Come mantenere la privacy su Facebook dopo lo scandalo di Cambridge Analytica

Federica DiFederica

Come mantenere la privacy su Facebook dopo lo scandalo di Cambridge Analytica

L’account utente di Facebook viene utilizzato per molti altri servizi e, spesso, in sostituzione del solito sistema di registrazione tramite email e password. In questo modo, si può accedere a molte altre piattaforme di terze parti o altri sviluppatori, che si tratti di un sito web, di un gioco o di un’applicazione. Allo stesso modo, anche Twitter ha la possibilità di utilizzare l’account utente per accedere ad altri siti, piattaforme o applicazioni mobili.

In questo modo, lo sviluppatore che implementa questa modalità di autenticazione basata su Facebook richiede l’autorizzazione ad accedere a una certa quantità di informazioni personali dell’utente e raggiunge anche i dati di familiari e amici che hanno un account.

Questa è stata la risorsa utilizzata da Aleksandr Kogan, il ricercatore che ha condotto un “thisisyourdigitallife” applicazione con un test di personalità che è riuscito a raccogliere milioni di profili utente con una quantità enorme di dati personali di ciascun utente. La ricerca di Kogan è stata poi venduta a Cambridge Analytica, la società di consulenza sulle comunicazioni strategiche coinvolta nello scandalo sulla manipolazione dei dati riportato da The GuardianThe New York Times.

Come proteggere i dati personali su Facebook

Il social network guidato da Mark Zuckerberg ha una vasta gamma di opzioni per limitare la quantità di informazioni fornite alla piattaforma e agli sviluppatori. In modo tempestivo, la manipolazione dei dati di Cambridge Analytica è correlata alle autorizzazioni che le applicazioni hanno all’interno del social network, che possono essere verificate come segue:

  • dalla versione web per desktop è necessario accedere all’opzione di configurazione situata in alto a destra. Quindi, entrare nel menu di sinistra e scegliere l’opzione Applicazioni. All’interno di Applicazioni è possibile visualizzare tutte quelle che utilizzano l’account Facebook per accedere ai rispettivi servizi. Ognuna di queste autorizzazioni può essere personalizzata e persino rimossa se si tratta di un servizio non riconoscibile o sospetto.
  • Coloro che non desiderano utilizzare l’account Facebook in nessun altro servizio dovrebbero scegliere l’opzione “Applicazioni, siti Web e plug-in” e disabilitare la piattaforma che consente di utilizzare il profilo del social network per accedere ad altri siti web o applicazioni.
  • È inoltre possibile modificare le informazioni che possono essere utilizzate dal creatore di applicazioni, giochi e siti web, quali data di nascita, biografia, città di origine e molte altre categorie di informazioni.

Un punto da tenere a mente è che, se si limita l’accesso a tutti questi dati, alcune applicazioni o siti web potrebbero smettere di funzionare. Quindi spetterà alla decisione dell’utente di analizzare il tipo di autorizzazioni e il grado di condivisione dei dati con queste app utilizzando l’account Facebook.

Vale la pena ricordare che la raccolta di dati condotta da Kogan e utilizzata da Cambridge Analytica non può più essere fatta. E questo perchè, dal 2015, Facebook non consente agli sviluppatori di accedere alle informazioni su amici e parenti che compaiono nell’elenco dei contatti di un account nel social network.

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Commenta

Send this to friend