Archivio mensilemarzo 2017

Federica DiFederica

Il social delle vanità: la cultura degli auguri da bacheca e dell’allontanamento umano

Ieri era la Festa del papà. Domani lo sarà della Mamma e poi di infiniti compleanni, ricorrenze, anniversari. Un dedalo di date che si rincorrono. Sui social network è un via vai di auguri, congratulazioni e complimenti.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Facebook: studio conferma l’efficacia dei video brevi

Questa settimana Facebook ha condiviso i dati relativi ad uno studio che analizza il consumo di video sulla sua piattaforma. Le informazioni raccolte confermano l’enfasi della società per quanto riguarda la realizzazione di materiali più audiovisivi.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Sui social network si scrive di più, ma peggio

Sono migliaia le persone che affermano di odiare gli errori di ortografia sui loro profili Facebook. Ci sono altri utenti, invece, per cui una “h” di troppo o in meno non fa alcuna differenza. Un’altra fetta di utenza rimane indifferente, affermando che, trattandosi di social networking, si può scrivere in qualsiasi modo, purché si scriva.

Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Perché i media sociali non cambiano il mondo

La proliferazione nell’uso dei social media non ha portato a significativi cambiamenti sociali. Ma, di fatto, siamo cambiati. Tutti.

Lo hanno confermato diversi studi. Seppur, a ben guardare, a noi pare proprio che tutta la struttura della società sia cambiata. I social media hanno fornito, infatti, un potente combustibile per le mobilitazioni spontanee, hanno aiutato a costruire un cambiamento sociale, sostenibile e di pensiero, vale a dire l’azione collettiva coordinata.
Maggiori informazioni

Federica DiFederica

Il social come tu lo vuoi

Una delle paure più comuni è quella del foglio bianco. Una volta erano i fogli protocollo per un compito in classe, poi venne Word. Oggi qualsiasi spazio nel qual poter scrivere. Cosa? Quello che siamo, vogliamo o pensiamo.

Scrivere è un’arte, sebbene oggi ci tentino un po’ tutti. Il come fa la differenza. Ci sono delle regole da rispettare, delle strutture da seguire, delle tecniche per fidelizzare un lettore, incuriosirlo, insegnargli qualcosa, dirgli fra le righe “torna presto, ti aspetto!”.

E’ quello che sto pensando anche io in questo momento, mentre scrivo il primo post (sì, su un blog tutto quello che si pubblica è un post), mentre cerco di mettere in ordine le idee per dare forma ad un progetto, ad un’idea che vuole fare di un lavoro anche un hobby e di un hobby un lavoro al tempo stesso. Perchè scrivere ti entra dentro, è una forma di comunicazione e lo facciamo ovunque. Anche un pensiero o uno stato d’animo postato su Facebook o qualsiasi altro social network è una forma di scrittura. E anche sui social è bene seguire delle regole.

Se vorrete seguirmi, le scopriremo insieme. Scopriremo come scrivere su un social e la psicologia che c’è dietro ognuno di esso; scoriremo come scivere un documento o un articolo con tutte le tecniche essenziali per non essere mai fuori luogo; infine, scopriremo come scrivere sia anche un metodo di rilassamento che fa danzare le dita sulla tastiera di un pc.

Infine, come si conviene a qualsiasi spazio vitale, qui ognuno troverà una risposta. Potrete farmi domande in privato o pubblicamente; chiedere una consuelenza o un’assistenza particolare. Trovate i miei recapiti nella sezione “Contatti”. La risposta sarà immediata.

Buon viaggio…

Send this to friend