Archivio dei tag post

Federica DiFederica

I social network e i pericoli dell’eccesso di condivisione

post condivisione

Viviamo in un’epoca in cui tutto è condiviso, in cui l’emergere di siti e piattaforme di social networking ha aperto un nuovo modo di condividere tutti i tipi di informazioni personali, al punto che la divulgazione di una grande quantità di dettagli personali in Internet è diventato di secondaria (non primaria) importanza per gli utenti.

L’ansia delle persone riguardo alla condivisione non è qualcosa di nuovo. È la prova del desiderio umano intrinseco di voler connettersi con gli altri. Quindi, forse possiamo dire che questo “problema” non sia di responsabilità del fenomeno digitale in sé, ma piuttosto che l’incidenza del digitale è più legata al tipo di informazioni che condividiamo e alle quali permettiamo l’accesso?

Molti utenti non si fermano a pensare ai rischi a cui sono esposti, condividendo informazioni personali su piattaforme social. Lo stesso vale per le poche restrizioni quando si impostano le autorizzazioni delle applicazioni utilizzate su quei siti per filtrare chi può vedere le proprie attività. Se consideriamo che la maggior parte degli utenti utilizza generalmente più di un social network, è molto probabile che un criminale possa costruire un profilo abbastanza dettagliato di un obiettivo di attacco raccogliendo solo informazioni sui propri profili e attività su ciascun dei loro account di social network.

Sopraffatti dalle informazioni personali, i social network sono diventati il ​​territorio ideale per i criminali. Avendo usato questi siti come strumenti di riconoscimento, un criminale informatico può inviare un messaggio mirato (spearphishing) in cui cerca di convincere la vittima a visitare una pagina falsa, che sembra essere legittima, al fine di rubare i tuoi dati di accesso e il tuo denaro. Possono anche manipolarlo per cadere nella trappola di aprire un allegato infetto con un malware che funge da droppercontagocce per altri malware in grado di fare qualsiasi cosa, tra cui il download di dati o la masterizzazione di tutto ciò che scriviamo nel computer attraverso un keylogger.

Questi messaggi possono essere estremamente personalizzati per dare l’impressione di essere stati inviati da un collega, dal momento che questo tipo di strategia ha probabilmente più successo di quelli di massa e automatici. 

È importante capire che il concetto di networking che è al centro delle piattaforme sociali non promuove uno stato di cautela, ma piuttosto il contrario. Molte persone sono disattente sui social network e cliccano su collegamenti malevoli che difficilmente potrebbero essere cliccati se fossero stati ricevuti tramite e-mail.

Sebbene le tecniche di ingegneria sociale siano emerse prima delle piattaforme sociali online, hanno guadagnato slancio con l’arrivo dei social network e hanno aperto nuove strade per il furto di identità, la frode online e altri tipi di reati.

 

Precauzioni contro il fattore umano

Quali misure possiamo prendere per contrastare i rischi di sovra-scambio di informazioni digitali?

Un buon punto di partenza potrebbe essere quello di iniziare a rivedere regolarmente e configurare meglio le opzioni di privacy disponibili su ciascuno dei social network che utilizzi. D’altra parte, quando possibile, si consiglia di limitare il più possibile l’accesso alle persone che possono vedere cosa stai facendo.

Qualcosa che è importante tenere a mente è che, anche impostando le opzioni sulla privacy non appena viene pubblicato qualcosa, perdiamo automaticamente il controllo su ciò che gli altri possono fare con le nostre informazioni.

Detto questo, probabilmente sarà utile limitare le informazioni che pubblichi, specialmente quelle che potrebbero renderti vulnerabile. La cosa più sicura da fare è sempre evitare di pubblicare ciò che non vuoi che il pubblico veda. Inoltre, pensa come un criminale informatico: le informazioni condivise possono essere utilizzate contro di te? Se è così, non dovresti condividerle. 

Diffidare di questi messaggi sospetti, soprattutto quando contengono collegamenti o sembrano troppo belli per essere veri. Questa raccomandazione si applica anche ai messaggi inviati dagli amici, in quanto potrebbero provenire da un criminale informatico che ha attaccato l’account del tuo amico.

Inoltre, sii scettico nei confronti delle persone non familiari che inviano richieste di amicizia attraverso i social network. L’ideale è accettare solo le richieste di amici, conoscenti o persone con cui hai dei veri amici in comune. Internet è pieno di truffatori che sfruttano ogni tipo di manovra. Ci sono anche quelli che hanno intenzione di rubare case sfruttando il fatto che gli utenti pubblicizzano sul mondo che sono in vacanza e che non c’è nessuno a casa.

In breve, sebbene siamo esseri sociali per natura, dobbiamo usare i social network in modo responsabile. 

Federica DiFederica

Come eliminare i tuoi post da Google+e tutta la cronologia da Google

È molto facile eliminare tutte le nostre pubblicazioni dal social network di Google. Se vuoi smettere di mostrare solo alcuni post, procedi come segue:

Passaggio 1: sul tuo dispositivo Android o iOS, accedi al tuo account G +;

Passaggio 2: fare clic sulla pubblicazione che si desidera eliminare e, quindi, andare sul menu “Altro”;

Passaggio 3: fare clic su “Elimina” e “Accetta”.

Lo stesso procedimento è possibile farlo se quello che vuoi è eliminare un commento.

Google+ offre un’opzione ufficiale per eliminare tutte le nostre pubblicazioni e, anche se non automaticamente, è molto semplice eseguirne i passaggi.

Passaggio 1: vai su “Impostazioni”, situato sul lato sinistro del tuo profilo;

Passaggio 2: inserisci “Registro attività”, che si trova nella sezione “Ulteriori informazioni”;

Passaggio 3: Se non è selezionato per impostazione predefinita, fai clic sul menu a discesa verde per vedere tutto ciò che riguarda la tua attività. Seleziona “Pubblicazioni”;

Passaggio 4: fare clic sulla X che accompagna ciascun post. Apparirà un menu per completare la cancellazione.

Non è veloce come un clic, ma è meno noioso del farlo dal profilo.

 

Come eliminare la cronologia di navigazione di Google

Per gli utenti di Google Chrome, questo processo è da eseguire per eliminare la cronologia di navigazione e impedire ad eventuali spioni di sapere quello che cercano:

Passaggio 1: apri Chrome e fai clic sull’icona a tre punti. Lì, devi andare alla Cronologia fino a quando non viene visualizzato un menu, dove dovrai nuovamente cliccare su “Cronologia”;

Passaggio 2: fare clic su “Cancella dati di navigazione”. Verranno visualizzati due menu: “Base” e “Avanzate”. Nella base è possibile indicare se si desidera eliminare la cronologia di 24 ore fa, una settimana fa o sempre. Con la selezione dell’opzione “Cancella cronologia” sarà sufficiente, se preferisci, per eliminare cookie e altri elementi.

In questo modo, cancelleremmo o tenteremo di cancellare ciò che vediamo nei social network. Punto, quest’ultimo, di cui si è dibattuto a lungo di recente poichè sono diventati un’arma a doppio taglio in termini di privacy dei nostri dati e identità.

Leggi anche:

Federica DiFederica

Come rimuovere i tuoi post su Instagram

Continuiamo con il nostro tentativo di cancellare i nostri post dai più disparati social network. E, questa volta, cercheremo di capire come farlo sul social delle immagini per eccellenza: Instagram.

Come nelle piattaforme precedenti, sarà sempre possibile eliminare ciascuno dei post in maniera autonoma e manuale, semplicemente premendo l’opzione “Elimina” nel menu di ciascuna pubblicazione.

Nel caso di Instagram, sia dalla sua versione mobile che quella disponibile in Windows 10, sarà possibile eliminare le foto condivise in modo manuale. Ma se vuoi eliminarle contemporaneamente, un gruppo o tutte, puoi utilizzare uno strumento apposito per Android e desktop.

Per il momento, c’è da segnalare che non esiste un’applicazione che soddisfi veramente il compito di eliminare le foto in modo massivo. Quindi, per evitare problemi con app di dubbia provenienza, è meglio farlo manualmente.

Leggi anche: Come eliminare i tuoi post dai social network in modo massiccio

                          Come cancellare i miei post da Facebook

                          Come rimuovere i tuoi post da Twitter con un’app

Federica DiFederica

Come eliminare i tuoi post dai social network in modo massiccio

Come eliminare i tuoi post dai social network in modo massiccio

Chi si ricorda di Clean Slate? Quel programma, creato da Rykin Data, divenne uno dei tesori più preziosi in The Dark Knight Rises di Christopher Nolan. Il software, ambito da John Dagget, Selina Kyle (Catwoman) e persino Bruce Wayne (Batman) stesso, potrebbe eliminare l’identità di uno qualsiasi dei diversi database con un solo nome. Sicuramente con i recenti eventi che circondano la privacy, più di qualcuno penserà che un tale strumento sarebbe molto utile.

La verità è che esistono già strumenti come Clean Slate. E, anche se non sono così sofisticati da cancellare la nostra identità dal registro nazionale, possono facilitare l’eliminazione dei nostri social network. Queste sono alcune alternative: Deseat.me , JustDeleteMe e AccountKiller.

D’altra parte, è probabile che per molti utenti eliminare i propri account nei social network non sia un’opzione. Anche così, è possibile recuperare un po’ di privacy se esaminiamo attentamente le impostazioni su di essa ed eliminiamo tutte le nostre pubblicazioni. Quest’ultima operazione è complessa, poiché la maggior parte dei social network consente l’eliminazione delle pubblicazioni una per una. Tuttavia, esistono strumenti e metodi che ci consentono di rimuovere in modo massivo il contenuto che abbiamo pubblicato nelle nostre reti.

Iniziamo, quindi, a familiarizzare con questi strumenti e metodi, in modo da poter eliminare in modo massiccio i nostri post su Facebook, Twitter, Instagram e Google+.

To be continued… 

Federica DiFederica

Visualizzazioni e analfabetismo: perchè “postiamo” sui social media

Uno dei risultati più evidenti che emerge da diverse ricerche è che la maggiore enfasi sulla comunicazione visiva all’interno dei social media renda generalmente la comunicazione più accessibile a quanti hanno un basso livello di alfabetizzazione.

Maggiori informazioni

Send this to friend