su una varietà di reti che possono aumentare la visibilità e i contatti.

I potenziali datori di lavoro possono utilizzare i social network per confermare interessi, livello di istruzione e background in modo veritiero. Possono anche conoscere altri interessi che un candidato può avere. Le persone che creano profili di social networking positivi, interessanti e informativi possono sembrare candidati più forti per determinati lavori. Ciò è particolarmente vero, ma non limitato a, lavori che coinvolgono la divulgazione e la comunicazione.

Come i social network  possono ostacolare le persone in cerca di lavoro

I social possono inavvertitamente rivelare informazioni che chi cerca lavoro non può scegliere di rivelare di sé. I potenziali datori di lavoro usano spesso qualsiasi informazione che possono raccogliere su un candidato nel prendere una decisione di assunzione. È importante sapere quali informazioni possono essere viste dai “non-contatti” e considerare quale tipo di conclusioni potrebbero trarne.

Immagini o post poco lusinghieri potrebbero compromettere seriamente la probabilità di essere assunti. Anche se si pubblicano queste informazioni utilizzando impostazioni di privacy restrittive, ci sono molti modi in cui potrebbe diventare disponibile.

Come regola generale, prima di pubblicare qualcosa su un profilo di social network, immaginalo visualizzato su un cartellone sul lato di un’autostrada. Ti sentiresti a disagio nel vederlo lì? Se è così, potresti non volerlo pubblicare affatto.

Sebbene sia illegale e molto difficile da dimostrare, i potenziali datori di lavoro potrebbero discriminare in base alle informazioni disponibili dalle immagini del profilo e altre informazioni facilmente disponibili. Essere consapevoli di rivelare anche informazioni di base come:

  • Età;
  • Genere;
  • Invalidità;
  • Orientamento sessuale;
  • Affiliazioni politiche;
  • Altri gruppi e contatti

Inoltre, i post negativi su un lavoro corrente potrebbero danneggiare le probabilità di un candidato di ottenere un’offerta.

Come i social media possono farti licenziare

I datori di lavoro monitorano sempre più ciò che i dipendenti postano sui siti di social network. In effetti, molte aziende hanno politiche sui social media che limitano ciò che è possibile o meno pubblicare sui siti di social networking sul proprio datore di lavoro. Un sito web, Compliance Building, possiede un database di politiche sui social media per centinaia di aziende. Chiedere quale sia la più appropriate per la tua azienda può essere un buon passo in avanti.

In generale, i post correlati al lavoro hanno il potenziale per causare danni all’azienda. Le leggi anti-discriminazione vietano ai datori di lavoro di disciplinare i dipendenti in base a età, razza, colore, religione, origine nazionale o genere. Se ritieni di essere stato discriminato, contatta un avvocato.

Infine, non esiste una legge che metta a conoscenza del fatto che un datore di lavoro stia verificando o monitorando i dipendenti sui siti di social network. In effetti, i datori di lavoro possono persino assumere società di terzi per monitorare l’attività dei dipendenti online per loro.

Di norma, la seguente guida generale potrebbe aiutare:

  • Le politiche dei datori di lavoro non dovrebbero essere così radicali da proibire il tipo di attività tutelate dal diritto del lavoro federale, come la discussione delle retribuzioni o delle condizioni di lavoro tra i dipendenti;
  • I commenti di un dipendente sui social media non sono generalmente tutelati se si tratta di mere lamentele non fatte in relazione all’attività di gruppo tra i dipendenti.

Send this to friend