Archivio degli autori

Federica DiFederica

Privacy sui social network: come stare sicuri, ma essere comunque social

Che cosa hanno in comune il tuo migliore amico di infanzia, il tuo compagno di stanza di università, il tuo capo e il tuo collega? Se sei una delle centinaia di milioni di persone che utilizzano i social network, ci sono buone probabilità che tu sia collegato a loro attraverso una particolare relazione online. Le informazioni che condividi con i tuoi contatti online ti consentono di rimanere in contatto senza troppi sforzi. Ma chi altro sta sbirciando queste informazioni? E come lo useranno?

I social network online sono siti web che consentono agli utenti di creare connessioni e relazioni con altri utenti di Internet. I social media memorizzano le informazioni a distanza, anziché sul personal computer dell’utente. E possono essere utilizzati per rimanere in contatto con gli amici, creare nuovi contatti e trovare persone con interessi e idee simili.

Tuttavia, molte persone, oltre ad amici e conoscenti, sono interessati alle informazioni che la gente pubblica sui social network. Ladri di identità, artisti della truffa, stalker e aziende che cercano una qualsiasi sorta di vantaggio sul mercato utilizzano i social media per raccogliere informazioni sui consumatori. Le aziende che gestiscono i social network raccolgono personalmente una varietà di dati sui loro utenti, sia per personalizzare i servizi per gli utenti che per vendere agli inserzionisti.

Leggi anche: Quali sono i comportamenti rischiosi sui social network – Parte 1

Questa è solo un’introduzione di un discorso più ampio che mira a fornire informazioni sui vantaggi e gli svantaggi dell’utilizzo dei social network, sul tipo di informazioni che possono essere pubblicate in sicurezza e su come proteggerle, nonché su chi è in grado di accedere a diversi tipi di informazioni pubblicate su tali reti.

Non vi resta che seguirmi in questo lungo percorso che ci porterà alla scoperta di un vero e proprio altro mondo parallelo a quello reale, nel quale condividiamo noi stessi. Forse, in modo più leggero, ma che necessita comunque un po’ di attenzione.

Leggi anche: Quali sono i comportamenti sicuri sui social network – Parte 2

Federica DiFederica

Cosa non dovresti condividere sui social network quando sei in vacanza

Gli esperti in cybersecurity avvertono che, durante le feste o i weekend, aumentano i rischi di furto d’abitazione, furto d’identità e truffe. Anche se l’idea non è quella di cadere nella paranoia e arrivare ad eliminare i diversi account sui social media (o non uscire di casa), le seguenti sono alcune considerazioni per tenere conto delle informazioni che condividiamo su internet durante questa stagione di riposo.

La prima cosa da NON fare è “annunciare” che la tua casa è sola. I criminali, infatti, approfittano delle festività natalizie ma anche di molte altre ricorrenze in genere per fare incetta di appartamenti da svaligiare. È facile fare intelligence attraverso i social network. I criminali sfruttano le informazioni che l’utente condivide per sapere se è a casa o no. Possono analizzare dove e per quanto tempo saranno assenti e portare a termine una rapina.

Fotografie, luoghi condivisi e contatti possono essere sufficienti ai criminali informatici per generare un profilo utente con dettagli sul loro comportamento e reddito. È ancora più facile pubblicando una foto del biglietto aereo, con la quale, persino, qualcuno potrebbe tracciare il volo in tempo reale.

I bambini

Sono i più vulnerabili. I bambini sono quelli che più condividono questo tipo di contenuti. Alcuni criminali informatici si fingono minorenni per ingannare gli altri e studiare il profilo della famiglia. Ciò che è condiviso nei social network non è più privato e può essere disponibile non solo per i contatti ma anche per le conoscenze degli altri. Cioè, se carichi una foto del tuo viaggio e tuo cugino lo condivide, il contenuto è ora visibile, scaricabile e utilizzabile anche per i suoi amici.

Ecco perché devi iniziare esaminando le impostazioni sulla privacy delle tue reti (e dei tuoi figli). La maggior parte delle reti offre la possibilità di limitare l’ambito dei contenuti e, se necessario, è possibile creare gruppi specifici. E’ possibile creare gruppi chiusi di amici o familiari per condividere tali informazioni.

Si consiglia, inoltre, di evitare di mostrare il tipo di regali che riceviamo, soprattutto i più costosi, in modo da non attirare l’attenzione dei criminali.

Un’altra misura di sicurezza è ciò che gli esperti chiamano “austerità dei dati”. Ad esempio, invece di pubblicare il dettaglio del viaggio, i tuoi biglietti aerei (o peggio, il tuo passaporto) e rivelare dove stai andando, puoi scegliere di creare successivamente un album con le immagini.

Non esporre te stesso sui social network

Secondo gli esperti di sicurezza informatica, queste sono alcune delle cose che dovresti evitare di pubblicare sui social network :

  • Il tuo documento di identità: oltre al numero, la data di rilascio del documento e la sua nascita sono utilizzati nei procedimenti bancari per confermare la tua identità. Ricorda che il documento contiene anche le impronte digitali.
  • Biglietti: da un lato, si può clonare il biglietto stampando il corrispondente codice a barre. D’altra parte, i biglietti contengono anche informazioni sulla tua destinazione e sul numero del tuo volo, tanto da poter conoscere la tua posizione in tempo reale.
  • Targhe auto: con queste informazioni è possibile fare qualsiasi cosa: accedere all’assicurazione, avere informazioni tecnico-meccaniche e ulteriori dettagli.
  • Regali di lusso: se hai cambiato tutti i tuoi mobili, se hai ristrutturato la cucina, se hai comprato auto, computer, ecc., evita di mostrarlo nelle reti perché può risvegliare l’interesse delle band organizzate.
  • Fotografie in costume da bagno: in particolare, i minori sono i più vulnerabili. Le immagini in costume da bagno, in spiaggia o in piscina possono essere rubate e utilizzate per scopi criminali.
  • Stati estremi: evitare di pubblicare fotografie o contenuti che mostrano eccessi come stati di euforia di una festa o quanto si beve, ma anche pubblicazioni depressive. Entrambi gli stati possono influenzare la reputazione del tuo account e generare disagio in ambienti esterni, come il posto di lavoro.
Federica DiFederica

WhatsApp, ovvero la “mano del diavolo” che dispensa ansie e paure

Poiché è praticamente impossibile fare a meno – diciamocelo – di qualcosa di essenziale nella vita di oggi come Whatsapp – o qualsiasi altro mezzo di comunicazione immediata, il problema della “comunicabilità”, fiducia e interazione si intensifica. Tuttavia, ciò che si può fare è cominciare a capire che il problema non è lo strumento, ma l’uso inadeguato che ne è fatto.

Qualsiasi applicazione che è nelle mani di una persona, il cui obiettivo primario è quello di usarlo per avere il controllo su un’altra persona (in questo caso il partner), farà scattare l’ansia di quell’individuo. Quando si tratta fondamentalmente di utilizzare uno strumento attraverso motivazioni inadeguate, stiamo parlando di atteggiamenti e comportamenti derivati ​​da una profonda e personale insicurezza – letteralmente e simbolicamente parlando.

In questo senso ci sono due problemi che influenzano significativamente l’uso di WhatsApp come mezzo per controllare la coppia: errata percezione e assunzione. Da un lato, la percezione è ciò che ci permette di avere una prima conoscenza di qualcosa basata sulle impressioni che i sensi comunicano. Tuttavia, l’assenza o l’inadeguata informazione di quei sensi possono facilmente portarci a una percezione errata. Ciò accade nel caso in cui, ad esempio, la persona anticipa le informazioni e assume che quel che percepisce è il comunicare qualcosa – quando non è realmente così. “So che hai visto il messaggio” potrebbe essere il pensiero di non ricevere una risposta dopo la doppia verifica blu. Ma questa percezione diventa errata e lascia il posto a uno stato di ansietà quando quel pensiero è seguito da un “…e non voleva rispondermi”.

La verità è che questa è un’anticipazione che ovvia alla realtà: sappiamo solo che ha visto il messaggio. Se ci concentrassimo su quest’ultimo dato, non ci sarebbe motivo di soffrire di ansia.

In secondo luogo, quando percepiamo erroneamente e ci separiamo dalla realtà anche solo per un breve momento, assumiamo che le nostre paure siano vere; la vittima della “sindrome del doppio controllo” entra nella sfiducia e inizia a collegare un’idea dopo l’altra con ciò che finisce per chiudere il morsetto di quello stato. Se l’utente non ha il suo “rinforzo positivo” – la risposta – per dirla in qualche modo, la miriade di pensieri errati non si ferma.

La verità è che è difficile accettare che WhatsApp, Facebook o qualsiasi altro strumento del genere siano decisivi per diluire le relazioni di coppia, perché ci sono ancora molti milioni di persone le cui relazioni sentimentali non sono state toccate, eviscerate, influenzate. Influenzate? Sì, certo.

La responsabilità diretta ha a che fare con la capacità di ciascuna persona di mettere in pratica un’intelligenza emotiva che promuova un’appropriata assertività nell’uso di queste applicazioni e nel loro legame diretto con le loro relazioni. È un po’ come ricordare il vecchio detto popolare: “Le armi sono caricate dal diavolo, ma quelle stupide le sparano”. Ci vediamo la prossima volta.

Federica DiFederica

Fake News, una nuova espressione per una vecchia abitudine

L’uso del termine inglese “Fake News” (notizie false) si è moltiplicato negli ultimi mesi grazie ai media. Un’espressione che designa una informazione volutamente falsa che, di solito, circola su Internet.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Effetto “Mi piace” dei social media sul cervello e comportamento degli adolescenti

Gli stessi circuiti cerebrali attivati ​​mangiando cioccolato e vincendo denaro vengono attivati ​​quando gli adolescenti vedono un gran numero di “Mi Piace” sulle proprie foto postate su un social network. E’ questo il risultato di un nuovo studio in cui i ricercatori hanno letteralmente scansionato il cervello degli adolescenti mentre usano i social media.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Quali sono i comportamenti sicuri sui social network – Parte 2

Dopo aver approfondito gli aspetti negativi di un comportamento scorretto sui social network, analizziamo queli sono quelli sicuri. Le azioni elencate nel precedente articolo, sono sicuramente legati ad un certo social networking “evitabile”.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Quali sono i comportamenti rischiosi sui social network – Parte 1

Ecco un elenco di azioni sui social network che possono avere risultati terribili, accompagnati dalle più comuni minacce di sicurezza che potrebbero comportare. Non solo per i nostri figli, ma anche per noi stessi, utenti assidui o meno di piattaforme di condivisione.  Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Una storia cronologica dell’evoluzione dei social media

Ripercorriamo velocemente l’evoluzione e la storia dei social media. Gli esseri umani sono creature sociali, abbiamo bisogno di interazioni sociali per mantenere una vita e una mente sani. Possiamo pensare di poter affrontare ogni cosa senza l’aiuto di altri, possiamo trovare fastidiosi alcuni contesti sociali, ma provate a vivere senza interazioni sociali per mesi o anni. Non sorprende, quindi, che i siti di social media e le applicazioni per essi media siano oggi così popolari.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Chi è il brand journalist e cosa fa: la nuova era del giornalismo che racconta le aziende

Le grandi aziende come HSBC, Coca-Cola e American Express hanno sviluppato sui propri portali diversi contenuti, una tendenza che cresce man mano che i mezzi di comunicazione asfaltano qualsiasi altro espediente pubblicitario. Prima le aziende erano solo una “notizia”, ora la “fanno”. La comunicazione aziendale si è spostata dal comunicato stampa ai portali interni con uno sviluppo autonomo e in grado di tenere il passo e, addirittura superare, le pubblicazioni dei media mainstream.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

5 effetti che i social network hanno su di noi

I ricercatori vogliono approfondire le dinamiche del comportamento umano e l’interazione delle persone con la tecnologia e i social media. Alcuni dei risultati delle ricerche finora condotte ci confermano quello che già sapevamo. I social network, in generale tutti, dicono molto di noi, tanto che per alcuni diventano – o sono diventati di diritto –  una vera e propria scienza sociale.

Diamo un’occhiata, quindi, a ciò che la scienza dice di noi e delle nostre reti sociali.

Photo taking/foto cibo = disturbo alimentare

Se non ne avete ancora sentito parlare, la fotografia alimentare è stata considerata un segnale di malattia mentale. Uno studio sul fetish alimentare ha parlato di questo fenomeno, asserendo che potrebbe essere un segnale per i disturbi del peso.

Non tutti coloro che lo fanno hanno un problema con il cibo. Ma il fenomeno è così diffuso che alcuni ristoranti hanno cominciato a vietare di fotografare il cibo.

Connessioni online/offline

Uno studio della Brigham Young University si basa sulle risposte di 491 intervistati e ha concluso che gli adolescenti che si connettono con i loro genitori alle reti di social media come Facebook e Twitter hanno un miglior rapporto con loro offline. Sono anche meno a rischio di essere depressi o di comportarsi in modo aggressivo.

Tuttavia non si può dire lo stesso per i rapporti coniugali. Fra i colpevoli che potrebbero condurre ad una rottura o al divorzio tra utenti eccessivi di Facebook sono “la sorveglianza del partner” e la gelosia derivante da un partner che rimane in contatto con il proprio ex. Uno studio afferma che le relazioni di meno di 3 anni sono più facilmente colpite da queste influenze, mentre quelle più lunghe sono più immuni da questa influenza.

Amatevi, e amate il vostro social network

Siamo abbastanza sicuri che ci sia una dose sana di narcisismo, necessario se utenti attivi dei social media. Ma sapevate che c’è uno studio che può farne una scienza? “Facebook è uno specchio e Twitter è un megafono“, dice questo studio di University of Michigan che esplora come questi strumenti incoraggino il narcisismo a livelli piuttosto importanti.

I giovani valutano l’importanza delle proprie opinioni. In sostanza, se si dispone di un parere che si desidera trovare in un pubblico, Twitter è lo strumento per voi. Gli adulti di mezza età hanno preferito spostarsi su Facebook, formando un portafoglio delle loro scelte di vita e modellandolo ad una versione da far approvare ai propri ambienti sociali.

Il lato dannoso di Facebook

Larry Rosen, professore di psicologia presso la California State University, un esperto sul legame tra psicologia e tecnologia, dice che gli adolescenti presenti su Facebook mostrano “tendenze narcisistiche”. Sono anche più inclini alla depressione, ai voti bassi, ai disturbi psicologici e ai problemi di salute futuri se trascorrono troppo tempo su Facebook. Sul lato opposto, anche gli adolescenti imparano a mostrare “empatia virtuale” agli amici online e (in qualche modo) nella socializzazione da dietro lo schermo. Rosen ha anche sottolineato un’accesa comunicazione diretta tra genitore e figlio anzichè lo stalking online o lo spionaggio attraverso le applicazioni. Tuttavia, è necessario impostare limiti e confini anziché avere una detox digitale.

Autostima, Facebook e Foto

Un rapido controllo di cinque minuti dei profili di Facebook può aumentare notevolmente l’autostima degli utenti. Il test chiede agli intervistati di associare aggettivi positivi e negativi con le parole me, io, io e me stesso. Più le associazioni sono positive, maggiore è l’autostima del rispondente. Gli utenti hanno più autostima dopo un rapido controllo dei propri profili.

Le foto sono l’indice più grande della propria autostima. Una foto può provocare un alto potere immediato nel confronto sociale e questo può innescare sentimenti di inferiorità. In altre parole, l’autostima è più facilmente colpita da ciò che vediamo postato su Instagram.

Conclusione

I media sociali hanno sicuramente un impatto su quello che siamo e le persone che ci circondano. È uno strumento a cui siamo associati a livello personale, così personale che le cose che si fanno sui social network come Facebook potrebbero farci mescolare persino con individui con intenti criminali. Forse è per questo che i ricercatori e gli psicologi sono così desiderosi di studiare come interagire con altri esseri umani dietro l’anonimato di uno schermo.

Fatemi sapere se siete d’accordo con quello che alcuni di questi scienziati sostengono.

Send this to friend