5 effetti che i social network hanno su di noi

Federica DiFederica

5 effetti che i social network hanno su di noi

I ricercatori vogliono approfondire le dinamiche del comportamento umano e l’interazione delle persone con la tecnologia e i social media. Alcuni dei risultati delle ricerche finora condotte ci confermano quello che già sapevamo. I social network, in generale tutti, dicono molto di noi, tanto che per alcuni diventano – o sono diventati di diritto –  una vera e propria scienza sociale.

Diamo un’occhiata, quindi, a ciò che la scienza dice di noi e delle nostre reti sociali.

Photo taking/foto cibo = disturbo alimentare

Se non ne avete ancora sentito parlare, la fotografia alimentare è stata considerata un segnale di malattia mentale. Uno studio sul fetish alimentare ha parlato di questo fenomeno, asserendo che potrebbe essere un segnale per i disturbi del peso.

Non tutti coloro che lo fanno hanno un problema con il cibo. Ma il fenomeno è così diffuso che alcuni ristoranti hanno cominciato a vietare di fotografare il cibo.

Connessioni online/offline

Uno studio della Brigham Young University si basa sulle risposte di 491 intervistati e ha concluso che gli adolescenti che si connettono con i loro genitori alle reti di social media come Facebook e Twitter hanno un miglior rapporto con loro offline. Sono anche meno a rischio di essere depressi o di comportarsi in modo aggressivo.

Tuttavia non si può dire lo stesso per i rapporti coniugali. Fra i colpevoli che potrebbero condurre ad una rottura o al divorzio tra utenti eccessivi di Facebook sono “la sorveglianza del partner” e la gelosia derivante da un partner che rimane in contatto con il proprio ex. Uno studio afferma che le relazioni di meno di 3 anni sono più facilmente colpite da queste influenze, mentre quelle più lunghe sono più immuni da questa influenza.

Amatevi, e amate il vostro social network

Siamo abbastanza sicuri che ci sia una dose sana di narcisismo, necessario se utenti attivi dei social media. Ma sapevate che c’è uno studio che può farne una scienza? “Facebook è uno specchio e Twitter è un megafono“, dice questo studio di University of Michigan che esplora come questi strumenti incoraggino il narcisismo a livelli piuttosto importanti.

I giovani valutano l’importanza delle proprie opinioni. In sostanza, se si dispone di un parere che si desidera trovare in un pubblico, Twitter è lo strumento per voi. Gli adulti di mezza età hanno preferito spostarsi su Facebook, formando un portafoglio delle loro scelte di vita e modellandolo ad una versione da far approvare ai propri ambienti sociali.

Il lato dannoso di Facebook

Larry Rosen, professore di psicologia presso la California State University, un esperto sul legame tra psicologia e tecnologia, dice che gli adolescenti presenti su Facebook mostrano “tendenze narcisistiche”. Sono anche più inclini alla depressione, ai voti bassi, ai disturbi psicologici e ai problemi di salute futuri se trascorrono troppo tempo su Facebook. Sul lato opposto, anche gli adolescenti imparano a mostrare “empatia virtuale” agli amici online e (in qualche modo) nella socializzazione da dietro lo schermo. Rosen ha anche sottolineato un’accesa comunicazione diretta tra genitore e figlio anzichè lo stalking online o lo spionaggio attraverso le applicazioni. Tuttavia, è necessario impostare limiti e confini anziché avere una detox digitale.

Autostima, Facebook e Foto

Un rapido controllo di cinque minuti dei profili di Facebook può aumentare notevolmente l’autostima degli utenti. Il test chiede agli intervistati di associare aggettivi positivi e negativi con le parole me, io, io e me stesso. Più le associazioni sono positive, maggiore è l’autostima del rispondente. Gli utenti hanno più autostima dopo un rapido controllo dei propri profili.

Le foto sono l’indice più grande della propria autostima. Una foto può provocare un alto potere immediato nel confronto sociale e questo può innescare sentimenti di inferiorità. In altre parole, l’autostima è più facilmente colpita da ciò che vediamo postato su Instagram.

Conclusione

I media sociali hanno sicuramente un impatto su quello che siamo e le persone che ci circondano. È uno strumento a cui siamo associati a livello personale, così personale che le cose che si fanno sui social network come Facebook potrebbero farci mescolare persino con individui con intenti criminali. Forse è per questo che i ricercatori e gli psicologi sono così desiderosi di studiare come interagire con altri esseri umani dietro l’anonimato di uno schermo.

Fatemi sapere se siete d’accordo con quello che alcuni di questi scienziati sostengono.

Info sull'autore

Federica

Federica administrator

Commenta

Send this to friend